LA MERKEL AL SERVIZIO DEL MERCATO TRANSATLANTICO

header_ttip1

Vai a sottovalutare l’intelligenza delle persone. Il segretario di Stato USA, John Kerry, ha detto che Assad è come Hitler. Ma come gli sarà mai venuto in mente un paragone così originale?
Però, anche senza un Hitler, nel Sacro Occidente sappiamo farci rispettare. Che bisogno abbiamo noi di tiranni e dittatori? Si sa che da noi comanda l’Elettore, il Santo Elettore, e che la cancelliera Angela Merkel non muove un passo senza prima sondare gli umori degli elettori della Vestfalia e del Brandeburgo. Eppure la Leggenda del Santo Elettore non tiene conto del fatto che costui non ha mai sentito neppure nominare il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), il nuovo mercato comune che unirà le due sponde dell’Atlantico nel 2015. Non se ne è discusso in nessuna campagna elettorale europea, sebbene sarebbe stato interessante sapere cosa ne avrebbero pensato, ad esempio, gli agricoltori tedeschi; ma in questi anni sono stati intrattenuti a baloccarsi su questioni futili o inesistenti, come pagare o meno i debiti dei “PIIGS”. La propaganda ufficiale è riuscita a diffondere anche in Germania, Olanda e Finlandia la fiaba leghista del Nord che mantiene il Sud, e gli elettori vengono ridotti davvero come bambini che vogliono riascoltare sempre la stessa fiaba. Intanto, nel giugno scorso, la Merkel riceveva a Berlino, in pompa magna, il presidente Obama per dare l’annuncio dell’avvento del mercato transatlantico, cantando come al solito le lodi della “concorrenza” (nome in codice delle multinazionali), foriera di milioni di posti di lavoro e di benessere per tutti. In realtà si tratta di un’integrazione dell’economia europea in quella statunitense, ed al livello degli standard sociali e produttivi degli Stati Uniti.
Neanche in Germania la notizia del TTIP è stata molto rilanciata, ed anche lì la maggior parte della gente continua a non saperne nulla. Forse perché la supina accettazione del TTIP contrasta con l’immagine rampante ed aggressiva che oggi i media vorrebbero imporre della Germania. Fu infatti la stessa Merkel, nel 2007, nella sua veste di presidente del Consiglio Europeo, a firmare il primo accordo con l’allora presidente USA, Bush. Il TTIP venne spacciato per un “accordo bilaterale”, ma in effetti si poneva nella stessa linea dettata dall’Organizzazione Mondiale per il Commercio/WTO dal 1995, e ne costituiva una diretta e logica conseguenza. Infatti non c’è mai stata una vera discussione a riguardo e, solo per aver proposto di escludere dall’accordo TTIP il settore degli audiovisivi, il presidente francese Hollande si è beccato l’epiteto di “reazionario” dal presidente della Commissione Europea, Barroso. Come sorprendersi se adesso il povero Hollande vuole andare a bombardare la Siria per potersi sentire di nuovo qualcuno?
Ma la Francia non la prende sul serio nessuno, mentre è la Germania, secondo molti commentatori, a tenere per le palle l’Europa tenendo stretti i cordoni della borsa. Non c’è dubbio che la Germania abbia tratto sinora enormi vantaggi dall’euro, sino ad instaurare un vero e proprio fenomeno di sub-colonialismo sui Paesi del Sud Europa. Come è ormai arcinoto, la Germania può permettersi di pagare interessi più bassi sui propri titoli di Stato, poiché sono i Paesi con titoli “rischiosi” come l’Italia, la Spagna o la Grecia a pagare i maggiori interessi agli investitori. Allo stesso modo, l’eccessivo valore dell’euro ha penalizzato le esportazioni di concorrenti tradizionali della Germania, come l’Italia. La Bundesbank ha saputo certamente fare i propri interessi presentando l’ammissione degli altri Paesi europei al club dell’euro come un onore ed una concessione; e, probabilmente, era persino convinta che così fosse.
Sull’altare dell’Europa, un ceto politico italiano in preda alla libidine di servilismo ed all’autorazzismo, ha perciò sacrificato anche industrie in grado di infastidire i giganti tedeschi. Ciò dimostra ancora una volta che le cosiddette “borghesie nazionali” sono un mito, e che esistono solo ceti affaristici locali incapaci di concepirsi al di fuori della servitù coloniale. L’Alfa Romeo era una delle poche case automobilistiche che potevano insidiare il mercato di Mercedes e BMW, e la privatizzazione/”fiattizzazione” operata da Romano Prodi, l’ha ridotta ad un semplice marchio. Anche parte della siderurgia pubblica italiana è stata svenduta alla multinazionale tedesca ThyssenKrupp, che ci ha ringraziato ammazzando un po’ di operai italiani, adesso persino con l’avallo dei nostri giudici di Appello.
Sta di fatto però che anche il debito pubblico tedesco sta toccando sempre nuovi record. Nell’aprile scorso il debito tedesco ha sfiorato il livello dell’82% del PIL. Il motivo? Ci sono da pagare le quote dell’ESM, il Meccanismo Europeo di Stabilità, quel fondo salva-banchieri che ha appena elargito sessanta miliardi di euro alle banche europee in crisi. Nonostante la diceria che la Germania tenga stretti i cordoni della borsa, in realtà sta versando all’ESM oltre centonovanta miliardi di euro.
L’ESM impegna anche l’Italia a versare qualcosa come centoventicinque miliardi di euro, e ciò nell’ipotesi che la stessa Italia un giorno abbia bisogno di farsi prestare quei soldi (sic!). L’ESM è un Fondo Monetario Internazionale in versione europea, che sinora ha riservato le sue piogge dorate ai banchieri. Anche nel suo statuto l’ESM confessa questa sua complementarietà e dipendenza nei confronti del FMI, il quale, come si sa, ha sede a Washington. A gestire direttamente la crisi finanziaria in Europa infatti è lo stesso FMI, che appena una settimana fa ha intimato alla Grecia di trasferire definitivamente la gestione dei suoi beni immobiliari ad una holding europea con sede in Lussemburgo, che porti a compimento quel programma di privatizzazioni che ridurrà i Greci alla stregua di immigrati clandestini nel proprio Paese.
Non contento, il FMI – dissimulato sotto la voce di “Troika”, come se fosse un’invasione sovietica -, ora impone alla Grecia anche di disfarsi delle sue agenzie militari con tutti i dipendenti, senza indennizzi. In tal modo il FMI si rivela come il braccio finanziario della NATO, che diventerebbe l’unico controllore del territorio greco. Pare proprio difficile pensare che il caso greco non c’entri nulla con l’aggressione contro la Siria, ed ancora più difficile escludere che quest’aggressione rientri nel quadro di un’ulteriore stretta della sottomissione coloniale dell’intero Mediterraneo.
Se la Germania non comanda neppure in Grecia, tanto più risulta improbabile un dominio della Merkel sulla politica italiana. Non si capisce infatti su quale potere di pressione potrebbe contare la Germania, dato che le sue banche non sono neppure i principali detentori del debito italiano. Anzi, dal 2011 il debito pubblico italiano si è andato sempre più “italianizzando”.
Ma per tanti commentatori, e persino “oppositori”, fare l’antidesco oggi è sicuramente più “igienico” che fare l’antiamericano. Non è la Germania infatti non il Paese che ci occupa militarmente. Anzi, tra i suoi attuali privilegi sub-coloniali, la Germania può vantare anche la possibilità di non partecipare ad avventure militari. Bisognerà vedere però cosa rimarrà di questi privilegi quando il mercato transatlantico sarà stato avviato.

 

Fonte

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: