La Spirale del Declino Culturale. Un Nuovo Rinascimento?

Cole_Thomas_The_Course_of_Empire_Destruction_1836

di W. de Gruijter

Gli scienziati stanno schiacciando il tasto ‘Panico’, dato che sembra ormai ragionevole ipotizzare l’avvento di una inaudita catastrofe umanitaria dovuta all’incremento delle disparità economiche.

Tuttavia nessuno sembra voler far nulla per evitare che ciò accada; soprattutto perché il linguaggio etico ha smesso di interessare la politica che si occupa di economia. Per cui adesso si assiste ad un tentativo di rivitalizzare l’argomento etico.

E’ un tema che sta tornando in voga poiché dall’uscita del bestseller dell’economista francese Thomas Piketty e del libro degli epidemiologi inglesi Kate Pickett e Richard Wilkinson, praticamente nessun pensatore critico può più permettersi di ignorarlo. Il colpo di Stato finanziario evolutosi dall’inizio degli anni ’80 condurrà inevitabilmente a un disastro umanitario che coinvolgerà tutti gli interessati, tanto i ricchi quanto i poveri. Ma nel frattempo nessuno muove un dito per evitare che il disastro si consumi.
Viene da chiedersi:
“Chi creerà per l’umanità un sistema di interpretazione valido che identifichi e differenzi le azioni buone da quelle cattive, l’insopportabile dal sopportabile?”
Si tratta di una questione etica ancora priva di risposta, che lo scrittore russo Aleksandr Solženicyn (1918-2008) espresse ritirando il premio Nobel nel 1970, e che non è mai stata tanto attuale. Difatti l’argomento ‘etica’ sta per fare ritorno nel discorso culturale, soprattutto in materia economica. Sebbene al momento la prospettiva possa sembrare piuttosto inconcepibile ci sono diverse buone ragioni per ritenere che il cambiamento stia per interessare la nostra società.
Le culture rifioriscono a seconda della stagione, esattamente come le piante ed i fiori. Secondo il filosofo, storico e Premio Nobel britannico Bertrand Russell (1872-1970), tutto ciò frequentemente si verifica tra fasi di rigorosa moralità e decadenza morale. Sicché non credo che il ‘libero’ paradigma espressione del mercato decadente, dove tutto gira intorno alla competizione, al consumo e alla manipolazione possa ritenersi scolpito per l’eternità nella pietra della cultura. Il libero mercato è maturo per un po’ di moralità, dal momento che questo dogma unilaterale della crescita economica sta ostacolando in modo sempre più radicale la rifioritura e la crescita della cultura.
In primo luogo, per rendere le cose più chiare, bisogna chiarire che un paradigma – o visione del mondo – è una rete di idee, tramandate di solito attraverso l’educazione, l’istruzione, i media e la politica, con cui l’individuo dà un senso all’esperienza della propria esistenza (emozioni, istinti, intuizioni e razionalizzazioni). E’ molto importante capire il significato del concetto, dal momento che all’interno delle idee paradigmatiche si cela un potere enorme, quasi magico; soprattutto perché tutti inconsciamente le fanno proprie.
Nella nostra epoca la maggior parte delle persone accetta l’idea che il possesso di prodotti, in particolare quelli rari o quelli che rendono la vita più comoda, determini se qualcuno meriti rispetto e amore. E chi non desidera sperimentare l’amore? Pertanto la maggior parte della gente si fa in quattro, per così dire, con l’obiettivo di ottenere quella roba che dovrebbe garantirle la ‘felicità.’ Ironia della sorte, in questo modo spesso trascura i momenti (le scelte) senza prezzo fondamentali per lo sviluppo personale. Eppure nell’ottica economica questo è esattamente l’atteggiamento più appropriato. Perché quanto più ci si isola, tanto più elevata è l’assenza d’amore, maggiore è la compulsione nell’acquistare cose che compensino il vuoto interiore – equazione estremamente nota al settore del marketing.
Intanto da tale mentalità (come da qualsiasi altra cosa) si sviluppano conseguenze. L’idea che il valore delle persone dipenda dalla quantità di prodotti posseduti crea un folto insieme di effetti collaterali. Ciò spiega, ad esempio, l’accettazione sociale che un banchiere fallisca a spese della collettività per poi proseguire la carriera come se niente fosse, mentre nei ranghi più bassi della società una frode di un migliaio di dollari possa essere punita con la detenzione in carcere.
Quando una società si basa sempre più unilateralmente sui beni materiali, ecco che inizia a trascurare gli elementi di natura immateriale, come – nel precedente esempio – la giustizia sociale. Ma anche l’importanza di cose come la compassione, la solidarietà e la cooperazione sono trascurati all’interno della visione del mondo materialista e competitivo; ciò che emerge è una mentalità da ‘ognuno per se’, che cammina di pari passo con un atteggiamento cinico; come se la fede nella bontà intrinseca del genere umano stia lentamente disintegrandosi, soppiantata da un quadro molto più oscuro della natura umana. Cinismo comprensibile, considerato il contesto, che genera passività e minaccia realmente gli interessi della comunità nel suo insieme; tutto ciò potrebbe comportare un peggioramento delle cose, specie se abbiamo a che fare con una sorta di profezia auto-avverante.
Tutto sommato non si può escludere che sia stato messo in moto un circolo vizioso di declino culturale. Anche una serie di recenti ricerche effettuate dagli epidemiologi britannici Kate Pickett e Richard Wilkinson hanno sottolineato tale concetto. In effetti le persone risultano essere molto più intimamente interconnesse di quanto vorrebbe dare ad intendere la superficiale mentalità materialistica. Per la precisione, man mano che la gerarchia sociale si accresce (e con essa le disparità tra ricchi e poveri), le persone sono sempre più valutate sulla base della loro ‘roba’, piuttosto che in funzione della loro reale essenza di esseri umani.
Psicologicamente tutto ciò è vissuto con un incremento della pressione, dato che per soddisfare questo tipo di standard è necessario coltivare regolarmente una mentalità nota per i suoi rischi per la salute. Infatti nei paesi ove vigono grandi differenze di ricchezza si registra un elevato incremento delle malattie legate allo stress, della diffidenza reciproca, di disturbi psichici come la depressione e le dipendenze. Inoltre la pressione legata al desiderio di ‘successo’ porta – tra le altre cose – ad un incremento degli abbandoni scolastici e ad una diminuzione dell’aspettativa di vita media. In realtà molti accademici sono arrivati a concludere che l’unico tipo di personalità che si adatti a vivere bene nel mondo neo-liberista sia quella dello psicopatico, qualcuno cioè che è naturalmente incline a sperimentare minore stress e dolore interiore.
Quest’ordine di cose non può proseguire per sempre, come ha affermato lo scrittore russo Aleksandr Solzhenitsyn. Non è lontano il momento in cui il freddo materialismo, esattamente come erose il modello comunista, finirà per erodere dall’interno anche quello neoliberista, essenzialmente a causa della totale carenza di ispirazione e vitalità all’interno della società che ne è diventata espressione.
Questa situazione è tutt’altro che statica. Esistono naturalmente numerosi parametri coinvolti – ma in base alla capacità umana di ragionare e fronteggiare un problema comune, prima o poi i valori immateriali torneranno nel cuore del dibattito pubblico; soprattutto in tema di economia. Tale necessario reflusso prenderà l’avvio da un punto di svolta emblematico (ad esempio il fallimento di una banca ritenuta troppo grande per fallire, oppure un movimento di protesta di massa) e la rivalutazione complessiva del ragionamento etico tornerà ad essere una realtà; e non stupitevi se tale argomento sarà propugnato dai repubblicani (in quanto è già accaduto  in passato): se le regole del gioco cambiano, tutto è possibile.
Nel frattempo la visione dominante degli ultimi trent’anni sta lentamente crollando sotto il fardello dell’attuale crisi. In un numero crescente di persone stanno facendosi strada seri dubbi al riguardo. Perfino a Wall Street, dove aziende come Standard & Poor’s hanno iniziato a denunciare apertamente le pericolose conseguenze dell’incremento delle disparità economiche.
Chi lo sa; forse i primi sintomi di un nuovo rinascimento sono già avvertibili.

L’autore: Werner de Gruijter è uno psicologo sociale e moderatore delle Symposion Nights, piattaforma per il pensiero critico con sede in Amsterdam.

Articolo in lingua inglese, pubblicato sul sito Global Research
Link diretto:
http://www.globalresearch.ca/a-vicious-circle-of-crisis-and-cultural-decline-towards-a-rebirth-of-the-west/5397140

Traduzione a cura di Anticorpi.info

Identità tra destino e costruzione culturale

pallas_atena__statue_in_front_of_the_vienna_parli_by_organu-d57xck91

di Andrea Lacarpia

“Tu dunque su questa mia terra non spargere coti insanguinate che affilino armi e cuori di giovani e contese e rovine furenti … e i miei cittadini non aizzarli … a guerre civili, a violenze di fratelli contro fratelli. Con nemici di fuori sia, la guerra, che allora non è penosa e in essa ci sarà un terribile amore di gloria: non dico una battaglia di uccelli domestici.”

(versi dell’Orestea di Eschilo, con i quali Atena placa l’ira delle Erinni)

Il concetto d’identità è connesso all’individuazione dei confini che suddividono territori, intesi non solo come luoghi, ma anche come comunità e singole individualità. Immaginando il tempo come un corso d’acqua, l’identità può essere vista come una diga che, arginando la discesa dell’informe fluire, ne disciplina la forza donandole forme ben definite. Come la diga, prodotto dell’ingegno che ricalca le leggi naturali con il fine di ottenerne un maggiore beneficio, l’identità è un prodotto culturale, finalizzato alla prosperità e basato su un patto di comunione e reciproco rispetto, stipulato dall’uomo con i luoghi nei quali vive, che gli antichi ritualizzavano con le offerte e i sacrifici alle divinità locali.

Un’interpretazione frettolosa della contrapposizione flusso/diga potrebbe far pensare che il casuale fluire del tempo corrisponda alla libertà, mentre le costruzioni identitarie, stipulando patti ed elevando argini che si contrappongono a tale flusso, blocchino la libertà costringendola in confini innaturali. Osservando meglio le cose si può invece scoprire quanto le costruzioni identitarie possano essere espressione della natura e della libertà, tanto più della incontrollata vita senza leggi. In natura si può notare come ogni ente ed ogni luogo del mondo possieda un’identità propria formatisi per adattamento: essa è il risultato del dialogo tra la struttura genetica originaria che disciplina le forme (gli archetipi) e l’ambiente esterno con il quale essa si relaziona. Il risultato di tale dialogo sono le diverse forme naturali, che si stratificano nel tempo come sedimentazioni geologiche, mantenendo una struttura primigenia chiaramente individuabile dall’occhio innocente. La natura, quindi, incorpora in sè non solo il flusso dirompente, ma anche l’armonioso argine che trattiene e disciplina, e l’uomo ne perpetua l’operato attraverso le forme culturali, frutto della calibrazione delle pulsioni istintive con il giusto mezzo, il senso della misura che è la forma delle società civili. L’uomo è realmente libero quando è insieme flusso e argine, quando accetta di essere parte di un mondo diversificato nel quale, pur nella costante trasformazione dell’esistenza che si adatta al fluire del tempo, riesce a definire per esso e per la propria comunità un’identità coerente e stabile, ispirata dallo spirito del territorio che occupa e delimita, con il quale stipula accordi di reciproco rispetto e protezione (amor patrio). Le pretese d’universalità portano l’uomo alla prevaricazione, alla distruzione delle diverse identità e delle diverse concezioni di libertà, diverse perchè relative alle specificità naturali e culturali dei diversi territori.

Nell’uomo la libertà si esprime nell’atto di volontà guidato dalla consapevolezza di ciò che si è realmente: voler essere se stessi, nella propria concretezza spazio temporale, opponendosi alle illusioni di un’identità sfuggente, senza forma e senza luogo, vuota sia dal punto di vista materiale che spirituale.

L’identità racchiude concetti che possono sembrare opposti: destino e libertà, natura e costruzione culturale. Tutte contrapposizioni proprie del dualismo della psiche (individuale e collettiva), che le narrazioni mitologiche mettono in risalto tentando un’armonizzazione in cui il destino, pur essendo la forza più prorompente e misteriosa (subconscio magmatico e indefinito, dalla forza inesorabile), viene disciplinato dalla persuasione della parola e delle immagini (linguaggio), delle quali si fa alleato nella costruzione del mondo. In particolare, l’Orestea di Eschilo, la più grande trilogia di tutto il teatro mitico, racconta il tormento interiore di Oreste diviso tra luminosa volontà (Apollo) e oscuro destino (Erinni), terminando la narrazione con la riconciliazione tra la ragione olimpica e il Fato. A mediare positivamente è Atena, personificazione dell’intelligenza, la quale utilizza il giusto linguaggio che persuade le irrazionali Erinni, le forze della necessità che opprimono Oreste, cristallizzandole in forme simboliche. Dice la Dea: “Persuasione ha guidato il linguaggio della mia bocca”. In fondo, le Erinni ed Atena rappresentano le estreme gradazioni che può assumere la stessa energia che da occulta e lunare diviene intelliggibile e solare: entrambe spesso accompagnate da serpenti, nelle prime essi sono portatori di angoscia e calamità, mentre nella seconda sono trasformati in energia positiva. La trasformazione alchemica delle Erinni, rese benevole e accettate dalla società ateniese, cambia il destino di Oreste, liberato dal rimorso per aver ucciso la madre e con essa il legame con il passato. La stessa liberazione dagli aspetti negativi del destino si attua nella città di Atene, che accetta l’oscura tradizione incarnata dalle Erinni, rigenerandola nelle forme di una nuova coscienza mondata dagli eccessi del mondo tribale.

Ecco quindi che l’identità, quale costuzione culturale che cristallizza il flusso naturale in forme stabili, è parente del linguaggio con il quale Atena trasforma ed esorcizza le informi forze del destino: da oscure energie distruttive esse divengono energie salvifiche. Imbrigliando l’energia naturale in forme definite, il linguaggio simbolico dona dimore stabili al mutevole destino.

Anche Platone, nella sua cosmologia espressa nel Timeo, definisce con chiarezza il duale rapporto tra imprevedibilità del fato e stabilità del logos (ragione, intelligenza cosmica): “La generazione di questo universo fu il risultato della combinazione di Necessità e Ragione. Ragione prevalse su Necessità col persuaderla a indirizzare la massima parte delle cose in divenire verso ciò che è meglio; in tal modo e in base a tale principio questo universo fu plasmato alle origini dalla vittoria della persuasione intelligente su Necessità”.

(tratto da Arengo Culturale)

Fonte

Grazie a Renzi, anche l’Eni potrebbe lasciare l’Italia

Renzi

Quello di Monti era il governo della Goldman Sachs. Quello di Letta, il nipote, era il governo dell’Aspen Institute. Per dire che erano entrambi molto orientati a fare gli interessi della finanza anglo-americana. Non a caso il governo Monti realizzò lo scorporo della Snam, che gestisce la rete di distribuzione del gas in Italia, dalla holding Eni. Una richiesta che era venuta «non soltanto dagli esponenti della canaglia liberista in Italia (legati mani e piedi agli ambienti di Wall Street e della City) ma anche da azionisti dell’Eni come il fondo di investimento americano Knight Winke, che si era assunto il ruolo di assillare il governo con tale questione che poi Monti aveva finito per risolvere a suo modo all’inizio del 2012». Anche Matteo Renzi, che nel 2009 il settimanale americano “Time” aveva definito “l’Obama italiano”, si è mostrato fedele alla linea “atlantica” e ha avviato le grandi manovre per mettere in vendita quote azionarie di società sotto controllo pubblico come Eni, Enel, Poste, Finmeccanica e Fincantieri, ma anche Enav, Cdp Reti, Rai Way e Stm.

In particolare, scrive Giuliano Augusto su “Rinascita”, Renzi è intenzionato a vendere una quota del 5% di Eni ed Enel portando in tal modo la quota pubblica dal 30% al 25%. Attualmente l’Enel è controllato dal Tesoro con una quota del 31,244% mentre l’Eni è controllata al 26,369% dalla Cassa Depositi e Prestiti (il cui principale azionista è il Tesoro con l’80,1%) e dal Tesoro con il 3,94%. Collegata a queste operazioni c’è la questione dell’Opa obbligatoria che il Pd al governo vorrebbe fare scendere al 25% dall’attuale 30%, mentre il relatore del provvedimento alla Camera, Massimo Mucchetti, voleva portarla al 20%. Il che avrebbe obbligato il Tesoro e la Cassa Depositi e Prestiti a vendere la quota azionaria eccedente quella percentuale, sia che si tratti di quota diretta (Tesoro) che indiretta (Cdp). Obiettivo: tutelare «gli interessi esteri anglofoni». Renzi? «L’uomo giusto al posto giusto». Per la prima volta, nell’ente fondato da Enrico Mattei come leva strategica della rinascita italiana nel dopoguerra, i soci privati stranieri sono diventati maggioritari: potrebbero essere le premesse per trasferire l’Eni all’estero, «tanto per gettare le premesse di un futuro assorbimento da parte di un colosso concorrente come l’americana Exxon».

«La linea di Renzi – scrive Augusto – è in buona sostanza quella di trasformare Eni, Enel e le altre società a controllo statale in “pubblic company”», società ad azionariato diffuso «nelle quali non ci sia più un socio di riferimento ma dove i tanti soci privati eleggano di volta in volta gli amministratori». Così, addio Eni sullo scenario internazionale, con buona pace di «qualsiasi possibilità dell’Italia di avere una politica energetica autonoma in Europa e nel mondo». Questa sarebbe la risposta dell’“amerikano” Renzi alle critiche venute dagli europei “atlantici” e dagli stessi Stati Uniti per l’eccessiva “simpatia” italiana verso la Russia di Putin? Il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, ha stimato in appena 10 miliardi il ricavato delle privatizzazioni (svendite). Soldi che sarebbero usati per coprire una parte irrisoria dell’enorme debito pubblico italiano. Tra le cessioni, la vendita a gruppi cinesi del 49% di CdP-Reti, società che controlla appunto la Snam. «Tra americani e cinesi cambia poco. Continua la colonizzazione del nostro paese».

Fonte

Il mercato immigrazionista e la solita pappa del cuore

Lampedusa, sbarco immigrati clandestini dalla Tunisia.

di Alessio Mulas

È apparso di recente un documento del Migration Policy Centre dell’European University Institute, intitolato «Is what we hear about migration really true? Questioning eight stereotypes»[1], che esamina i presunti stereotipi che il solito popolino, cattivo e ignorante, ha sul tema dell’immigrazione. Lo studio, che ha avuto ampio seguito sui giornali dell’Europa intera, non porta niente di nuovo a un dibattito che sempre più si rivela sterile: snocciola qualche banale quanto necessaria confutazione dei luoghi comuni anti-immigrazionisti, servendo il piatto con la solita salsa buonista e un’apparente scientificità. Sebbene sembri riuscire nell’impresa, basta scorrere il documento curato dal MPC per accorgersi che i veri problemi riguardanti l’immigrazione sono tacitamente ignorati.

Da queste pagine siamo più volte tornati sull’argomento. In particolare, abbiamo proposto una interpretazione del fenomeno migratorio come spostamento di incertezza[2]. Questa costituisce, insieme al fattore tempo, la cornice dell’azione umana. Non avere certezza sul futuro, essere preda del dubbio riguardo all’esito delle proprie attività e subire l’inutilità della propria conoscenza a causa della mutevolezza del presente sono costanti della modernità. L’immagine della liquidità, proposta da Bauman, è calzante: tutto scivola, inafferrabile. A ciò si aggiunge l’inflazione di aspettative che la cittadinanza ha verso la politica, aspettative che solo un Pericle potrebbe conciliare e soddisfare.

Ma all’orizzonte non vediamo dei Pericle. L’immigrazione rappresenta uno spostamento di incertezza (prevalentemente economica) da Paesi sofferenti verso Paesi forti. Insieme all’incertezza economica, arrivano anche nuove ed eterogenee aspettative, le quali vanno ad aggiungersi al già difficilmente governabile “mercato delle aspettative e delle idee”. La stessa ethnoscape, caos informe di nativi, turisti, gruppi in passaggio, lavoratori e professionisti stranieri, immigrati e rifugiati, è il primo simbolo del crollo dell’identità culturale di una nazione o di una civiltà, perché — promuovendo un’economia globalizzata e una cultura globalizzante — mina all’omogeneità identitaria di un Popolo, creando nuova incertezza culturale. Si istituisce una classe di uomini senza identità, sempre più schiavizzata e facilmente governabile dal capitale.

Oltre all’aspetto economico e culturale del problema, c’è quello strategico e geopolitico. Nel primo dopoguerra, il teorico militare inglese Liddell Hart descrisse un approccio indiretto alla guerra (e ricordiamo che per guerra non si intende solo lo scontro effettivo, l’atto del combattere, ma anche quel «tratto di tempo in cui la volontà di combattersi è sufficientemente nota»[3]), che consiste nel colpire l’avversario senza affrontarlo direttamente, cioè colpendone le industrie, le attività economiche e le reti di comunicazione, il piegandone il morale[4].

L’immigrazione (legale o meno) è così interpretabile come strategia indiretta volta a innestare in un Paese nuove aspettative, che vanno a modificare in una direzione le linee generali di politica estera, le attività culturali, l’apparato produttivo del Paese che ne riceve gli effetti. Chi trae beneficio dall’immigrazione è la classe politica inetta dei Paesi dai quali si emigra: la diminuzione della pressione demografica porta sollievo ai conti pubblici; l’abbassamento dell’incertezza garantisce i responsabili economici e politici del fallimento di un Paese dalla pericolosità delle masse. Se masse ad alto grado di incertezza si spostano, diminuisce il rischio di una reazione — poco importa se democratica e culturale o violenta e furiosa — contro gli inetti politici locali o le industrie straniere che sfruttano i territori. Ogni difesa del fenomeno migratorio affranca dalle inemendabili colpe i veri responsabili dei fattori (povertà, carestie, guerre) che hanno portato allo spostamento di uomini. Nessun sistema, sia esso socialista o liberale, è invulnerabile allo spostamento dell’«esercito industriale di riserva» (Marx) o impermeabile alla teoria politica.

E nella teoria politica non deve trovare spazio quella «pappa del cuore» (Hegel) propagandata in modo martellante, a suon di lacrime, dai mezzi di informazione italiani. Nella strategia indiretta immigrazionista è osservabile la nascita di un “mercato del migrante”, di un cartello politico dell’immigrazione, del tutto simile alle dinamiche del commercio di petrolio e materie prime. Tale politica, attraverso lo spostamento della riserva di manodopera, «costringe di fatto i Paesi riceventi a costi di produzione, dati i salari medi (dei migranti regolari o irregolari qui poco importa) a permanere in filiere produttive a bassa produttività, che verranno prossimamente attaccate o sostituite dai Paesi Terzi in fase di industrializzazione»[5]. Secondo il quarto rapporto «Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia»[6], promosso e curato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, gli stranieri occupati sono 2.355.923; «a fronte della diminuzione del numero di occupati italiani di 500 mila unità nell’arco di appena dodici mesi, aumenta il numero di occupati stranieri di entrambe le componenti UE ed Extra UE per complessivi +21.875 lavoratori». Andatelo a dire al signor Rossi: gli immigrati “non ti rubano il lavoro”, come affermerebbe con abietta convinzione il documento del Migration Policy Centre.

Nel frattempo, l’Operazione Mare Nostrum, ribattezzata Mare Mostrum, continua a donare l’illusione che l’Europa e l’Italia possano accogliere tutti coloro che hanno bisogno. Ieri, 20 persone sono morte durante un naufragio al largo di Al Khums, a 100 chilometri a est di Tripoli. Kassem Ayoub, portavoce della Marina libica, ha reso noto che 22 clandestini, aggrappati a ciò che restava della barca, sono stati messi in salvo.

Negli ultimi 25 anni sono 20mila le persone morte durante il viaggio clandestino verso l’Europa. La tragedia si può fermare solo con una visione chiara del fenomeno migratorio, acquistando consapevolezza che lo spostamento di incertezza e l’inflazione delle aspettative sono difficili da governare e vanno a danno di chi è già debole. Senza la perversa pappa del cuore.

 

[1] http://cadmus.eui.eu/bitstream/handle/1814/31731/MPC_2014_FARGUES.pdf?sequence=1
[2] http://www.lintellettualedissidente.it/perche-limmigrazione-e-coeva-al-capitale/
[3] T. Hobbes, Leviathan, XIII cap.
[4] B. Liddell Hart, Paride o il futuro della guerra, introduzione di Fabio Mini, Editrice Goriziana, Gorizia, 2007.
[5] M. Giaconi, Dall’influenza economica al rischio jihad. L’Immigrazione elemento di strategia indiretta, Gnosis 2/2009.
http://gnosis.aisi.gov.it/Gnosis/Rivista19.nsf/servnavig/19#(14) (30 giugno 2013)[6] http://www.integrazionemigranti.gov.it/Attualita/News/Documents/IV_RAPPORTO_MDL_ITA_ENG_ALTRELINGUE/IV_Rapporto_annuale_MdL_immigrati_2014.pdf

Fonte

“Per l’Italia si avvicina la fine”, e Rcs silura De Bortoli

ferruccio-de-bortoli-lascia-il-corriere-della-sera

Qualcosa di esplosivo sta accadendo nei piani alti del mainstream italiano: a rompere il tabù, prospettando l’arrivo della famigerata Troika, il triumvirato tecnocratico composto da Commissione Ue, Bce e Fmi, è stato il direttore del “Corriere della Sera” Ferruccio De Bortoli. «Il direttore del “Corriere” ci descrive lo scenario che ci aspetta il prossimo autunno», avverte Cesare Sacchetti, «quando vedremo realizzarsi le peggiori nemesi nella manovra economica, che prevederà un probabile prelievo forzoso sui conti correnti». Sarebbe la riedizione del 1992, quando l’allora primo ministro Giuliano Amato «decise di approvare questo furto a danno del risparmio dei cittadini italiani». Solo allora «verrà dichiarata la resa ai tecnocrati». E sarà «messo in un angolo» il governo presieduto da Matteo Renzi, «che non ha vinto nessuna elezione democratica ma è stato nominato dal Capo dello Stato». Tutto questo, mentre i signori della Troika faranno all’Italia quello che fecero nel 2011 alla Grecia, che in cambio dei 50 miliardi ricevuti sta privatizzando tutto: sono all’asta «porti, aeroporti, isole e acquedotti».

È questa, scrive Sacchetti su “L’Antidiplomatico”, «la forma più subdola e criminale con la quale il colonialismo finanziario distrugge e depreda gli Stati sovrani, ostaggi di un debito sovrano denominato in una valuta straniera che non possono stampare». Parole profetiche:  «Datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi», disse un certo Mayer Amschel Rothschild. Auspicio «portato a compimento nella moderna Eurozona», dal momento che «gli Stati ex-sovrani sono messi nelle condizioni di una colonia: per poter finanziare la propria spesa devono bussare alle porte dei colonizzatori, che vorranno in cambio la linfa economica degli Stati e prenderanno il possesso monopolistico di tutti i settori strategici di quel paese». L’Italia è già da tempo in vendita, e gli investitori stranieri stanno facendo man bassa dei suoi gioielli, «gentilmente offerti dal governo Renzi», come la Cassa Depositi e Prestiti, Poste Italiane (che dismetterà il 40% della partecipazione pubblica), nonché Eni e Enel, «che potrebbero cedere il 5% delle azioni, come annunciato recentemente dal sottosegretario all’economia, Giovanni Legnini».

Mentre gli italiani provano a godersi quei pochi spicchi di sole di quest’estate anomala, scrive Sacchetti, l’ipotesi che la Troika venga qui nel Belpaese non è più remota. «Il giorno dopo che De Bortoli ha annunciato questo scenario, Rcs fa sapere che non si avvarrà più della collaborazione del direttore. È stato infranto un vincolo di riservatezza, qualcosa che doveva essere taciuto è stato rivelato». Forse il direttore «ha pagato questa delazione», anche se «l’impressione è quella di un Ponzio Pilato che vuole lavarsi le mani del sangue degli italiani e non intende accollarsi la responsabilità morale di un disastro sociale ed economico senza precedenti». Non passano che pochi giorni dalle scioccanti dichiarazioni di De Bortoli che «il Barbapapà del giornalismo italiano, Eugenio Scalfari», fondatore di “Repubblica”, «ci fa dono di una delle sue memorabili articolesse domenicali, dove si augura una venuta della Troika che “deve combattere la deflazione che ci minaccia”».

Per Scalfari, la Troika – proprio lei, la massima responsabile dell’euro-disastro – deve «puntare su una politica al tempo stesso di aumento del Pil, di riforme sulla produttività e la competitività, di sostegno della liquidità e del credito delle banche alle imprese». Scalfari, che non ha ancora digerito la detronizzazione del suo beniamino Letta (con quale cenava, addirittura insieme a Draghi e Napolitano) non manca di inviare un messaggio a Renzi: «Capisco che dal punto di vista del prestigio politico sottoporsi al controllo diretto della Troika sarebbe uno scacco di rilevanti proporzioni, ma a volte la necessità impone di trascurare la vanagloria e questo è per l’appunto uno di quei casi». Parole chiare: caro Renzi, ti è stato affidato un compito ben preciso e non lo stai portando a termine come previsto.

«Questo – scrive Sacchetti – il contenuto del messaggio che Scalfari manda al premier, al quale potrebbe essere dato il ben servito molto presto se non esegue pedissequamente le istruzioni che gli sono state date». E la fine che lo attende, se non “obbedisce”, «è quella dei suoi predecessori Monti e Letta, i quali sono stati gettati via come due scarpe vecchie appena diventati inutili». Nessuna sorpresa: «E’ il meccanismo infernale che ha progettato l’élite transnazionale che detesta gli Stati e i popoli che li abitano, considerati alla stregua di una plebe ignorante priva di diritti», conclude Sacchetti. «De Bortoli e Scalfari sanno molto bene quale sarà il trattamento che attende l’Italia e ne stanno discutendo nei primi giorni di agosto, mese ideale per sferrare l’ennesimo calcio nelle gengive agli italiani, distratti dalle vacanze». Al loro ritorno, «potrebbero trovare ciò che è stato conquistato ieri dai loro padri completamente distrutto nel giro di pochi mesi oggi».

Fonte

Istituzioni e media dalla parte del Sionismo

renzi-e-shalom

di Alessio Pizzichini

False-flag o no, l’uccisione dei tre ragazzi israeliani ha dato il pretesto alla forze armate sioniste di bombardare quel poco che è rimasto della Palestina. Sono più di 80 i Palestinesi uccisi e centinaia i feriti, secondo la Rete Italiana SIM (International Solidarity  Movement), in questi tre giorni (numeri in continua crescita). A questi vanno aggiunti gli innumerevoli imprigionati senza prove e le decine di persone picchiate perché non ebree, tra cui bambini e ragazzi, senza dimenticare Mohamed Hussein Abu Khdeir, il diciassettenne rapito, picchiato e bruciato vivo. L’Unione Europea, premio nobel per la pace 2012, ha prorogato fino a giugno 2015 la missione EUPOL COPPS, consistente nel finanziamento di circa 9,8 milioni di euro per supportare la costruzione dello Stato Palestinese nell’ottica di un lavoro comune per la risoluzione del conflitto Israelo-Palestinese. D’altro canto finanza anche la ricerca bellica di Israele attraverso la IAI (Israel Aerospace Industrie) con 53 miliardi di euro, e ha finanziato Afcon, il costruttore di rivelatore di metalli per i check-point militari in territori occupati palestinesi. (Ciò dichiarato dalla stessa Commissione europea, che confermò che l’ IAI era una dei 34 soci israeliani impegnati nei 26 progetti finanziati dall’UE per la tecnologia dell’informazione.) Contraddizione che rivela ancor più marcatamente quanto l’Unione Europea sia subordinata allo stato di Israele, economicamente e militarmente il più potente al mondo.

A capo di ogni organizzazione e istituzione siede un sostenitore del Sionismo, appoggiato dai media di regime, anch’essi inchinati a denaro e successo promessi in cambio di una propaganda spudoratamente schierata. Si guardi Matteo Renzi, la cui vittoria alle recenti europee è stata guidata da tutti i media, che mai così palesemente hanno sostenuto un politico. Da media sia di destra sia di sinistra, a rimarcare quanto inattuale sia oggi questa dicotomia. A invitare a votare Renzi fu anche la comunità ebraica di Roma: “Fatelo per Israele, votate Renzi”. L’ultimo socialdemocratico a capo del PD Bersani, per quanto sia criticabile, considerava le posizioni di Renzi su Israele inaccettabili: “Su Israele e Palestina Renzi dice cose che neanche tutte le destre messe insieme…”. E i media Italiani svolgono il loro ruolo di offrire un’informazione di parte e schierata. Ma schierata dalla parte di chi? A destra o a sinistra? Schierata con lo stato di Israele, con le sue politiche imperialiste fiancheggiate da quelle occidentali. Supportano il burattino di turno che prende la strada più breve e spianata per il successo: quella della difesa del Sionismo e dell’imperialismo dell’Alleanza Atlantica, ormai considerabile nostrano.

Fanno passare gli occupati per i terroristi, le azioni dei Sionisti come azioni di legittima difesa; neanche una parola sulle aggressioni delle squadracce ebree a Roma a coloro che si recavano a manifestazioni e presidi di solidarietà per il popolo Palestinese; servizi sulla rabbia e la voglia di vendetta ai funerali di Mohamed Hussein Abu Khdeir, il diciassettenne Palestinese bruciato vivo, e neanche uno sguardo alle manifestazioni degli ebrei che inneggiano allo sterminio degli arabi; lunghi servizi sui tre Israeliani uccisi e il numero dei morti Palestinesi detto a mezza bocca durante il servizio sui razzi lanciati verso i territori Israeliani, come se Hamas disponesse veramente di armi del genere.

Un’informazione vomitevole, di parte, schierata, che legittima l’unico terrorismo nel conflitto Israelo-Palestinese: quello Sionista. Un’informazione che funge da braccio destro per le esportazioni di democrazia, dipingendo come mostri i presidenti che non volevano e non vogliono allinearsi alla politica statunitense e non vogliono trasformare l’economia del proprio Paese in un disastroso neoliberismo basato sulle teorie della Scuola di Chicago. Un’informazione che presenta come sacro e inviolabile il pensiero unico dominante di turno: quello della legittimità di Israele ad esistere. E se sei fuori dal coro sei bollato come anti-semita. Dal dopoguerra ad oggi i partiti politici sono stati indirizzati verso questa via, quella della difesa e del sostegno al Sionismo. Le uniche voci fuori dal coro provenirono da sinistra, sia dal PCI che dal PSI. Dal primo fino alla svolta socialdemocratica ed europeista, dal secondo fino alla sua degenerazione con lo spianamento della strada per il successo di Berlusconi.

Prima il PSI svolgeva quel ruolo di Partito Socialista che difendeva la sovranità e l’identità nazionale, e l’unico, dopo la svolta del PCI, a remare controcorrente in politica estera. Bettino Craxi, nel discorso alla Camera dei Deputati del 6 Novembre 1985, definiva legittima la lotta armata dei Palestinesi contro gli occupanti Israeliani, e sarebbe stato anti-storico non considerarla tale, poiché anche lo stesso Mazzini programmava assassini politici per realizzare l’unità. Dichiarazioni che provocarono reazioni sconcertanti tra le file della DC e dell’MSI, partiti che sempre hanno appoggiato Israele. Il primo il partito filo-americano per eccellenza (eccetto qualche sussulto di libertà), il secondo quel partito che del fascismo ha raccolto la parte borghese e conservatrice tralasciando del tutto quella socialista e rivoluzionaria. Craxi, con tutte le critiche che gli si possono avanzare, fu l’ultimo politico a difendere l’indipendenza nazionale in politica estera e a combattere la sua subordinazione a quella americana. Oggi in Parlamento soltanto il Movimento 5 Stelle parla di sovranità e di autonomia in politica estera. Ma i suoi limiti sono troppi, su tutti quello di non prendere una posizione ferrea definitiva da portare avanti con determinazione.

Fuori dal Parlamento sono tante le organizzazioni e le associazioni di difesa di diritti schierate con la Palestina. Sono altrettanti i partiti e i movimenti politici: dai vari comunisti ai movimenti per la sovranità, e parte delle destre socialiste e conservatrici. Questa divisione è ciò che non permette di creare una forte resistenza multipolare dal basso alla politica estera dell’attuale governo. Mostra cioè l’incapacità di relazionarsi con il presente, i retaggi degli anni passati che non si riescono a superare neanche momentaneamente quando si tratta di opporsi all’imperialismo Sionista e Atlantico e di difendere vite umane innocenti come quelle Palestinesi.

Fonte

Si scrive Renzi, ma si legge Blair (cioè Jp Morgan)

Blair-Renzi-@Europa

Una cena per decidere, una per confermare le decisioni. Primo giugno 2012, primo aprile 2014. Due protagonisti sempre presenti: il presidente del consiglio Matteo Renzi e l’ex premier britannico Tony Blair. Un terzo (presente con suoi rappresentanti) è l’organizzatore, il vero beneficiario dei frutti degli incontri: la banca d’affari Jp Morgan. «Renzi – scrive il quotidiano britannico “Daily Mirror” – è il Blair italiano non solo nelle intenzioni politiche, ma anche nelle alleanze economiche. Un esempio? La Jp Morgan». Riforma delle Province, del Senato, del lavoro, della pubblica amministrazione, della giustizia, del Consiglio dei ministri, riforma elettorale. Protesta Franco Fracassi: «Sta per essere stravolta la Costituzione italiana, quella votata dopo la vittoria sul fascismo e la fine della seconda guerra mondiale, quella pensata per impedire una futura svolta autoritaria nel paese. Così ha deciso il presidente del consiglio Matteo Renzi. Così ha suggerito la Jp Morgan», che ha arruolato proprio Blair tra i suoi consiglieri strategici.

La prima cena, a Palazzo Corsini a Firenze, la banca d’affari statunitense l’ha organizzata il 1° giugno 2012, ricorda Fracassi su “Popoff”: Renzi allora era solo sindaco, ma Jamie Dimon – il patron della Jp Morgan – aveva intuito che sarebbe presto arrivato a Palazzo Chigi. Secondo appuntamento, sempre con Blair, il 1° aprile 2014 a Londra. L’indomani, in un’intervista a “Repubblica”, Tony Blair ufficializza il suo endorsement per il neo-premier: «I momenti di grande crisi sono anche momenti di grande opportunità», ovvero perfetti per «realizzare un programma ambizioso come quello delineato dal nuovo premier italiano». L’amico Matteo? «Comprende perfettamente la sfida che ha di fronte: se facesse solo dei piccoli passi rischierebbe di perdere la spinta positiva con cui è partito». Per questo, «c’è una coerenza tra il suo programma di riforme costituzionali e le riforme strutturali per rilanciare l’economia». La crisi? «Può dargli l’opportunità per compiere quei cambiamenti che sono necessari al paese, ma che finora non sono mai stati fatti per le resistenze di lobby e interessi speciali».

Secondo Blair, Renzi deve ridurre il deficit, fare «le riforme necessarie per cambiare politica economica» e rilanciare la crescita, «non solo per generare occupazione ma anche per portare più denaro nelle finanze pubbliche». Per fare tutto questo, dice Blair, non serve la contrapposizione destra-sinistra, «bensì quella tra giusto e sbagliato, fra ciò che funziona e ciò che non funziona». E avverte: «Se la riduzione del deficit è troppo veloce, la crescita non riparte. Ma se non si fanno le necessarie riforme, il deficit non si riduce. E mi sembra che questo Renzi lo abbia capito benissimo». In un’altra intervista, rilasciata al “Times”, sempre Blair, annuncia: «Il mutamento cruciale, delle istituzioni politiche, neanche è cominciato. Il test chiave sarà l’Italia: il governo ha l’opportunità concreta di iniziare riforme significative». Parola di Tony Blair, pagato milioni di dollari l’anno per fare da consulente a una delle più importanti banche d’affari del mondo, seconda solo alla Goldman Sachs.

Proprio la Jp Morgan, continua Fracassi, è stata formalmente denunciata dalla Casa Bianca come «responsabile della crisi dei subprime» che ha poi scatenato la crisi economica mondiale. «Le banche d’affari – chiarisce l’economista statunitense Joseph Stiglitz – si servono di consulenti come la massoneria si serve dei propri membri». Funziona così: «I consulenti oliano gli ingranaggi della politica, avvicinano i politici che contano alle banche giuste e promuovono presso di loro politiche compiacenti a quelle indicate dalle banche». Sono loro, le super-banche, a dettare la linea ai politici “compiacenti”. E la linea della Jp Morgan, datata 28 maggio 2013, è tristemente nota: nel documento di sedici pagine dal titolo “Aggiustamenti nell’area euro”, la superpotenza finanziaria di Dimon sostiene che dietro la crisi europea ci sono «limiti di natura politica», perché «i sistemi politici dei paesi del Sud, e in particolare le loro Costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea».

Per la Jp Morgan, il problema – in Italia – è rappresentato dalla Costituzione antifascista, che mostra «una forte influenza delle idee socialiste», riflettendo «la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo». Il governo è «debole» nei confronti del Parlamento e delle Regioni, e sconta come un handicap le «tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori». L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro? Questo non piace, alla Jp Morgan, che denuncia come un problema anche «il diritto di protestare se i cambiamenti sono sgraditi». Il gioco è chiaro: la nostra Costituzione, spiega un economista come Emiliano Brancaccio, è temuta dal grande capitale, perché contiene «norme che vincolano la tutela della proprietà privata, che può essere espropriata per fini di pubblica utilità». Con una Costituzione come la nostra, dunque, «il soggetto straniero che viene ad acquisire capitale nazionale spesso a prezzi stracciati non è totalmente tutelato perché potrebbe essere espropriato». Sicché, «dietro la parolina magica “modernizzazione”, spesso pronunciata da Jp Morgan, c’è dunque la tutela degli interessi di chi vuole venire a fare shopping a buon mercato in Italia e in altri paesi periferici dell’Unione Europea». Niente paura: ora se ne occuperà Renzi, l’amico di Tony Blair, cavallo di Troia della Jp Morgan.

Fonte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: