La lista completa dei massoni d’Italia, nome per nome, dal Trentino alla Sicilia

7117597415091390ac930c-1024x603

di Edoardo Bettella

26.410. È il numero dei massoni in Italia. Popoff ha deciso di pubblicarne la lista, loggia per loggia, regione per regione. Abbiamo calcolato le maggiori concentrazioni geografiche in Italia (Firenze e la Toscana) e le professioni che contano più iscritti (medici e avvocati).

Ventiseimila nomi. Sono gli affiliati italiani alle logge massoniche nazionali, perfettamente riconosciute e legittimate dalla legge italiana. A due settimane dall’editoriale di Ferruccio De Bortoli su “Il corriere della sera”, in cui al patto Renzi-Berlusconi viene associato un «odore stantio di massoneria», Popoff pubblica le liste degli iscritti. Seppur divulgate originariamente da “La voce delle voci” cinque anni fa, hanno ancora molte cose interessanti da raccontare. Vediamo quali.

Sarà un caso, forse, ma la regione italiana che conta più iscritti è la Toscana. E tra tutte le città d’Italia, quella tra in cui vi risiedono più massoni è Firenze. Stiamo parlando di più di duemila liberi muratori nella sola città bagnata dall’Arno. Quasi il dieci per cento del totale dell’Italia intera.

Se, a Firenze, si aggiungono Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena, arriviamo a un totale di più di quattromilacinquecento. La città che, dopo Firenze, conta il maggior numero di liberi muratori è Torino, con quasi duemila affiliati. Al terzo posto troviamo Roma, con milleseicentotrenta. Seguono, in ordine decrescente, Milano (milleduecentosettanta), Palermo (milleduecentosessanta), Perugia (ottocentottantotto) e Genova (ottocentotrenta).

Una menzione particolare merita Perugia. Il capoluogo umbro, infatti, conta poco più di centosessantamila abitanti. Questo significa che c’è un massone ogni, circa, centottantasei abitanti. Il numero è poco distante da quello di Firenze, dove ne troviamo uno ogni centottantatrè. La differenza sostanziale sta nel fatto che, però, Firenze ha più del doppio degli abitanti di Perugia, che diventa, quindi, una delle città con la maggiore concentrazione di affiliati a logge massoniche per numero di abitanti.

Tra le professioni, troviamo più di duemila medici, oltre mille avvocati e dirigenti, novecento imprenditori, quasi seicento dipendenti ministeriali, trecentoventi ragionieri, duecentocinquanta assicuratori, duecentoventi industriali. Sono solo numeri, professioni, aree geografiche. Ma sarà un caso che il Corriere parli di «odore stantio di massoneria» riferendosi proprio a un patto che ha, come punti di contatto in parlamento, due toscani doc come Denis Verdini e Maria Elena Boschi?

“Il Corriere della sera” parla di «odore stantio di massoneria» riferendosi al patto tra Renzi e Berlusconi, che trova i due punti di contatto in Denis Verdini per Forza Italia e Maria Elena Boschi per il Partito democratico. Ma c’è qualche legame tra questa affermazione e le radicate origini toscane dei due?

Alcuni chiarimenti: queste liste fanno riferimento alle logge nazionali, non a quelle estere o sovra-nazionali, anche dette Ur-Lodges, intorno alle quali spesso aleggia un velo di mistero e segretezza. In Italia, in seguito allo scoppio dello scandalo della P2, la legge Spadolini-Anselmi ha vietato l’esistenza di associazioni segrete (come già previsto dall’articolo 18 della Costituzione) obbligando anche la non segretezza riguardo agli iscritti.

La più grande loggia massonica italiana è il Grande oriente d’Italia (Goi), con sede a Roma e con più di ventimila affiliati. Ne esistono molte altre, più piccole e con meno affiliati, come, ad esempio, la Gran loggia d’Italia degli Alam o la Gran loggia regolare d’Italia. Dal Goi si è dissociato, nel 2010, Gioele Magaldi, fondatore del Grande oriente d’Italia democratico (God), movimento massonico di opinione nato all’interno del Grande oriente d’Italia, ma con lo scopo di riformarne la struttura interna all’insegna della trasparenza. È, di fatto, una forza di opposizione interna al regime «dispotico» del Goi. La scissione nacque in seguito alla presa di coscienza, da parte di Magaldi, delle attitudini dell’ex Gran maestro del Goi Gustavo Raffi, orientate esclusivamente alla preservazione del potere fine a se stesso e all’arricchimento personale, principi totalmente opposti a quelli della tradizionale massoneria.

Pubblichiamo, di seguito, la lista di ventiseimila nomi, frutto dello strabiliante lavoro di Andrea Cinquegrani e Rita Pennarola, de “La voce delle voci”, che, nel 2009, l’hanno divulgata.

ECCO LA LISTA

Fonte

2 Responses to La lista completa dei massoni d’Italia, nome per nome, dal Trentino alla Sicilia

  1. e come avrebbe fatto popoff ad accedere a tali elenchi dato che vige la segretezza in contrasto con la legge Anselmi? E guardacaso si accorgono ora che la Toscana conta il numero più alto di iscritti? Lo scrisse Pinotti in un libro di decenni fa….Ad ogni modo, come mai si sostiene siano medici ed avvocati? Sarà mica che siano categorie accreditate essere di destra??? Per cui, popoff da bravo sito “compagno” fa un servizietto??? Ed i magistrati tutti trasversali e non iscritti??????

    • Donato scrive:

      Si,c’è da immaginare che la lista non sia affatto completa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: