“Il progetto nazionale palestinese è in crisi: troppa confusione e lotte di potere”

 

 

Gaza – Infopal. Jamil Muzher, membro del Comitato centrale del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp), ha avvertito che il progetto nazionale palestinese sta vivendo una vera crisi causata dallo stato di disordine e confusione che prevale sulla scena politica palestinese. Muzher ha attribuito la responsabilità per l’attuale situazione sia all’Autorità nazionale palestinese, Anp, con i suoi conflitti interni e le dichiarazioni del suo presidente, Abbas, che alle ultime mosse intraprese da Hamas a Gaza.

Intervenendo ad un seminario politico organizzato dall’università di Gaza e pubblicato dai media del Fronte popolare, Muzher ha deplorato il fatto che “il presidente dell’Anp prosegua il proprio progetto di riconciliazione con Israele, nonostante il popolo palestinese l’abbia sperimentato per vent’anni senza ottenere alcun risultato, vista la deriva razzista e estremista della politica israeliana. Ciò accade mentre Hamas, dal canto suo, cerca di mantenersi saldamente alla guida di Gaza e preservare i successi raggiunti negli ultimi anni, accettando una tregua con l’occupazione israeliana e credendo di poter trarre dei vantaggi dai cambiamenti in corso nella regione per rafforzare il suo potere”.

Il membro del Comitato centrale ha aggiunto che la situazione sociale ed economica del popolo palestinese non va affatto meglio di quella politica, vista la grave crisi finanziaria che investe i territori palestinesi, l’aumento dei prezzi, la povertà dilagante, la disoccupazione con migliaia di laureati senza lavoro e la condizione di miseria e frustrazione che affligge il popolo palestinese.

Per quanto riguarda le libertà e la democrazia, egli ha affermato che repressioni e intimidazioni prevalgono sia in Cisgiordania che nella Striscia di Gaza.

Inoltre, Muzher ha dichiarato che “il fatto che Khaled Mesha’al abbia concesso al presidente (Abbas) un mandato della durata di un anno per portare avanti i suoi negoziati con Israele, dimostra che i due non sono in disaccordo sulla politica, e quindi per quale motivo persistono le controversie tra i loro due movimenti? Ciò significa che il vero motivo della divisione interna palestinese sono le poltrone, l’autorità e l’influenza, ed è questo il vero problema di entrambe le parti”.

Egli ha sottolineato che Hamas ha una parte della responsabilità per aver impedito alla commissione elettorale palestinese di entrare a Gaza e aggiornare le liste degli elettori, allo stesso tempo, l’Anp è responsabile per aver ostacolato la formazione di un governo di unità nazionale che godeva del consenso di entrambe le parti.

Muzher ha ribadito che l’attuale crisi che affligge la Palestina è, in realtà, una lotta intestina palestinese, che vede coinvolte due parti, nessuna dalle quali ha la reale intenzione di porre fine allo stato di divisione. Egli ha sottolineato che senza la pressione su entrambe, esercitata dal popolo palestinese, le fazioni e le forze realmente interessate a raggiungere l’unità nazionale, la crisi nazionale non finirà mai.

 

Fonte

ELSA FORNERO E LA CAMPAGNA DI NOVEMBRE

 

di Gianni Petrosillo

 

Avete mai visto una iena piangere come un coccodrillo? In Italia pure questo è successo da quando al Governo, in cima alla catena di comando, sono arrivati i pescicani della tecnica.  A causa loro gli italiani rischiano l’estinzione politica ed economica. Forse, però, il Ministro peggiore di tutto il gabinetto è quel Fornero che si presentò agli italiani imponendo il divieto degli articoli determinativi davanti al nome per mettere in risalto i suoi aggettivi squalificativi contro tutti. Da Mammoni a choosy ne ha dette di tutti i toni e colori ai connazionali, giungendo perfino a negare l’esistenza di una parte di essi, i c.d. esodati, nella ormai famigerata controriforma delle pensioni.

I suoi colleghi non hanno fatto meglio ma la marita del professore ed editorialista della Stampa Mario Deaglio li ha staccati di molte sconcezze. L’ultima sua uscita è stata davvero una chicca, anzi un chicco, dato che la professoressa, dai modi fin troppo urbani e salottieri, ha invitato i giovani ad andare a lavorare i fondi, cioè i terreni, mentre quelli d’investimento sono esclusiva materia famigliare. E questa volta non si è trattato di un insulto ma di una vera e propria esortazione che sa tanto di presa per i fondelli. Dai fondi ai fondelli il passo è breve. In uno scatto di romanticismo bucolico il Ministro si è lasciato andare ad un paio di zappate sul buon senso sostenendo che il lavoro nella terra non soltanto fa al caso dei giovani disoccupati, come ha detto anche il nostro glabro e regale Presidente Napolitano, ma mantiene pure giovanili e freschi. Si nota da queste zollate all’intelligenza che la signora conosce la campagna unicamente come luogo di villeggiatura o, al massimo, perchè avrà apprezzato i paesaggi contadini sulle tele di Bruegel, che non è il think tank massonico di cui è stato presidente Monti ma un famoso pittore fiammingo di scene di vita agreste, altrimenti prima di parlare in questi termini avrebbe fatto in tempo ad infilarsi una zucca in gola. Ed, invece, una zucca vuota le sta proprio al posto della testa.

Il Ministro, intervenuto ad un convegno  di Confagricoltura, è partito come un trattore e nonostante l’imbarazzo degli astanti, non si è fermata di fronte a nulla dando fiato alla bocca e mandando anidride carbonica al cervello. “Le uniche due ore di respiro per me sono quando vado nel prato con mia figlia” che palesemente è un’attività agricola profittevole per se stessi e per il settore, oggi in gravissima crisi come il resto dell’economia nazionale. Poi ancora: ”C’è l’orto e coltiviamo qualcosa che però non cresce mai”. Appunto, ecco la differenza tra chi va alla tenuta a spassarsela e chi dai suoi appezzamenti ci deve mangiare e guadagnare, se ci riesce. Ad ogni modo, se la Fornero ama gli ortaggi freschi e il pollo ruspante perché invece della ministra non si limita a fare la minestra? Povero popollo italiano!  Tuttavia, si viene a sapere che l’arzilla esponente dell’Esecutivo rinuncia ai convegni per troppa stanchezza, come accaduto ultimamente quando ha dovuto declinare l’invito dell’UDC, al quale aveva assicurato la propria partecipazione. Vuoi mettere uno spensierato e rinvigorente lavoro di raccolto nei campi con le fatiche erculee di una conferenza dove ti si impasta la lingua e ti cala la palpebra? Roba da far cadere le braccia.

Insomma, dopo averci imposto la decrescita economica i docenti indecenti ci riportano indietro al feudalesimo per assicurarci un futuro da servi della gleba. Sarà per questa ragione che hanno deciso di rinunciare ai fiori all’occhiello dell’impresa strategica nazionale liquidandoli a compratori esteri?  Più che campagnoli sostanzialmente ci vogliono coglioni. Questa è la triste verità.

 

Fonte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: