Tra libertà e sicurezza

And did you exchange a walk on part in the war for a lead role in a cage?

Vi è una linea ideale all’interno della quale si muove l’esistenza di ogni uomo, una linea le cui estremità si chiamano libertà e sicurezza.
Libertà da una parte, sicurezza al suo opposto.
Definire la libertà non è semplice, e mai lo è stato.
Vi sono innumerevoli definizioni che a tale concetto si sono date nel corso dei secoli, così come vi sono diversi piani in cui l’idea di libertà si può applicare: quello fisico, quello mentale, quello più propriamente intimo.
E l’essere liberi in assoluto è una chimera, dal momento che in ogni aspetto del nostro vivere sono presenti regole e costrizioni, più o meno grandi, doveri e legami, più o meno sentiti.
Più semplice, al contrario, descrivere la sicurezza, poichè il suo campo è più prettamente ‘materiale’, concreto, terreno ed utilitaristico.
La sicurezza è un sentimento strettamente connesso con l’istinto primario di ogni essere animale, ovvero la sopravvivenza, e l’uomo, come si suol dire, non fa eccezione in questo.
Per l’essere umano, nello specifico, il concetto di sicurezza si traduce concretamente nella possibilità di soddisfare i suoi bisogni primari, e vitali.
La sensazione di sicurezza è quindi garantita dalla possibilità di avere del cibo, un riparo, dei vestiti, e prima ancora, dal non doversi preoccupare per la propria incolumità fisica.
Vivere senza temere di essere in pericolo di vita, prima di ogni altra cosa.
Si può facilmente constatare come questa necessità primaria sia stata, dalla notte dei tempi, la giustificazione per ogni forma di potere che nei secoli ha avuto il compito di guidare la vita delle varie società.
La presenza di qualcuno che “garantisca la sicurezza” è da sempre il motivo principale, infatti, per il quale gli uomini delegano a quel qualcuno l’esercizio del potere. Leggi il resto dell’articolo

Il Grande Fratello ti prende la parola: “ghiaccio”, “maiale” e “aiuto”….vocabolario terrorista?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ stata pubblicata una lista di parole “sospette” che se usate nella Rete potrebbero richiamare l’attenzione dei servizi di sicurezza degli Stati Uniti.

Sei ritornato dalle vacanze trascorse in qualche spiaggia messicana ed hai deciso di condividere l’esperienza su un blog? O ha scritto qualcosa su twitter relativo ad un corso sci? Attenzione…i servizi di sicurezza USA potrebbero considerare i tuoi commenti come “sospetti”.

Nella sua ossessiva lotta anti-terrorismo, il Dipartimento di Sicurezza Nazionale degli USA (DHS), ha elaborato una lista di parole sospette. Se molte di queste possono avere un evidente richiamo, come Al-Qaeda o bomba, altri casi sorprendono. Ad esempio l’allarme del Grande Fratello può scattare se si scrive qualcosa sulla neve o sulla carne di maiale. Leggi il resto dell’articolo

Rasmussen mette in guardia contro tagli nella spesa per la difesa

Il segretario generale della NATO, Anders Fogh Rasmussen, avverte che l’Europa deve investire di più in difesa e intelligence per una migliore gestione delle crisi internazionali. Ha anche anche lamentato la forte dipendenza dell’organizzazione di Washington al momento di risolvere i conflitti.
L’influenza e la leadership dell’Europa sulla scena internazionale- come dimostra la situazione in Libia- si ridurranno se i tagli alla difesa continueranno, ha avvertito.

 

Il segretario generale ha detto che l’Europa dovrà fare sempre più affidamentosulle potenze emergenti come India e Cina per mantenere un livello adeguato nella gestione delle crisi internazionali.
“Penso che sia qualcosa di positivo che l’operazione in Libia si svolge sotto la leadership degli alleati europei, insieme al Canada e ai partner della regione”, ha detto.
“Per la prima volta nella storia della NATO si è vista un’operazione che non è stata guidata dagli statunitensi”, ha aggiunto.

 

Ma le operazioni potrebbero smettere in Libia senza gli “attivi unici e cruciali” forniti dagli USA se le spese per la difesa dovessero essere ridotte.
“In una prospettiva a lungo termine, se gli avvenimenti attuali continuano, l’influenza dell’Europa nello scenario internazionale si ridurranno gradualmente a causa della mancanza di capacità di trasporto e alle limitazioni per realizzare compiti d’intelligence”, ha segnalato Rasmussen

 

“A causa di questa mancanza l’Europa non sarà capace di partecipare alla gestione delle crisi internazionali e la breccia sarà occupata dalle potenze emergenti come l’India e la Cina, ed è un dato di fatto”.

 

In linea generale, il livello delle spese militari dei paesi europei membri della NATO è quattro volte inferiore a quello degli Stati Uniti.
Fonte ita: VociDallaStrada
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: