ANCHE L’EVASIONE FISCALE DIVENTA UN SERVIZIO BANCARIO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Molti commentatori hanno notato l’eccessiva tempestività dell’inchiesta giudiziaria che ha colpito il vertice della Lega Nord. L’aspetto grottesco di alcuni dei commenti più “autorevoli” ha riguardato invece la rievocazione del “ruolo storico” svolto dalla Lega nel porre al centro la “questione settentrionale” e nel rappresentare le “ragioni del profondo Nord”. A tutt’oggi però non si comprende quali istanze sociali ed economiche siano rappresentate – o siano state rappresentate – dalla Lega, che si è sempre manifestata come un fenomeno di mestierantismo politico artificiosamente gonfiato dai media.
Se è vero che l’attuale inchiesta giudiziaria va ad indebolire una componente della sparuta “opposizione” al governo Monti, è vero anche che sino a pochi giorni fa si trovava sulla graticola giudiziaria e mediatica un lacchè del governo come Rutelli. Appena ieri persino Vendola è finito nell’elenco degli indagati.
In questi ultimi mesi le inchieste giudiziarie hanno bombardato il sistema politico nel suo insieme, e non solo per la questione dei rimborsi elettorali. Ed anche ora i moventi “concreti” per lasciar via libera alle inchieste giudiziarie non mancano.
Venti anni fa, all’epoca di “Mani Pulite”, il sistema dei partiti controllava ancora banche e partecipazioni statali. Oggi la politica controlla al massimo gli appalti locali, le municipalizzate e le casse di risparmio; ma per le privatizzazioni anche questi avanzi non sono da buttare. Nell’affarismo locale la Lega si era ritagliato la sua fetta praticamente dall’inizio, perciò non si possono presentare le sue magagne attuali come una degenerazione rispetto ai passati ideali.  Leggi il resto dell’articolo

LA TOSATURA. Ma le pecore non stavano sui Monti? (di Jacopo Berlendis)

Un amministratore delegato di Intesa-San Paolo e super manager in CIR, un presidente del Comitato Militare della NATO, un membro del CDA di Telecom, un ex ambasciatore in Israele e ora negli USA, un ex consigliere della Banca Mondiale e membri di organizzazioni ecclesiali, il tutto coordinato da un advisordi Goldman Sachs, nonché presidente europeo della Commissione Trilaterale e membro del gruppo Bilderberg. Ecco il nuovo governo, insediatosi nell’euforia generale, per la soddisfazione di tutti, o quasi.

Obama è senz’altro il più soddisfatto. Il capo della servitù, divenuto tale dopo decenni di onorato servizio (si ricordi il celebre viaggio di Napolitano a Washington del 1978), ha fatto un ottimo lavoro con i sottoposti. Il cameriere di Arcore ha apparecchiato la tavola, mentre gli chef internazionali, o meglio ancora, europei, Draghi e Monti, hanno preparato succulente ricette (economiche) per il padrone, che, insieme al suo fido pastore tedesco, farà dei nostri settori strategici tanti prelibati Bocconi. Che io sappia, niente panfili questa volta. Poco male, quando si papperanno il porto di Genova come hanno fatto con il Pireo avranno tutto lo spazio per ogni festicciola che vorranno. Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: