Noi omosessuali contro l’utero in affitto

Donna-in-gravidanza
Mentre la Boldrini ne chiede la regolamentazione, c’è anche chi – con argomentazioni razionali e non di fede – si oppone. Un articolo da leggere

Vi sono alcuni argomenti completamente ignorati in questa campagna elettorale. Uno di questi è, certamente, l’utero in affitto. Al centro del dibattito nella passata legislatura quando si dibatté di unioni civili, è oggi ritenuto non significativo. Eppure è un argomento importante perché altamente rivelatore della concezione antropologica che sottende l’operato di chi si candida a governare il paese.
Recentemente, l’unica ad averne parlato esplicitamente (e a sproposito) è stata Laura Boldrini. Rispondendo a una domanda in un’intervista, la terza carica dello Stato ha detto che, a suo parere, la maternità surrogata andrebbe regolamentata. Come ha correttamente fatto notare il portavoce del Family Day, Massimo Gandolfini, il presidente della Camera e leader di Leu ha mostrato una grave ignoranza in materia: l’utero in affitto in Italia è “già” regolamentato, nel senso che la legge 40 lo vieta espressamente.

Boldrini, come altri, continua nella sua campagna a favore dell’odiosa pratica, spalleggiata da una certa parte della galassia lgtb. Eppure esistono voci importanti, all’interno di quello stesso mondo, fortemente contrarie o critiche nei confronti della Gpa (gestazione per altri). Spesso vi abbiamo segnalato le posizioni di Se non ora quando, di Arcilesbica e della filosofa Sylviane Agacinski; qui di seguito vi riportiamo un articolo apparso su Il Figaro, e tradotto in italiano dal sito breviarium, firmato da tre omosessuali. Il contributo, per chiarezza e ragionevolezza, è di notevole interesse perché tocca molti dei temi al centro del dibattito pubblico e perché redatto da tre persone che non possono essere tacciate della solita e logora accusa di omofobia. Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: