Dietro al premio Nobel Rita Levi Montalcini.

Foto_centenario_montalcini 05-03-09 (247)

Riconoscendo i dovuti meriti alla signora Montalcini,noi comunque non ci dobbiamo scordare dei “particolari” della sua carriera scientifica per niente secondari(per noi): innanzitutto il sostegno alla vivisezione,anche se in seguito la Rita Levi “nazionale” sull’argomento cambiò parere(opportunismo o sincera “conversione”?),sostegno non solo teorico ma anche materiale,avendo la stessa scienziata praticato per anni e anni questi “sacrifici rituali” per la “Dea Ragione”(che non aveva bisogno di queste atrocità e di sicuro ne sarà offesa,visto che il suo nome è stato usato da carrieristi senza scrupolo per crimini “legali”)ma più probabilmente,aggiungiamo noi per il Dio Denaro(unico Dio riconosciuto da questo capitalismo in fase avanzata).Ecco cosa disse, in una puntata di Report su Rai 3 dedicata all’argomento ,sulla pratica di tortura e genocidio preferita dalle grosse mafie farmaceutiche “Si, Oddio bisogna che sia controllata, purtroppo non possiamo farne a meno, però lo si deve fare con il massimo rispetto dell’animale stesso e senza farlo soffrire.”(http://dallaparteloro.blogspot.com/2008_01_15_archive.html)Massimo rispetto dell’animale? Senza farlo soffrire?

Vabbè,passiamo oltre:un altro elemento non chiaro della sua carriera è il conflitto d’interessi(visto che và tanto d’attualità al giorno d’oggi)con le case farmaceutiche:infatti “Nel 1995, il quotidiano russo Izvestia, gettò delle ombre sul premio per la Medicina a Rita Levi Montalcini sostenendo che Francesco Della Valle, direttore generale della Fidia avesse “sponsorizzato” l’assegnazione del Nobel alla Montalcini, perché ciò avrebbe comportato grossi profitti derivanti dalla vendita del Gronassial. Nell’affare avrebbe avuto un ruolo rilevante anche Duilio Poggiolini, all’epoca direttore generale del servizio farmaceutico nazionale e membro della Loggia P2.” (http://it.peacereporter.net/articolo/13323/Nubi+sul+Nobel).

Andiamo avanti:la Montalcini è anche sostenitrice senza se e senza ma dello Stato di Israele che da più di 60 anni pratica ,con la complicità del “libero e razionale” Occidente ,l’apartheid e il “terrorismo di Stato” contro il popolo palestinese,costringendo alla diaspora quasi 1 milione di gente del posto:e lei che ha subito e ha vissuto durante le atrocità naziste e fasciste dovrebbe essere solidale con il popolo palestinese che sta vivendo un dramma molto simile a quello subito dal “suo” popolo negli anni Trenta,dramma che tra l’altro veniva descritto quotidianamente da Vittorio Arrigoni,il pacifista ucciso il 15 aprile ufficialmente da una “cellula impazzita di fondamentalisti islamici salafiti”(ma probabilmente con responsabilità morali e non solo del “democratico” stato israeliano),lo stesso che con grande coraggio denunciò la partecipazione di Saviano alla manifestazione propagandistica “Per la verità,per Israele” ,al quale appello anche lei signora Montalcini ha dato appoggio (http://www.veritaperisraele.org/about.php).

Da Giorgio Tremante:

Proprio lei, cara Rita Levi Montalcini ha pronunciato queste parole? 
Allora perché, nel 1980, dopo avermi proposto, forse su sollecitazione dell’allora Presidente Sandro Pertini, di farmi conoscere i più grandi genetisti a livello mondiale per cercare di risolvere il caso dei miei gemelli Andrea e Alberto colpiti, si diceva allora, da una malattia MISTERIOSA. Come mai, quando io venni a Roma per incontrarla ed accogliere le sue proposte invece di ricevermi mi sbatté letteralmente la porta in faccia? E’ stato forse perché aveva appreso che già qualche giornale aveva scritto e ventilato che la malattia dei miei figli poteva essere attribuita a un DANNO VACCINALE? Era questo il comportamento e l’onestà morale oltre alla deontologia professionale che una scienziata del suo calibro doveva tenere verso un padre disperato che si rivolgeva a lei perché non capiva la causa della malattia dei suoi figli e della morte del primo? Già, ma forse la correlazione con la malattia dei miei figli col DANNO VACCINALE, era scomoda più che per lei per una certa casa farmaceutica, senza far nomi, la FIDIA alla quale lei era molto legata, per la grande spinta che le aveva dato perché le venisse attribuito il PREMIO NOBEL? E’ risaputo ormai tutto di questa squallida vicenda, che la collega all’appoggio che la sua immagine di grande scienziata, dette allora a questa casa farmaceutica supportandola nella commercializzazione di un certo prodotto dal nome CRONASSIAL! Ecco perché, a causa di questi eventi la sua immagine di grande scienziata, secondo me, si dovrebbe sciogliere come neve esposta al sole. Ma nonostante questi fatti e la sua veneranda età, lei è rimasta ancora impavida a combattente e a difendere certi interessi, probabilmente legati più al commercio di certi prodotti che ad un qualcosa di veramente “scientifico” e utile all’umanità.

(Ringrazio Katrine e Massimo per il contributo reso pubblico)

Mario Monti, Weimar Reloaded

monti_weimar

di Maurizio Blondet

Lo scorso 14 dicembre il nostro ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, è volato a Washington ad incontrare il suo pari grado, Tim Geithner, e «investitori» finanziari non meglio identificati. Ad essi, secondo Il Corriere, Grilli ha spiegato il piano del governo Monti per ridurre un poco il debito pubblico, che Monti ha continuato a far salire rispetto al PIL, inarrestabile. Il calo del PIL (e non le tasse, secondo Grilli) ha fatto sì che esso si divaricasse dal debito: quello scende e, per forza, questo sale. La soluzione è aumentare il PIL «nominale», cioè quello reale più l’inflazione (che è al 2%, secondo loro), per far convergere le due entità. Come fare? Tranquilli, ha detto Grilli ai finanzieri esteri: «Il continuo aumento della disoccupazione spinge chi cerca un posto ad accettare compensi sempre minori pur di lavorare, ridando così un po di competitività di prezzo alle imprese»Le imprese italiane potranno dunque «ridurre i costi del lavoro» (Il Tesoro e la via anti-debito).

Ecco dunque il progetto di «rilancio» e «crescita» di Monti (e di Bersani poi, per cui Monti è «un punto di non ritorno»): nessuna liberazione delle imprese dallo strangolamento della burocrazia pletorica inadempiente, nessun taglio ai «costi della politica»; niente blocco degli statali e dei loro stipendi, già il 15% superiori a quelli privati; niente fiscalità che non sia persecutrice di chi produce, nessun taglio agli statali di lusso con stipendi miliardari. Quello che vuol ridurre, il governo, sono i salari privati, ossia di quelli che producono, non dei parassiti. Mettendo in competizione gli occupati con i disoccupati, costretti ad «accettare compensi sempre minori».

A parte l’odiosità morale, è il caso di avvertire che proprio questa «soluzione» fu quella che stroncò definitivamente l’economia della repubblica di Weimar (1919-1933), e fece sì che i tedeschi votassero il NSDAP e la facessero finita col liberismo. Non fu infatti l’iper-inflazione, come alcuni credono, a provocare il rigetto della democrazia; l’inflazione tedesca, benché atroce per la classe media, era già finita nel 1923, e l’istituzione pluralista durò ancora 10 anni. A provocare il tracollo fu invece la deflazione, unita alla recessione, provocata da programmi di «austerità» rigorosi secondo l’ortodossia liberista, e infine il taglio dei salari privati ordinato per decreto dal cancelliere Heinrich Bruening.  Leggi il resto dell’articolo

“L’ARTE DELLA GUERRA” Vedi Napoli e poi muori

DSC_0168Di Manlio Dinucci

Mentre a Napoli chiudono sempre più aziende, ce n’è una che va a gonfie vele tanto che ha aperto una nuova, lussuosa sede. È la Nato, il cui Comando interforze (Jfc Naples) si è trasferito il 13 dicembre da Bagnoli a Lago Patria. Il nuovo quartier generale ha una superficie coperta di 85mila metri quadri, circondata da un’area recintata ancora più vasta, già predisposta per future espansioni.

Vi lavorano 2100 militari e 350 civili che, con le famiglie, costituiscono una comunità di oltre 5mila persone. La costruzione è costata ufficialmente 165 milioni di euro, cui si aggiunge una cifra non quantificata per le dotazioni (600 km d cavi, 2mila computer, antenne satellitari) e le infrastrutture. L’Italia partecipa alla spesa complessiva, stimabile in circa 200 milioni di euro, sia con la quota parte del costo di costruzione, sia con il «fondo per le aree sottoutilizzate» e con uno erogato dalla Provincia, per un ammontare stimato in circa 25 milioni. Tutto denaro pubblico, che va ad aggiungersi al budget militare.

Speso però bene, secondo le autorità italiane. Nella cerimonia a Bagnoli, il presidente della regione Stefano Caldoro (Psi/Pdl) ha esaltato «l’importanza del Comando nel Mezzogiorno», la cui presenza è «al servizio della sicurezza e della pace nel mondo». Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris (Movimento arancione), dopo aver sottolineato «lo storico legame di Napoli con questa base», ha dichiarato: «Siamo orgogliosi di aver conosciuto tante forze armate diverse» che, trasferendosi nella nuova sede, resteranno a Napoli, una città con «una posizione strategica rilevante nei piani per il mantenimento della pace nel mondo», una città che «con gli occhi guarda verso Bruxelles (sede centrale della Nato), ma con il cuore guarda a Sud, al Medio Oriente dove stati autonomi e indipendenti ci si augura possano vivere in serenità». Parole altamente apprezzate dall’ammiraglio statunitense Bruce Clingan, comandante del Jfc Naples, che ha regalato a Caldoro la chiave simbolica della base e a De Magistris la bandiera del Jfc Naples.

Nessuno meglio di lui può apprezzare la posizione strategica di Napoli, esemplificata dal fatto che egli è, allo stesso tempo, comandante delle Forze navali Usa in Europa, comandante delle Forze navali Usa per l’Africa, comandante delle Forze congiunte alleate. I tre comandi di Napoli, sempre agli ordini di un ammiraglio statunitense scelto dal segretario alla difesa con l’autorizzazione del presidente, hanno un’«area di responsabilità» complessiva che abbraccia l’Europa, l’intera Russia e l’Africa.

La guerra alla Libia, l’anno scorso, fu diretta dal Pentagono prima attraverso l’Africa Command, quindi il Jfc Naples, appoggiati dalle forze navali Usa in Europa. Sempre da Napoli vengono condotte le attuali operazioni militari in Nordafrica e in altre parti del continente e quelle di accerchiamento e disgregazione della Siria.

Poiché le operazioni belliche si intenficano in base al «nuovo concetto strategico», spiega l’ammiraglio Clingan, occorreva una sede adeguata a «un quartier generale di combattimento della guerra», costantemente operativo. A Napoli, che – assicura De Magistris – ha «una posizione strategica rilevante nei piani per il mantenimento della pace nel mondo».

Fonte

Il 21 Dicembre e la fine di un mondo

maya-calendar

E’ ormai cosa nota, a tutti coloro che hanno approfondito un minimo la questione, che i Maya non predissero alcuna fine del mondo, per come comunemente viene intesa.
E, ad esclusione di alcuni irriducibili survivalisti che da anni accumulano provviste e conoscenze per affrontare la fine dei tempi, rimane ormai ben poca curiosità a proposito della fatidica data del 21 Dicembre del 2012.
L’argomento “fine del mondo” ha avuto il suo momento d’oro negli anni passati, ma l’entusiasmo è andato via via scemando man mano che la scadenza si faceva più vicina: in fin dei conti, vi sono questioni più importanti, e più concrete, di cui preoccuparsi, di questi tempi.
A questo si aggiunga che in una situazione simile si guadagna ben poco nell’atteggiarsi a veggenti: se nulla dovesse accadere, infatti, si rischia una pesante derisione, mentre se si dovesse, malauguratamente, avere ragione, allora non ci sarà più nessuno con cui vantarsi della propria lungimiranza.
E’ un gioco in cui si perde sempre.
Ed è per questo motivo che se proprio non si resiste alla tentazione di immedesimarsi in profeti di sventura, allora occorre sempre seguire la prima regola delle predizioni, ovvero individuare il momento della sventura in una data assai lontana nel tempo.
Nostradamus docet.

Così, a qualche giorno dall’una volta tanto atteso 21 Dicembre, sono rimasti davvero in pochi a riservare qualche aspettativa riguardo tale data, anche tra coloro che nei mesi passati si erano lasciati suggestionare dall’onda emotiva.
L’aspetto curioso dell’intera faccenda, casomai, sta nel modo in cui a livello collettivo, e periodicamente, le profezie riguardanti una prossima fine del mondo siano sempre in grado di generare un vivace interesse.
La fine del mondo fa infatti parte di quell’universo archetipale che ogni essere umano si ritrova nel proprio bagaglio interiore, e i profeti di sventura di ogni tempo, dai millenaristi medievali agli interpreti dei Maya attuali, passando per i contattisti e coloro che attendono la liberazione da parte di razze aliene, non fanno altro che agire su quel tasto, stimolando immagini e scenari già presenti nell’inconscio di ognuno di noi.
Tali profezie, inoltre, attecchiscono preferibilmente in alcuni determinati periodi storici, piuttosto che in altri.
Ed anche questo fatto riserva un certo interesse.

La verità è che il mondo non finirà, per ora, mentre finiscono “i mondi”, più e più volte, ed ogni volta che questo accade le collettività percepiscono i cambiamenti radicali intorno a loro e li traspongono, per immagini, in scenari di distruzione completa.
La storia umana infatti non procede seguendo una linea retta e regolare, ma passando per sbalzi, accelerazioni, rallentamenti, in un percorso a spirale fatto di cicli sempre simili a mai eguali a se stessi.
Ed ogni volta che un ciclo sta per giungere a termine, qualcosa a livello inconscio traspare, e diviene percepibile in maniera confusa.
In questo, il calendario Maya è da considerarsi alquanto preciso.
La loro concezione del tempo, infatti, era ciclica, così come quella di tutti i popoli dell’antichità, e il giorno che hanno segnato nel loro celebre calendario non fa altro che individuare una data in cui un grande ciclo avrà termine.
Questo non implica catastrofi, né distruzioni, e nemmeno presuppone segni celesti che scandiscano il passaggio in maniera eclatante: la fine di un era è un processo lungo, vago, e le date servono solo come simbolici spartiacque.
Perché un’era sta realmente finendo, e noi siamo testimoni viventi di uno dei periodi con più grandi cambiamenti sociali che l’umanità abbia sperimentato.
Stiamo vivendo la fine di un modello economico che ha caratterizzato l’occidente e il mondo intero negli ultimi secoli, stiamo assistendo all’emergere impetuoso di una nuova religione, con i suoi simboli, i suoi riti e i suoi sacerdoti, e per la prima volta nella storia abbiamo edificato una metafisica alternativa fatta di bit ed impulsi elettrici, abbiamo costruito un universo alternativo e virtuale e vi stiamo rapidamente trasferendo le nostre vite.
Mai come oggi i segnali di un repentino cambiamento di era sono stati più evidenti, e solo il tempo saprà dire il carattere dello spirito che attraverserà il nuovo ciclo in arrivo.

 

Fonte

Benigni, buffoni di corte e autoerotismo costituzionale

Roberto-Benigni-vai-Nicola-Piovani-586x322

Ai tempi dell’ancien régime, vi era una figura molto in voga tra governanti: era il buffone di corte, un artista di medio livello culturale che campava prestando la propria arte alla corte di riferimento, cantando lodi al padrone in cambio di denari, favori o protezioni. Ai governanti faceva certo comodo, poichè li dilettava, ne alimentava l’autostima (fondamentale per ogni carattere egocentrico), nonchè favoriva la diffusione di storie e news opportunamente lucidate a favore del committente.

Finito l’ancien régime, sono rimasti però i governanti con i loro giullari. Come abbiamo potuto constatare dallo show consumatosi ieri, sulla Rai: Roberto Benigni (il giullare) ad interpretare la Costituzione su commissione dei governanti. Il risultato è stato un pietoso tentativo di forzare ogni articolo della Costituzione in chiave enfatica, mitologica, poetica… per cui i padri costituenti sono diventati non più dei politici in procinto di scrivere delle regole, ma degli eroi salvatori del mondo. Come ogni cosa che vien forzata (perchè non naturale), lo show di Benigni è scaduto spesso e volentieri nel kitsch, lasciandosi andare a mistificazioni, omissioni, leccate di culo e banalità stucchevoli persino agli occhi dell’ignorante.

L’errore di fondo nasce dal voler forzatamente considerare la Costituzione come un valore di per sè, e non come uno strumento da giudicare sulla base dei presupposti da cui parte e dei risultati che ottiene. Questo è un approccio che si tende ormai ad utilizzare dappertutto, proprio per compensare la carenza di un’identità naturale (a breve, c’è da scommetterci, anche l’Ipad diventerà un valore). Gli sforzi compiuti dal comico-showman per liberare gli “uaò!”, “che spettacolo!”, “quanto erano bravi!”, hanno fatto però si che lo stesso si dimenticasse di sottolineare come molti degli articoli elogiati fossero purtroppo completamente dimenticati o disattesi.

In pratica, per una serata che doveva essere culturale, non una parola sui contenuti: a parte le cavolate dette sul lavoro (tema sul quale torneremo con articolo specifico) e sulla bandiera (tema da noi già affrontato con il documento “Il tricolore – storia di una bandiera in crisi d’identità“), abbiamo sentito citare la tutela delle minoranze linguistiche solo per sfottere Di Pietro, ma non per parlare dell’importanza dei dialetti e delle numerose tradizioni locali che l’Italia contiene. Abbiamo sentito parlare di guerra per ascoltare la farsa sul sogno dell’Unione Europea, ma nulla sulla politica neocolonialista della stessa Europa che ogni anno ammazza e riduce alla fame migliaia di donne e bambini in giro per il mondo (Benigni pare rientrare tra gli stolti che premiano l’UE con il Nobel per la Pace). Nulla sulle politiche dei governanti che si dirigono verso lo smantellamento dei diritti tanto sbandierati dalla Costituzione (che fine hanno fatto i concetti – lì riportati – di giusto salario, utilità sociale, collaborazione alla gestione delle aziende?). E via dicendo, fino ad arrivare all’iniziale sproloquio di basso livello su Berlusconi – il cui ritorno ha come unico effetto positivo il fatto di ridare ai Benigni e alle Litizzetto di che mangiare.

Ma ciò che più di ogni altra cosa mette tristezza e toglie speranze, è il successo che Benigni ha riscosso tra il pubblico, ovvero la popolazione… e qui bisogna dare un merito al comico: perchè, ancora una volta, ha sottolineato come il vero problema dell’Italia sia l’ignoranza e l’incapacità di riflettere del suo popolo, a cui bastano due battute e qualche pop corn per venir totalmente anestetizzati… e scambiare per cultura ciò che è mera retorica su commissione. Non è un caso che gli italiani siano quelli che meno leggono e si informano in Europa… non è un caso che siano quelli del Francia o Spagna purchè si magna.

 

Fonte

ABBASSO BENIGNI E VIVA L’ITALIA

roberto-benigni

di Gianni Petrosillo

Dolce Remi’, Roberto Benigni, nato appunto Roberto Remigio e pasciuto Benigni, il ragioniere che lesse Dante dopo Carmelo Bene. Da Bene a Benigni l’Italia crollò. Cosa avrebbe detto l’attore letterato salentino di noi e di lui? Che ce lo siamo meritato un cane così bavoso che ringhia come una pecora, perché siamo dannati ed applaudiamo all’ovvio, dopodiché il grande Carmelo ci avrebbe mandati tutti a farci un the, per non dir di peggio. Benigni il ruffiano non si inimicherebbe mai il vasto pubblico, non attaccherebbe mai a “sinistra e a manca”, non è una ripetizione è la realtà, poiché  gli serve il plauso del pubblico benpensante e poco pensante per darsi una ragione di vita. Per questo si prostituisce in prima serata con le sue lezioncine a modo, facendoci la morale del secolo scorso. Tanto odiò Berlusconi che lo imitò al contrario, quest’ultimo fissato per la sana e robusta costituzione e l’altro per la Costituzione spogliata di senso storico e di pudore. Si è quindi buttato sulla Costituzione, già ridotta a carne di porco, alla ricerca di facile consenso, dopo che Shel Shapiro l’ha musicata; cioè il secondo  l’ha cantata e il primo l’ha canzonata, con il medesimo risultato deprimente. Benigni si riassume in un solo gesto, è passato da prendere in braccio Berlinguer a prenderci per il culo tutti. Che la carta fondamentale abbia avuto un ruolo decisivo nella storia Repubblicana nessuno lo può contestare, com’è incontestabile il fatto che oggi non serva più a nulla, essendo stata tradita dagli stessi che l’hanno innalzata e ridotta a feticcio dei propri interessi di partito e di bottega, ormai distanti anni luce da quelli del popolo e della nazione. Anzi, come sempre avviene, chi sventola più in alto le bandiere lo fa per pulirsi il sedere. Tutto passa, dunque anche la Costituzione, diventata uno statuto libertino dei peggiori svenditori della patria, quel che non passa mai di moda sono invece i ciarlatani che suonano il motivetto istituzionale mentre lo Stato va a picco. Articolo 1 di questa miseria nazionale: L’Italia è una Repubblica fondata sui traditori osannati dai buffoni.Del resto, prendereste lezioni di storia o di diritto da uno che nel suo film capolavoro di revisionismo fa liberare Auschwitz dai carrarmati americani anziché da quelli sovietici, come in effetti è successo? Si meriterebbe un bel lancio di uova in faccia altro che ovazioni. Abbasso i miserabili e viva l’Italia.

Fonte

C’è una congiura internazionale contro l’Italia?

merkel-sarkozy-monti

di Francesco Lamendola

Il fatto che a sostenerlo sia Silvio Berlusconi, personaggio (a ragione) screditatissimo sia in patria che all’estero, può farla prendere per una delle tante buffonate cui ci ha abituati negli ultimi diciotto anni di vita politica: eppure ci sono forti probabilità che sia vero.

L’Italia è vittima di un complotto internazionale per tenerla in un perenne stato di minorità, per impedirle di aspirare a un ruolo più alto e più degno di lei sulla scena della politica mondiale. Così hanno deciso le grandi banche, le agenzie di rating e le maggiori potenze occidentali, prima di tutte quella che a torto viene sempre descritta come la nostra sorella latina: la Francia.

Ciò risale indietro nel tempo, almeno fin dal 1861, anno della nascita del Regno d’Italia come stato indipendente e  sovrano. La cosa non piacque ai nostri cugini d’Oltralpe, ma all’epoca avevano altre grane a cui pensare, la minaccia prussiana a sul Reno e, poi, la sconfitta di Sédan e la tragedia della Comune di Parigi. Ma ci misero poco a riprendersi e a fare di tutto per ostacolare il nuovo ruolo internazionale dell’Italia, fin dal colpo di mano su Tunisi, nel 1881, precedendo d’un soffio una analoga mossa italiana, tanto più fondata di quella francese, sia sul piano della necessità economica (in Tunisia era presente una grossa colonia d’immigrati italiani), sia su quello strategico (data l’estrema vicinanza di Tunisi alla Sicilia). Leggi il resto dell’articolo

Ecco come Monti ci porterà via gli Ultimi Soldi

risottomariomonti

di Maurizio Blondet

Anzitutto, un pensiero compassionevole al povero Bersani. Aveva la vittoria già in tasca, la gioiosa macchina da guerra oliata e pronta, e cosa gli fanno gli eurocrati da lui tanto ossequiati?

Gli candidano contro Mario Monti.

Il quale – a riprova della sua fondamentale idiozia – si sveste dei panni del tecnico e si fa politico. Ossia da super-partes a partitante, capo di un blocco moderato in tumultuosa formazione con tutti i mozziconi spenti del centro-destra. Ma come può, povero Bersani, fare campagna elettorale contro Monti? Lo ha tanto servito, si è piegato a tutte le macellerie sociali del programma di Monti (e Merkel); gli ha promesso il Quirinale. E adesso, se lo trova avversario. Il lato tragicomico è che Bersani non ha un programma alternativo a Monti, da opporre al neo-partito moderato. Ha lo stesso programma di Monti. Ha definito Monti e il montismo «un punto di non ritorno». Adesso gli toccherà pensare a qualcosa che sembri diverso, e che nello stesso tempo rassicuri gli eurocrati – che chiaramente non vogliono la sinistra al potere. E quanti elettori «di sinistra» gli porterà via il Monti sceso in campo? C’è da tremare. Povero Bersani: tanto ossequio ai banchieri, ai tedeschi e ai creditori, tanta fedeltà inconcussa all’euro e al servizio del debito, ed ecco come ti ripagano.

È il trionfo della democrazia. Gli statisti del Partito Popolare Europeo, più i Kommissari, hanno dato l’ordine agli italiani: «Votate questo». E di colpo, tutti i partitanti sono per Monti. Berlusconi, poveretto, a Bruxelles ricordava a chi voleva sentirlo che era stato lui a scegliere Monti come Kommissario. Il suo partito, Pdl, intanto, a causa della sua ri-ri-ridiscesa in campo, gli esplode in mille schegge: ma il bello è che queste mille schegge sono tutte per uno: Mario Monti.

I ciellini, i socialisti, i laici, i missini… persino Alemanno si è pronunciato per Monti, con la speranza di essere ricandidato nella nuova formazione dei mozziconi urlanti.

Quindi ora lo sapete, italiani. Siete liberi di scegliere fra Bersani e Montezemolo, potete votare persino Berlusconi o la nuova AN. Ma chiunque votate, alla fine votate Mario Monti e il suo governo – in eterno (1). Leggi il resto dell’articolo

Rosneft diventa la prima società petrolifera mondiale

The Kremlin is reflected in the polished

di Alfredo Jalife-Rahme

Dopo aver acquistato la maggior parte di Jukos ed essere entrata in una joint venture con Exxon-Mobil per l’estrazione di petrolio nel Mar Nero, la Rosneft ha assorbito la TNK-BP. In tal modo, la Russia, che controlla la Gazprom, la prima società gasifera del mondo, acquisisce anche la prima azienda petrolifera del mondo. L’analista Alfredo Jalife-Rahme confronta la strategia nazionale di Vladimir Putin con la logica mercantile liberale che prevale nel suo paese, il Messico, un parallelo che è un esempio.

Il petrolio resta sempre la materia prima geostrategica per eccellenza del pianeta, e sarebbe un grave errore analizzare la sua acquisizione da parte dello Stato in una prospettiva puramente mercantilista: ciò che è in gioco è la sicurezza energetica dei paesi produttori.

Se gli Stati Uniti, i principali acquirenti di petrolio messicano, ammettono che il petrolio è strategico, è inconcepibile che i paesi venditori non prendano in considerazione ciò.

Eppure è qui che è stato commesso il peccato mortale dei dirigenti formatisi all’ITAM (Istituto Tecnologico Autonomo del Messico) in Messico, dimostrando una patetica ignoranza geopolitica; la questione non è privatizzare o nazionalizzare, termini variabili che hanno un significato spesso superficiale, sia negli Stati Uniti che in Messico, ma di concentrarsi su chi controlla le materie prime di importanza geostrategica in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, le aziende private degli idrocarburi, come Exxon-Mobil, fanno parte dell’ampio sistema di sicurezza nazionale ed internazionale, in Messico non vi è alcuna garanzia a questo proposito, nel caso delle imprese private a capitale straniero o nazionale operanti in Messico e spesso soggetti al credito di Wall Street, che trucca ai dadi e mette a repentaglio la sicurezza nazionale, dal momento che nessun controllo effettivo può essere esercitato su di essi: nel quadro della deregolamentazione finanziaria generale, il loro finanziamento diventa casuale. [1]

Il Messico neoliberista “educato” dall’ITAM è l’eccezione, dal momento che le grandi potenze recuperano le loro risorse petrolifere perse con una vasta ri-nazionalizzazione e de-privatizzazione: come nel caso della riorganizzazione del portfolio della Rosneft in Russia, subito dopo quella della leggendaria BP inglese, simbolo dell’indipendenza inglese.

Il sito geopolitico StratRisks della Florida, ha detto che Rosneft ha sostituito Exxon-Mobil al primo posto della produzione mondiale, dopo l’acquisizione della TNK-BP (joint venture costituita da oligarchi russi e britannici, condensata nell’azienda AAR). TNK-BP era tra le prime 10 compagnie petrolifere private più grandi al mondo, e nel 2010 ha prodotto 1,74 milioni di barili al giorno dai suoi siti attivi in Russia e Ucraina. Putin ritiene che l’operazione, dalla portata senza precedenti, consentirà la produzione di più di 4 milioni di barili al giorno. Parlando delle tribolazioni della TNK-BP, già una volta una multinazionale privata, il suo riscatto dalla Rosneft è stata una ri-nazionalizzazione e de-privatizzazione in due fasi: in primo luogo la “Rosneft acquisisce il 50% di TNK-BP con un’alleanza strategica (joint venture) con la BP, in cambio di contanti e azioni della Rosneft per un importo di 27 milioni di dollari, assegnando il 19,75% di BP alla Rosneft”.

In una seconda fase, “gli oligarchi dell’AAR otterrebbero 28 miliardi dollari (in contanti) per la metà della co-proprietà della TNK-BP, anche se l’accordo non è stato ancora concluso.” E l’impresa statala (sic) Rosneft erogherà 55 miliardi dollari per averne la maggioranza, con una minoranza della BP, società privata (sic) la cui posizione è di molto ridotta: si tratta proprio di una de-privatizzazione, concomitante con la ri-nazionalizzazione della Rosneft.

JPEG - 31.3 Kb
Vladimir Putin ha istituito una Commissione per lo sviluppo dell’energia strategica e la sicurezza ambientale. Sviluppando la dottrina della sicurezza energetica della Federazione Russa (23 ottobre 2012).
© Cremlino

Per StratRisks, si tratta realmente di una nazionalizzazione: Putin ha saputo creare un gigante petrolifero nazionale che gli permetterà di attuare il suo piano per rafforzare l’influenza russa nel mondo attraverso il controllo dei fabbisogni energetici degli altri paesi. In questo nuovo quadro, Rosneft sarà in grado di estrarre quasi la metà del petrolio prodotto in Russia, un cifra enorme se confrontata con l’Arabia Saudita: la Russia è una superpotenza energetica e nazionalizzando gradualmente le risorse, Putin rafforza il controllo sul fabbisogno europeo.

Rimane un problema: la Russia non ha sufficiente know-how tecnologico nel settore degli idrocarburi, motivo per cui ha assicurato la permanenza della BP come azionista di minoranza, per non commettere l’errore dell’Arabia Saudita che aveva nazionalizzato il settore petrolifero nel 1980, quando produceva più di 10 milioni di barili al giorno, e che in cinque anni con l’Aramco (di proprietà statale) ha visto diminuire la sua produzione del 60%.

Putin ritiene che la sua influenza a livello internazionale aumenterà dopo l’operazione della Rosneft. La sua mossa strategica aumenterà il prezzo del petrolio e porterà a un incredibile incremento del mercato dell’energia. A mio parere, con le sue testate nucleari, Putin gioca scaltramente la sua carta petrolifera, mentre in Messico, la kakistrocrazia (“il governo del peggio”) dell’ITAM ha perso completamente la visione geostrategica del presidente Lázaro Cárdenas (che aveva espropriato e nazionalizzato tutte le risorse del sottosuolo, nel 1938).

Quest’ultimo, un buon generale, aveva già capito, 74 anni fa, il significato geostrategico degli idrocarburi. Si tratta si sapere, in ultima analisi, chi ha il controllo del petrolio messicano, in una prospettiva multidimensionale, e chi ne garantisce la disponibilità, quando lo Stato si allontanerà: ciò si chiama Sicurezza Nazionale. Cerchiamo di creare l’equivalente di una Televisa (conglomerato multimediale del Messico, il più grande in America Latina e nel mondo ispanico) con il petrolio messicano, che ci consegnerà ai suoi interessi totalitari?

In Messico, il petrolio era nelle mani degli inglesi, con i risultati catastrofici che conosciamo, oltre al danno ambientale che abbiamo ereditato [dopo la marea nera causata dalla piattaforma petrolifera BP Deepwater Horizon nel 2010, il gruppo petrolifero del Regno Unito è in avanzate trattative con gli Stati Uniti per cedere i giacimenti petroliferi nel Golfo del Messico per 7 miliardi di dollari, scrive il Wall Street Journal. Ma altri gruppi hanno espresso interesse per le attività della BP, e un altro acquirente potrebbe emergere, afferma il giornale finanziario. Fonte: Le Figaro, 20 settembre 2012].

Il sito StratRisks sottolinea che l’Europa dipende dal petrolio e dal gas russo, e che la manovra di Putin rafforza questa dipendenza, così come il potere della Russia; e ciò va dalla costruzione degli oleodotti fino a controllare il 40% della capacità di arricchimento dell’uranio complessiva. L’acquisizione delle due metà della TNK-BP da parte della Rosneft, una società statale, ne farà un Golia nel settore petrolifero globale, in modo che la Russia possa asfissiare controllando l’offerta, se decide un aumento dei prezzi.

Secondo StratRisks, con una eventuale adesione della Russia all’OPEC, il cartello petrolifero controllerebbe più della metà e la maggior parte delle riserve potenziali del mondo, e con tale influenza i paesi dell’OPEC potrebbero decidere a loro discrezione i prezzi che il resto del mondo dovrebbe semplicemente pagare. Non è così facile, ciò potrebbe portare a una guerra mondiale, ma non è neanche impossibile. In sintesi, secondo StratRisks, la Gazprom, la società gasifera russa, già controlla il gas europeo e la Rosneft il petrolio, potendo così strangolare la supremazia occidentale e aprendo la via ad un nuovo ordine mondiale guidato dalla Russia. Si tratta di geopolitica, ben lungi dall’animo da pezzente decorato dalla paccottiglia modernista che caratterizza il governo neoliberista messicano, che pretende di consegnare ad altri, e a occhi chiusi, il petrolio messicano, dimenticando che il petrolio e il potere, foneticamente simili, vanno profondamente assieme.

Fonte
La Jornada (Mexique)

Traduzione di Alessandro Lattanzio per Voltairenet

REPORT, SERVIZIO ANTITITALIANO. NON FACCIAMOCI GABBARE DALLA “GABBANELLI”.

gabanelli-report

di Gianni Petrosillo

Milena Gabanelli ha colpito ancora. A tradimento. Per questo la chiameremo “Gabbanelli”, colei che fa informazione facendosi beffe della realtà. Innanzitutto, costruire un’inchiesta intervistando esclusivamente manager dimessisi o licenziati dal Cane “sestupede”, i quali hanno le loro buone o cattive ragioni per serbare rancore contro l’azienda, è già un espediente disonesto per direzionare l’indagine verso conclusioni precostituite.

La Signora ha notiziato, con quel suo sorrisino soddisfatto, che è stato Paolo Scaroni, attuale Ceo del gruppo, a sottrarsi all’intervista registrata, pretendendo una partecipazione in diretta che è fuori dalle corde del programma. Già, e vorrei vedere, conoscendola bene nessuno ci tiene a farsi infilzare su uno spiedino mediatico affinché le si alzi lo share mentre si affloscia la credibilità del malcapitato, soltanto per rispettare una fasulla ritualità da seconda serata. Report, ovviamente, non ha sentito ragioni perché il format è sacro allo stesso livello di profanazione delle somme tirate sempre in anticipo.

Di Fatti, la giornalista è abituata a costruire i suoi teoremi e a fare in modo che il mondo esterno vi si adatti. Per far questo sguinzaglia un esercito di free lance, lancia in resta o piuttosto faccia tosta e poca testa, che al posto delle domande fa provocazioni con un tono fastidioso e irriverente. Come accaduto con Antonio Fallico, Presidente di Banca Intesa a Mosca, accreditato quale mediatore di Berlusconi in Russia, al quale, per fargli capire il clima inquisitorio, gli è stato immediatamente sbattuta in faccia la parentela con Dell’Utri. Della serie chi frequenta il demonio è almeno un servo di lucifero. Ergo, il pubblico a casa doveva dedurne che il mediatore era un tipo poco raccomandabile, essendo tutt’uno con persone raccomandabili per niente. Se la Gabbanelli gradisce, per curare questi business border line, potremmo sempre allestire una bella selezione dalle orsoline. Possiamo stare sicuri che le nostre penitenze saranno infinite senza trovare mai il perdono dei nostri concorrenti che esulteranno più di lei.

Mi dispiace che nel trappolone sia caduto anche il ghost writer di Enrico Mattei, Marcello Colitti, col quale siamo stati a cena a Roma, insieme a Gianfranco La Grassa, qualche anno fa. In quell’occasione Colitti non fu meno tenero con gli attuali vertici aziendali essendo stato un membro dell’esclusivo gruppo dirigente costruito dal “Conducator” marchigiano, sui cui mirabili risultati c’è poco da aggiungere, ed in seconda battuta in quanto, dopo le privatizzazioni degli anni ‘90, a suo parere, l’Eni ha cambiato identità, smarrendo la propria mission nazionale. Può essere, ed è la stessa sensazione confermataci dal Prof Nico Perrone, anche lui vicino all’Eni per molto tempo, anche se non è la forma giuridica della proprietà in sé a determinare la maggiore o minore “vocazione” di Stato di un’impresa, come dimostrano le grandi multinazionali americane che pur private seguono e concordano il da farsi col loro governo in ambiti cosiddetti strategici. Comunque, collocata così la sua intervista, tra le accuse all’Eni di pagare tangenti all’estero, corrompendo funzionari per aggiudicarsi gare e appalti, e quella di assumere spie russe in società, si è ottenuto l’effetto di convogliare nello stesso pentolone anche le sue opinioni di tutt’altro tenore. Perché, ci metto la mano sul fuoco, se avessero fatto una domanda diretta sulle bustarelle a Colitti, che ai tempi d’oro del gigante energetico nostrano, ne avrà viste girare anche di più pesanti, la sua risposta li avrebbe fulminati sul posto. Quello dell’energia è un settore dove non si va tanto per il sottile poiché gli interessi delle compagnie si incrociano con quelli degli Stati e degli apparati di potere, nazionali e internazionali. Con le intese in tale campo non si fa esclusivamente business ma si veicola anche la politica estera di un corpo sociale nazionale e delle sue varie anime.

La Gabbanelli non vede o non vuol vedere che i mezzi utilizzati dai competitors di Eni sono molto più drastici e, in ogni caso, non escludono la corruzione di burocrati e managers. Il fatto che non emergano scandali non è indice di moralità, semmai di massima organicità e coordinazione delle classi dirigenti coinvolte sulle questioni statali dirimenti. Se i nostri alleati decidono di sbarazzarsi di noi e soppiantarci nei contratti sono molto più sbrigativi. O ci fanno fuori il Presidente piazzandogli una bomba sul jet, oppure, s’inventano una guerra, ci costringono a sparare con loro, vedi la Libia, e dopo averci dato una pacca sulla spalla ci schiaffeggiano prendendosi tutto quello che prima era nostro.

Cosicché l’illustre giornalista non ci arriva proprio a capire che tutti quegli accordi con i russi servivano a costruire una rete di protezione per i nostri interessi, sia politici che economici, senza la quale si viene disarcionati all’istante. Ma a lei questa dipendenza da Mosca, che dipendenza non è, non va a genio, mentre la subordinazione da Washington, attraverso l’assoluto rispetto delle regole di mercato, valevole per noi e meno per gli altri, è sinonimo di purezza di spirito. Ed infatti, come lo spirito evaporeremo senza resistenze e senza commozione dei nostri fantomatici partners occidentali.

Infine, davvero sconcertante il messaggio che si è fatto passare sulle estrazioni petrolifere nel nostro territorio. Le comunità locali sono spontaneamente restie all’invasività della tecnologia nel proprio recinto, anche se l’avvento delle innovazioni porta progresso e ricchezza dietro l’uscio di casa. La gente diventa facilmente preda di sciacalli che esaltano i disagi e nascondono i vantaggi di determinate scoperte, manipolando l’emotività pubblica ed il naturale attaccamento dell’uomo all’integrità del proprio ambiente. Così in Basilicata i soliti assaltatori della notizia ad ogni costo si sono presentati tra le persone del luogo per supportare i propri pregiudizi, recandosi ad interpellare unicamente ambientalisti e detrattori della modernità che vivono sulle paure collettive e traggono vantaggio dall’estrazione di sentimenti di ansia della popolazione. Come diceva Ludovico Geymonat, il popolo spesso aggirato dagli avvoltoi del profitto (perché sicuramente le compagnie petrolifere non sono associazioni caritatevoli) viene persino gabbato, anzi Gabbanelli, dagli untori dei timori sociali, i quali hanno la pretesa di fermare il progresso invocando argomenti puramente moralistici o tentando di contrapporgli vecchie concezioni del mondo a sfondo idealistico, “la vera contraddizione principale della nostra cultura non è quella fra il progresso scientifico [e tecnico] e l’aspirazione romantica a un tipo di vita che fu proprio dell’era prescientifica (era che può apparire degna di rimpianto solo a chi non ne abbia esaminato realisticamente tutti gli aspetti, anche i più crudi e ripugnanti)…i mezzi cui bisogna fare ricorso per estirpare i mali generati, entro questa società, dal progresso scientifico-tecnico sono ben altri e ben più seri di quello spesso proposti dai romantici denigratori della razionalità scientifica e, con essa, di tutto il mondo moderno”. Per Geymonat le masse [il linguaggio è vecchiotto ma rende bene l’idea, oggi diremmo le avanguardie sociali sinceramente nazionali] devono affrontare il problema a viso aperto, non per riportare l’umanità ad una utopistica civiltà di tipo agrario-pastorale, ma per dare inizio ad una civiltà nuova. Noi oggi ci accontenteremmo di una comunità nazionale consapevole dei suoi compiti storici e della necessità di garantirsi la sua indipendenza, politica ed economica, nella fase multipolare. Ieri sera, uno di questi ecologisti del piffero, è riuscito anche a sostenere che il petrolio lucano sarebbe quasi finito e che si sta procedendo a svuotare i pozzi più velocemente per riempirli di gas proveniente dalla Russia. Se questa non è dietrologia non so cos’altro possa essere, considerato che le riserve lucane sono le più grandi d’Europa. La teoria del picco in testa, in salsa strapaesana. Per chiudere, la Gabbanelli consiglia ai lucani di dedicarsi al turismo e all’acqua, altra importante risorsa regionale, lasciando perdere le estrazioni che sono dannose e non profittevoli per la collettività. Ci vogliono (sono lucano d’adozione) una Regione di pastori e di camerieri per tornaconti indicibili che non collimano con le nostre aspirazioni. Chiudessero il becco e pensassero a non avvelenare il pozzo delle nostre speranze di sviluppo. Gabbati dalla gabbanelli è l’ultima cosa che accetteremo.

 

Fonte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: