Per il diritto di voto all’ Orsa Daniza.

funny-bears-doing-human-things-1

di Uriel Fanelli

Da qualche giorno su Feedly mi arrivano ste cose sull’ orsa trentina che avrebbe scatenato un dibattito sulla sua cattura, e se i primi giorni la ignoravo, piano piano , persistendo la notizia, ho cercato di capire che diavolo succedesse in Italia. Di mio, avendo abitato nel mezzo di un bosco sull’ Appennino ( invece qui vicino a Neandertal difficilmente incontrero’ animali selvatici) , conosco gia’ tutte le stronzate inventate dall’uomo di citta’ che esce in un bosco.

L’uomo di citta’ che esce in un bosco tende a presentare la sua gita domenicale, o la sua uscita per funghi, come “l’eterna lotta tra l’uomo e la natura” (ah! la tauromachia!) e quindi ha gia’ per se’ la tendenza a rappresentare un territorio antropizzatISSIMO come una specie di Jungla ove si lotta corpo a corpo con animali pericolosissimi.
 
L’animale piu’ pericoloso che possiate trovare in un bosco alpino o appenninico e’ il cretino. (Cretinis Cretinis Urbanis)  Questa specie ha un complesso rituale di accoppiamento che consiste nel vantarsi di fronte alle femmine delle cose piu’ improbabili. Avventure che  succedono loro mentre fanno cose tutto sommato poco pericolose, tipo andare a pesca, andare a caccia, uscire per funghi, passeggiare, andare a gettare i rifiuti, fare riunioni coi colleghi.
 

Una delle strategie di accoppiamento piu’ funzionanti e’ quella di raccontare la lotta corpo a corpo contro pericolosissimi animali selvatici, incontrati appena fuori Sasso Marconi. Nella zona ove vivevo normalmente c’erano, se non ricordo male i racconti sul Resto del Carlino, Caprioli Ninja (Capriolis Sicarii Levantis)  capaci di distruggere una fattoria e diversi ettari di coltivazione in pochi attimi. Per tacere dei Tassi Giganti (Taxus Vino Veritas )  :i tassi che sfasciavano i miei sacchi dei rifiuti avevano la normale dimensione di un tasso. Forse erano quelli piccoli, mentre quelli del Resto del Carlino erano sempre tassi alti due metri, che pesavano tre tonnellate e aprivano automobili come fossero simmenthal. Le volpi normali sono animaletti poco piu’ grandi di un gatto e fuggono quando vi vedono, almeno sono sempre fuggite quando il mio cane abbaiava. L’ uomo del Resto del Carlino incontra regolarmente volpi ferocissime ( Vulpii Vietkonghis Schwarzeneggeri)  che sbudellano il suo cane, normalmente un terranova cingolato.  Perche’ il cretino gira in citta’ con un Pitbull Panzer T-Rex, ma l’animale pericoloso e’ la volpe.

Ogni volta che la lobby dei cacciatori voleva il gusto di sparare qualche colpo in piu’, iniziavano a fioccare sul resto del carlino  storie che testimoniavano la NECESSITA’ di piu’ cacciatori per “regolare” la popolazione di animali ferocissimi che giravano tra i grattacieli di Porretta Terme distruggendo ogni cosa, tipo il Capriolo Godzilla (Capriola Japanica) e il Cinghiale Bulldozer (Suis Droga Droga) O giu’ di li’.

 
Per cui, sia Resto del Carlino che Gazzetta dell’ Appennino mi avevano gia’ abituato ad eroici corpo a corpo con lo Scoiattolo Fremen (Scoiaptolis Arrakis ), ad eroiche lotte di trincea della famiglia bolognese contro orde di Calabroni Bombardieri (Calabronis Tupolievis) , sino ad incontri col mistico Cinghiale Leviatano ( Cinghialis Fantasius Quinquitonnellatis) , che si distingue dagli altri per essere grande quanto un elefante ipetrofico. ( A sua volta avvistato dalle parti di Castel d’Argile, se non ricordo male  un esemplare di  Elefantis Magno Lambruschis).
 
 In realta’ si trattava di famiglie che hanno intravisto uno scoiattolo (piu’ spesso un ghiro) su un ramo, sono state punte da un calabrone e, tornando a casa la sera, coi fari della macchina hanno inquadrato il sedere di un suino selvatico.
Cosi’, non mi stupisce leggere del cercatore di funghi che fa corpo a corpo con l’ Orsa di Satana ( Ursus PacificRimmis AlQaedis ). C’e’ solo un distinguo: sul mio pianeta, quando fate corpo a corpo con un’orsa, il racconto del “momento magico” sta sull’autopsia. Se potete raccontarlo alle signore dei salotti che frequentate, allora durante il corpo a corpo …. uno dei corpi non era sul posto.(sempre che non vi chiamiate Michele Strogoff).

Leggi il resto dell’articolo

Salva un inuit: spara a un ambientalista

inuit-child-1-e1405440072119

di Luca Carbone

Che la caccia sia sbagliata in ogni sua forma hanno cercato di insegnarmelo Studio Aperto, Barbara D’Urso e il resto della truppa di tritacervello che ho incontrato durante la mia infanzia, eppure non sono mai riusciti a convincermi. Mi portavano argomenti validissimi per diventare un animalista all’acqua e sapone, come gli occhi dolci di qualche cerbiatto accompagnato da un violino strappalacrime, eppure io non riuscivo a vederci più che un animale. Da rispettare, ovviamente, ma pur sempre un animale. Tuttavia, l’idea di cacciare e uccidere specie a rischio, magari minacciate anche dal cambiamento climatico che è tuttora in atto impressionava, in parte, anche un sadico come me. Perciò, quando ho letto sul TIME di giugno che la caccia all’orso polare sembra sbagliata sono stato attirato dal verbo utilizzato, “sembrare”, riconoscendo all’interno del suo significato il mio pensiero ancora “in parte” spietato.

Ed Ou è un fotografo canadese che ha documentato per il mensile statunitense il suo viaggio nella regione inuit del proprio Paese. Qui il governo sottrae i figli a tale minoranza etnica per mandarli in scuole nelle quali viene proibito l’utilizzo della loro lingua o qualsivoglia espressione della loro cultura millenaria che annovera, tra le altre tradizioni, la caccia all’orso polare, “la loro ultima risorsa di sostentamento”. Per migliaia di anni, infatti, gli Inuit hanno cacciato razionalmente questi mammiferi da cui ricavavano pelli, cibo e combustibili senza minacciare l’esistenza della specie in alcun modo. La caccia all’orso è stata poi criminalizzata in ogni sua forma dal mondo occidentale, unico responsabile del surriscaldamento globale (che è una stronzata, NdR) e, quindi, della lenta estinzione degli orsi (che, invece, si estinguono perchè il loro cibo glielo ciuliamo noi, mica perchè vanno alla deriva sugli iceberg, NdR) . È bastato inventare la favola di centinaia di fantomatici bracconieri per non far ricadere la colpa sul resto del mondo. Distrutto il commercio degli Inuit, questo popolo si trova attualmente in uno stato di povertà assoluta, in cui il consumo di droga, l’alcolismo e i tassi di suicidio hanno valori
incredibilmente alti. Gli Inuit non possiedono occhi abbastanza dolci per poter essere aiutati a non estinguersi.

Qualcuno che non fosse uno sregolato del Talebano era finalmente d’accordo con me: il TIME, tra l’altro. Tutto ciò era stupefacente, ma lo era ancora di più il fatto che non fossimo solo Ed e io contro il resto del mondo. Tutto ciò aveva dell’incredibile.

Pierfrancesco Diliberto, in “arte” Pif, è il reporter del programma di Mtv Il Testimone nel quale documenta i propri viaggi in giro per il mondo alla scoperta di altre culture, tra cui anche quella groenlandese. Ad accompagnarlo per una parte del suo soggiorno c’è Robert Peroni, un sudtirolese trasferitosi in Groenlandia che afferma: “Io sono contro la caccia, ma non qui. Loro vanno a caccia per vivere, altrimenti morirebbero”. Pare infatti che da quelle parti la foca sia quasi come il maiale da noi: grassa, grossa, utilizzata al 100% e assolutamente non in via d’estinzione, poiché l’attività venatoria verso questo mammifero è sottoposta a regole ferree che tutti rispettano (infatti non conviene a nessun groenlandese distruggere il perno della propria economia). A tracciare l’unica differenza che sussiste tra foca e maiale ci pensa un groenlandese intervistato “la prima è libera” dice, “mentre quello che mangiate voi passa una vita in prigione. Dovrei essere io a dire che tutto ciò è orribile”. Eppure, dopo venticinque anni di martellamento da parte di Greenpeace “sono tutti contro la caccia alla foca, simbolo della libertà” continua Robert, “È scientificamente provato che anche il pesce soffre, ma nessuno dice niente perché tutti mangiano salmoni e trote, in più il pesce puzza e non fa gli occhi dolci”. Anche in Groenlandia l’economia è stata distrutta, l’Occidente ha deciso per tutti cosa fosse sbagliato e cosa corretto e una cultura di quattromila anni è stata quasi spazzata via. Attualmente tra i Groenlandesi la disoccupazione ha raggiunto percentuali altissime e l’alcolismo è un problema sociale molto preoccupante.

Ma come?! Possibile che un’associazione nobile come Greenpeace sia responsabile di tali danni? Beh, effettivamente pare che di nobile la suddetta associazione abbia ben poco e che sia piuttosto una multinazionale in cerca di potere e denaro. La gestione dei fondi dell’organizzazione non è mai stata trasparente ed è amministrata da più di 40 uffici in cui a decidere sono i maggiori donatori. Nel 1991, Der Spiegel scoprì che in Germania erano presenti numerose società controllate dall’associazione, in modo da pemetterle di mantenere lo status di organizzazione senza scopo di lucro e accedere alle esenzioni fiscali. Nel 1993, usciva un documentario scandalo in cui si sosteneva l’esistenza di conti correnti in cui venivano versati i soldi delle donazioni (300 milioni all’anno circa) accessibili soltanto ai maggiori esponenti di Greenpeace per poi essere utilizzati in operazioni finanziarie non chiare (poco tempo fa sono stati bruciati 3,8 milioni) o, addirittura, per pagare gruppi di eco-terroristi.

Se il pensiero comune antepone orsi e foche agli esseri umani, io li annovero tra le specie cacciabili
e ci aggiungo Greenpeace.

Fonte

La partita dell’energia tra Eni e shale gas

658x0_Screen_Shot_2014-01-24_at_6.12.14_PM

di Francesco Carlesi

La fratturazione idraulica è una tecnica d’estrazione di gas che sta assumendo sempre più importanza e notorietà in questi ultimi anni. Per ogni pozzo, trenta o quaranta milioni di litri d’acqua, miscelata con sostanze chimiche (coperte da segreto industriale) vengono sparate con una pressione che frantuma la roccia, liberando il gas, che viene catturato e commercializzato. Tutto ciò sta diventando un’impressionante arma nelle mani degli Stati Uniti d’America, i maggiori produttori e consumatori a livello mondiale del cosiddetto shale gas, i cui prezzi rispetto alle risorse  energetiche tradizionali appaiono estremamente competitivi. Non a caso, sono proprio le lobby industriali americane ad opporsi alla vendita verso l’estero dello shale, per mantenere un vantaggio economico non indifferente rispetto ai concorrenti europei e asiatici. Difficile credere che sarà così per sempre.

La questione ucraina si inserisce appieno in questo contesto. Impossessarsi del paese – chiave attraverso il quale passa la maggior parte del gas russo per l’Europa (e quindi l’Italia) avrebbe un valore strategico fondamentale per gli Usa nella “lotta energetica” che anima le maggiori potenze mondiali. A quel punto, infatti, potrebbe essere facile per il paese a stelle e strisce entrare sul mercato con lo shale gas da dominatore incontrastato. I recenti incontri diplomatici di Obama e il tentativo di isolare la Russia nascondono anche questa valenza.

La nota vicenda del South Stream (che “bypassa” l’Ucraina) assume quindi una volta di più carattere vitale per l’Italia, in una partita in cui è l’indipendenza nazionale ad essere in gioco. Centrale per il nostro paese e il suo “braccio armato”, l’Eni di Scaroni, sarà anche la capacità di differenziare le fonti di approvvigionamento energetico. All’ordine del giorno vi è la questione della Tap (Trans Adriatic Pipeline), che  dovrebbe portare gas naturale dall’Azerbaijan all’Italia tramite Grecia e Albania. Questo progetto di Gasdotto Trans-Adriatico prevede la realizzazione di un nuovo metanodotto di importazione di gas naturale dalla regione del Mar Caspio all’Europa, lungo circa 870 km, con approdo sulla costa italiana,  nella provincia di Lecce. Sarà dura però superare le perplessità di ambientalisti e partiti politici (SEL in primis), che si oppongono strenuamente alla realizzazione in questione.

Importante è anche il gas proveniente dalla Libia, in cui ancora subiamo le conseguenze dell’intervento armato contro Gheddafi, grazie al quale Francia e Inghilterra si sono inserite nel paese mettendo in pericolo i nostri interessi. Tornare a essere “matteiani” e recuperare le posizioni in Africa, un continente nel quale oltre alla tradizionale presenza francese si stanno facendo prepotentemente strada attori quali Cina e Brasile, è una delle sfide più importanti che si pongono di fronte alla nostra nazione.

Anche perché, oltre agli Stati Uniti, anche Israele potrebbe diventare un futuro esportatore di gas, se riuscisse a sfruttare a pieno la recente scoperta del maxi-giacimento Leviathan nel Mar di Levante. Stiamo parlando di un paese che che sin dagli anni ’50 tentò di ostacolare le nostre politiche indipendentiste sul piano energetico e delle relazioni internazionali. Riguardo al Leviathan, già si è aperta una lotta, diplomatica e non, tra le potenze della zona come Cipro e Turchia (oltre ovviamente a Russia e Stati Uniti) per trarre massimo vantaggio da una situazione che potrebbe letteralmente rivoluzionare gli scenari.

Come si evince facilmente, le carte in tavola possono cambiare da un momento all’altro. Oltre alle pesanti incognite emerse recentemente riguardo allo shale gas, sia dal punto di vista delle reali potenzialità dei giacimenti che da quello del devastante impatto ambientale, i maggiori nodi da sciogliere per il nostro paese restano legati alla capacità strategica dell’Eni. A Scaroni, impegnato in diversi incontri importanti tra Africa e Washington in questi giorni, il compito di dare voce all’Italia nella complessa rete in cui da sempre si muove la nostra tormentata politica estera.

Fonte

“Greenpeace” va in guerra

183719361

Quasi la metà della trentina di attivisti di Greenpeace arrestati dalla Russia è accusata di pirateria. Su scala più ampia, l’attacco alla piattaforma petrolifera “Prirazlomnaja” dovrebbe essere visto in prospettiva storica. Ora l’incidente ha lasciato il campo delle relazioni pubbliche e sarà trattato dal sistema giudiziario russo come reato. La Corte di Murmansk dovrà scoprire chi tra l’equipaggio dell’Arctic Sunrise sia responsabile e debba meritare una condanna.

La triste tradizione di Greenpeace di mettere in pericolo i complessi impianti energetici è entrata in conflitto con la crescente presenza russa nella regione. Pochi giorni prima dell’incidente sulla piattaforma “Prirazlomnaja“, la Russia aveva annunciato i piani per proteggere i giacimenti offshore, e per ricostruire una base militare nelle isole della Nuova Siberia. Le azioni pericolose di hippy ben preparati, presso la vitale infrastruttura energia di Mosca, non riguarda solo lo scenario artico. Tre anni dopo il famigerato incidente della BP, un gruppo di giovani, ancora una volta, mise in pericolo l’ecologia marina e la sicurezza del personale operativo. Una rapida risposta era inevitabile perché gli ingegneri russi hanno dovuto terminare una fase difficile dei lavori sottomarini. “Qualsiasi cosa poteva succedere. Un errore di manovra o un malfunzionamento tecnico. C’era un pericolo per la vita e la salute del personale. Tali trovate pubblicitarie valgono davvero la pena delle possibili gravi conseguenze che possono creare?“, ha chiesto il Presidente della Russia Vladimir Putin ai partecipanti del forum internazionale sull’Artico in Russia. Questa estate la nave di Greenpeace ha violato la frontiera marittima della Russia diverse volte. Le guardie di frontiera hanno contattato il capitano dell’Arctic Sunrise, che aveva deciso d’ignorare tutti gli avvertimenti sulla navigazione. Se gli attivisti di Greenpeace avessero eseguito un simile attacco a sorpresa contro una qualsiasi struttura statunitense, sarebbero sicuramente finiti a Gitmo con l’accusa di terrorismo.
Le aziende di costruzione di tutto il mondo sono ben consapevoli di questo tipo di minaccia. Gli atti di ecoterrorismo sono spesso coperti dall’assicurazione contro i rischi politici. In prospettiva storica, i governi dei Paesi sviluppati non hanno esitato a fermare l’agenda degli attivisti radicali con tutti i mezzi disponibili. L’affondamento della Rainbow Warrior di Greenpeace fu uno degli esempi più vividi. Nel 1985 il presidente francese François Mitterand aveva tentato d’impedire alla nave d’interferire con un test nucleare pianificato e ordinò di sabotarla in un porto della Nuova Zelanda.  Il fotografo Fernando Pereira, a bordo della Rainbow Warrior, annegò nel rapido affondamento che fece seguito all’esplosione. Il governo francese si scusò, ma Greenpeace non aveva tratto alcuna conclusione dal tragico incidente. Un altro caso interessante. Nel settembre del 1995, 25 attivisti di Greenpeace occuparono la piattaforma Brent Spar della compagnia Shell, per protesta contro il piano di affondare l’impianto di perforazione in acque profonde. La Shell aveva commissionato la consulenza indipendente della norvegese Det Norske Veritas (DNV), per indagare sulle accuse di Greenpeace. Greenpeace ammise che le sue affermazioni secondo cui la Spar conteneva 5.500 tonnellate di petrolio erano “imprecise”. Prendendo parte al conflitto tra società off-shore e onshore, Greenpeace danneggiò gravemente la propria credibilità. Il governo inglese si trattenne da azioni sovversive e optò per l’infiltrazione: agenti di polizia ebbero l’ordine di aderire all’organizzazione verde. The Guardian seguì in dettaglio molte storie di agenti di polizia sotto copertura che posarono per anni da attivisti ambientali. I principali membri di Greenpeace furono profondamente coinvolti nello scandalo.
Dalla “battaglia” del Brent Spar, il ricatto ecologico è diventato un business redditizio e un utile strumento nella lotta per gli affari. Greenpeace gode di generose donazioni da varie istituzioni di beneficenza private negli Stati Uniti. “Esiste negli Stati Uniti una vasta, ben consolidata, altamente professionale industria della protesta alimentata da gruppi d’interesse che cercano di riempirsi le tasche“, hanno scritto Jay Byme e Henry I. Miller nel loro articolo “Aprire gli occhi sull’eco-terrorismo” di “Forbes“. Cosa c’è di meglio degli estremisti verdi da poter vendere sempre  al pubblico quali “bravi ragazzi”, perché l’ambientalismo aggressivo gode di uno status quasi religioso nei Paesi occidentali. Si tratta di una parte sostanziale della nuova ideologia anti-scientifica ostile all’industria energetica e al progresso tecnologico. Alcuni membri dell’equipaggio dell’Arctic Sunrise possono essere idealisti puri. Il loro zelo neo-luddista è solo degno di miglior causa e deve essere qualificato come circostanza attenuante. Più vulnerabili di loro, per esempio, è l’eco-attivista finlandese Sini Saarela che dovrebbe essere curata e medicata. La guardia costiera russa l’ha salvata un paio di giorni prima dalle acque fredde del Mar di Pechora, dopo che non era riuscita a salire sulla “Prirazlomnaja” con materiale alpinistico. Considerando tutti questi fatti, le guardie costiere russe sono improvvisamente apparse come un faro di umanesimo rispetto a coloro che affondarono la Rainbow Warrior come “misura preventiva” o a coloro che inviarono poliziotti a lavorare in Greenpeace. L’intenzione della Russia poteva essere spaventare alcuni membri dell’equipaggio ignari, non punirli penalmente, secondo l’esperto sull’energia russo Konstantin Simonov.
Piccolo test di realtà per i cuori liberali che sanguinerebbero senza mai farsi del male. E’ assai probabile che le guardie di frontiera della Russia abbiano anche ottenuto un applauso silenzioso da ingegneri canadesi, norvegesi e persino statunitensi che lavorano su progetti energetici pericolosi sulle frontiere artiche. Ma gli eco-terroristi professionali come il capitano della Rainbow Warrior e dell’Arctic Sunrise, Peter Wilcox sono assai ben consapevoli di tutte le conseguenze. Sono infatti esperti manager dell’industria transnazionale dell’attivismo verde retribuito che partecipano volontariamente ad azioni illegali per pubblicità. Volevano uno scandalo e ci sono riusciti. Potrebbe essere uno dei motivi per cui i giudici a Murmansk hanno negato la cauzione, al fine di lasciare che gli investigatori scoprano chi siano quelli dell’equipaggio dell’Arctic Sunrise. L’approccio  individuale è davvero necessario nel mantenere i principi di legalità e di proporzionalità della pena.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

 

Fonte

La Monsanto sconfitta?

774

Il Comitato Scientifico EQUIVITA, che da 30 anni segue la storia degli OGM e dei brevetti sul vivente in Europa, ritiene necessario prender le distanze dalla cronaca di oggi e fare una valutazione più approfondita della notizia uscita di recente: “La Monsanto rinuncia agli Ogm in Europa”

1) Tre sole sono attualmente le varietà di Ogm autorizzate alla coltivazione in Europa (assai poco diffuse: due varietà di mais per animali e una di tabacco), ma la Commissione europea, terminata pochi anni fa la lunga moratoria impostale dai cittadini europei, ha optato nuovamente per una politica di apertura agli Ogm, concedendo in cambio agli Stati membri la facoltà di opporvisi singolarmente…

2) Dopo un periodo travagliato durato fino ad oggi, in cui l’Italia (come vari altri Stati membri) aveva delegato la decisione sulle autorizzazioni alle singole regioni, l’Italia ha di recente stabilito (con mozione votata all’unanimità in Senato) per la richiesta della clausola di Salvaguardia, sancita dalla direttiva del 2001/18 (art.26 bis), che vieta la coltivazione di OGM su tutto il territorio nazionale, sulla base di rischi documentati per la salute e l’ambiente. Se l’Italia, che in tal modo si allinea con un numero importante di altri Stati membri, saprà portare a termine questo impegno, la nostra produzione alimentare, tanto apprezzata in ogni parte del mondo, sarà stata salvata e le colture transgeniche non vedranno la luce e avremo conservato la nostra sovranità alimentare.

3) L’attuale decisione della Monsanto, che dichiara di non voler “espandere” le sue colture geneticamente modificate in gran parte dell’Europa è dunque un semplice prendere atto di una situazione di fatto: i suoi progetti sono falliti, le colossali cifre investite non solo nei brevetti, ma anche nell’incessante lavoro di lobby svolto fino ad ora (di cui l’azienda stessa nel suo comunicato fornisce testimonianza) non sono state un investimento di successo.

4) La Monsanto tuttavia non fa cenno alle 65 varietà di OGM di cui è consentita in Europa l’importazione (di queste ben 30 resistenti al glufosinate, erbicida che la Commissione europea ha messo nella Lista rossa, tra i pesticidi più pericolosi e 23 resistenti al glifosate, erbicida che anch’esso è tossico per l’uomo, come ha dimostrato Seralini con i suoi studi sulle cellule umane). Questi prodotti creeranno sempre, pur se coltivati in altri continenti, gravi danni alla biodiversità, all’ambiente, alle economie locali, alla sovranità alimentare, e alla salute umana, soprattutto con la diffusione dell’inquinamento chimico (ricordiamo che le coltivazioni Ogm aumentano di 4 volte il consumo dei pesticidi, anche secondo lo studio IAASTD, commissionato dall’ONU a 400 scienziati indipendenti).

5) Ma la cosa più grave (e sempre taciuta) è quanto avviene oggi all’Ufficio Europeo dei Brevetti di Monaco di Baviera.
Se prima rifiutavamo di accettare i brevetti sugli OGM, in quanto, con il pretesto di una modifica genetica introdotta, privatizzano la materia vivente, oggi restiamo sbigottiti davanti ad un’azione di gran lunga più illegale.
Oggi i brevetti rilasciati dall’EPO alla Monsanto non sono più, in grande parte, su organismi geneticamente modificati (come previsto dalla direttiva 98/44), ma su piante o animali riprodotti con metodi convenzionali (senza modifica genetica). Oggi la sfida della Monsanto va ben oltre. Ne deduciamo che se essa ci assicura di voler rinunciare a qualche Ogm, vuol dire che entro poco sostituirà il mercato degli Ogm con quello dei prodotti convenzionali … coperti da nuovissimi brevetti.

Se noi non ci affrettiamo a fermarli con nuove e più assennate leggi, i nuovi “padroni del mondo” privatizzeranno e controlleranno ogni nostra fonte di vita.

EQUIVITA, Comitato Scientifico Antivivisezionista, 
Via P.A. Micheli 62, 00197, Roma – equivita@equivita.it

Fonte

Ritorno ad un’ economia per l’ Uomo

b1d1874c4046387201e965e9844c6164

L’economia attuale è costruita come un grande imbuto o un piano inclinato sul quale qualsiasi ricchezza che viene creata inevitabilmente scivola fino a finire in un punto ben determinato.

Il sistema odierno si fonda sullo squilibrio che viene sapientemente creato e mantenuto con cura maniacale per essere sfruttato al momento giusto, per approvvigionarsi di materie prime e sfruttare manodopera a basso costo, per avere sempre una produzione a costi inferiori, conseguendo così vantaggi incolmabili e sempre maggiori rispetto agli altri attori del mercato.

Lo schema classico è produrre a poco e vendere a tanto sfruttando gli squilibri; e questo si ripete all’infinito, ma sempre con differenti modalità per non essere facilmente individuato, allargando la sfera di azione ogni volta che un mercato inevitabilmente si esaurisce. Un esempio di casa nostra è la pretestuosa arretratezza del sud Italia che è servita strumentalmente in un primo periodo per avere manodopera e successivamente per “delocalizzare” produzioni ed ottenere sostanziosi aiuti economici dallo stato. Finita la festa e trovati altri luoghi nel pianeta dove massimizzare il profitto, si abbandona tutto lasciando in eredità a chi rimane solo inquinamento, distruzione, povertà, tanta sofferenza e malavita.


L’ attuale globalizzazione ha solo questo scopo e niente più.

Solo così si spiega il miliardo e duecento milioni di persone che soffrono ancora la fame, aumentate del 9% solo nell’ultimo anno ed i livelli di povertà profonda di alcune zone del pianeta, quando invece si sarebbe in possesso di tecnologia e ricchezza sufficiente per dare benessere e alimentare con tranquillità tutta la popolazione mondiale.


Il debito infinito

Lo strumento usato per creare questi necessari squilibri è il debito infinito. Uno strumento che getta l’intera umanità, per il solo fatto di partecipare al suo gioco, dentro l’incantesimo della scarsità, facendola confrontare ogni giorno con le sue più profonde paure e fragilità, trasformando quello  che  potrebbe  essere  un  paradiso  in  un  inferno  e  soprattutto  riducendola  in  schiavitù; una  schiavitù  moderna  senza  sbarre  o  costrizioni  fisiche,  ma  forse  per  questo  più  dolorosa  e difficilissima da smascherare. Leggi il resto dell’articolo

Morti di serie B

Nuclear-plant

di Fabrizio Andreoli

La Commissione Europea attraverso il programma Clean Air For Europe (CAFE) relativo all’interazione tra l’inquinamento ambientale e l’impatto sulla salute pubblica, ha stimato in almeno 350 mila i decessi avvenuti in ambito Comunitario a causa dell’inquinamento atmosferico, decessi, che crescono fino a circa 2 milioni secondo gli studi in ambito mondiale effettuati dall’OMS relativamente all’interazione tra il particolato carbonioso e le patologie respiratorie e cardiovascolari connesse.
Ma cos’è il particolato? E’ l’insieme delle componenti solide e/o liquide espulse alla scarico e derivante dall’impiego dei combustibili fossili, sia per l’autotrazione, che per la generazione elettrica, nonché in numerose attività dell’industria pesante.
Le particelle di più ridotte dimensioni sono facilmente inalabili ed in profondità, sottoponendo l’apparato respiratorio (direttamente) e quello cardiovascolare (indirettamente) a notevoli problematiche. A seconda della tipologia e dimensione possiamo distinguere:
1)Aerosol: particelle liquide o solide sospese di diametro minore di 1 µm.
2)Esalazioni: particelle solide di diametro < 1 µm, in genere prodotte da processi industriali.
3)Foschie: goccioline di liquido di diametro < 2 µm.
4)Fumi: particelle solide disperse di diametro < 2 µm, trasportate da prodotti della combustione.
5)Polveri: particelle solide di diametro variabile tra 0,25 e 500 µm.
6)Sabbie: particelle solide di diametro > 500 µm.
Il carbone, ancor oggi massicciamente impiegato per la generazione di energia elettrica a basso costo, è tra i principali artefici dell’inquinamento da particolato, ma vanno inclusi anche gli olii pesanti impiegati nelle vecchie centrali elettriche, il quotidiano traffico per autotrasporto, pesante e civile, che affolla le nostre principali arterie cittadine e Nazionali e anche il metano, noto per l’emissione in atmosfera del particolato sottile, particolarmente insidioso per l’apparato respiratorio.
Una delle alternative principali per abbattere l’inquinamento atmosferico e rendere le città più vivibili è quello di deputare alla potenza dell’atomo il compito di generare energia elettrica, la componente più importante dell’inquinamento mondiale; la Francia, ma anche gli Stati Uniti sono l’esempio più lampante dei vantaggi dell’energia elettronucleare, infatti nonostante le metropoli degli Stati considerati siano tra le più densamente popolate e trafficate, la qualità dell’aria e della vita è certamente tra le migliori del mondo.
Tralasciando il lasso di tempo necessario a costruire l’impianto, li dove si impiegano le sorgenti fossili per movimentare il materiale e produrre l’impiantistica, per almeno 60 anni una centrale nucleare produce energia elettrica ad impatto ambientale zero, risultando anche secondo le più recenti ricerche della NASA, come fonte salva-vita, con almeno 1,8 milioni di persone salvate dalla morte e da gravi patologie respiratorie, proprio grazie all’impiego di tali fonti. Le emissioni per unità di energia prodotta sono in assoluto le più basse tra tutte le fonti.
Purtroppo in Europa solo il Regno Unito e la Repubblica Ceca, di concerto con la vicina Slovacchia, hanno deciso di puntare pesantemente sull’energia atomica, mentre la stessa Francia per ragioni, che di tecnologico hanno poco o nulla e molto di carattere politico-elettorale, sta puntando erroneamente sulle fonti alternative, come l’eolico ed il solare.
Francia di oggi ed Italia di ieri ed oggi accumunate da strane politiche, che evidentemente si intrecciano negli interessi delle vere lobby: quelle delle energie alternative. Ambientalisti, che pressano la politica, mass media, che in nome di una scienza e di una conoscenza, che tali non sono, travisano dati, informazioni e allarmano sulla base di contestabili documentazioni di rischio delle centrali nucleari, mass media e associazioni, che non lasciano spazio di espressione a chi vive nel settore energetico e della ricerca, evidentemente preferendo alimentare falsi miti per manipolare l’opinione pubblica contro la più affidabile e sicura sorgente di energia.
Da qui le mistificazioni circa gli incidenti nucleari di Chernobyl e Fukushima, ricordiamo solo 57 morti nel primo caso dal 1986 ad oggi e nessuno nel secondo come anche la scienza ufficiale conferma, l’isteria alimentata in chi ascolta e legge di tumori, malformazioni e deformità mostruose in chi viene esposto alle radiazioni. Eppure la scienza ufficiale lo conferma: le radiazioni a basso dosaggio o ridotta esposizione non ledono l’integrità cellulare, non avendo entro i limiti stabiliti dai ricercatori, interferenza alcuna nei processi cardine, quali l’apoptosi (morte programmata delle cellule) e la metilazione (il processo di duplicazione dei fattori genetici). La potenza dell’interesse personale, la potenza delle lobby energetiche, la forza di penetrazione sul mercato mediatico ostinatamente cieco e chiuso, impediscono l’affermazione delle incontrovertibili verità scientifiche e tecnologiche.
La colpa del popolo? E’ quella di credere ciecamente in quanto affermato da chi, inventando, gridando e demonizzando maggiormente un avvenimento, riesce a penetrare la mente. Mente mal disposta a saper distinguere, pesare, mente troppo abituata alle grandi frasi ad effetto di chi fa della menzogna profezia di vita, ma mente non predisposta ad ascoltare chi vuole comunicare e non millantare la scienza.
In Italia si è così preferito puntare tutto sulle energie alternative, fornendo realtà ulteriore spazio alle fonti fossili e si preferisce parlare dell’impiego dei sistemi di stoccaggio del carbonio emesso dalle centrali a carbone e gas.
Le fonti alternative si sono mostrate ampiamente poco affidabili, perché troppo dipendenti dalle condizioni ambientali e, quindi aleatorie; il sole sorge e tramonta secondo un ritmo noto da sempre, il vento non sempre spira o in condizioni tali da garantire una generazione costante ed affidabile. Puntando su queste fonti si punta sull’incognita, anche impiegando sistemi di stoccaggio dell’energia. Perché in caso di prolungate avverse condizioni meteorologiche e non solo nel normale ciclo giorno/notte, da dove attingere energia mai generata per fare vivere la civiltà? E cosa dire dell’energia eolica? Il vento, presente 1560 ore su 8760 e non sempre in forma sfruttabile (in Italia spesso spira a raffiche violente); come ottenere l’energia nelle restanti ore mancanti? Ovviamente ricorrendo agli elementi di back-up, ovvero a sistemi affidabili e capaci di tamponare l’assenza di generazione attraverso l’impiego di combustibili fossili, gas e carbone, quindi non “sensibili” alle condizioni ambientali.
E cosa dire del tentativo di indicare come “verde ed ecologico” il carbone impiegato in centrali capaci di stoccare la CO2 nel sottosuolo? E’ forse meno pericoloso immagazzinare un gas letale in una cavità sotterranea o sottomarina? Cosa accadrebbe in caso si frane o violenti terremoti? Un gas filtra facilmente in superficie e la storia ci insegna, come nel caso del Lago Nyos in Camerun, li dove le esalazioni di CO2 da una sacca vulcanica uccisero in pochi istanti oltre 1800 persone.
In Italia si abbandona il futuro per una paura indotta da falsa comunicazione per abbracciare la fonte, che nel tardo 1800 diede per prima energia all’uomo per il suo progresso, adesso dobbiamo solo scegliere; credere alle menzogne e retrocedere nel medioevo ed inferno sociale o comprendere la realtà e progredire tecnologicamente e socialmente?

Articoli correlati:
Nell’ambito del programma CAFE (Clean Air For Europe) della Commissione Europea è stato stimato che, nel 2000, “circa 350.000 persone sono morte prematuramente per l’inquinamento atmosferico.” Fonte
Secondo l’Oms “ogni anno più di 2 milioni di persone muoiono a causa dell’inalazione di particolato fine presente nell’aria all’interno ed all’esterno.”
La Germania va a carbone e non ad energie alternative
In Europa come nel mondo il consumo di carbone è in costante crescita.
L’energia nucleare potrebbe aver salvato 1,8 milioni di vite umane e potrebbe salvarne almeno altri 5 milioni
Le emissioni di CO2 da una sacca vulcanica del Lago Nyos hanno sterminato un intero villaggio

 

Fonte

 

Si veda anche : L’imbroglio delle fonti energetiche rinnovabili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: