Riyad finanzia le operazioni del Mossad per eliminare gli scienziati iraniani

 

 

Il giornalista investigativo americano Barry Lando ha rivelato che l’Arabia Saudita finanzia le operazioni del Mossad contro l’Iran, ed in particolare l’assassinio di scienziati nucleari iraniani, secondo quanto riportato sabato dalla radio israeliana e ripreso dal sito dell’emittente televisiva libanese “Al-Manar”.

Citando fonti vicine alle autorità del regime di occupazione israeliano, Lando ha affermato che “le autorità saudite ed il Mossad lavorano in stretta collaborazione sul dossier nucleare”, precisando che “Riyad ha sborsato un miliardo di dollari per finanziare gli attentati contro gli scienziati iraniani”.

Diversi scienziati iraniani sono stati assassinati negli ultimi anni attraverso attentati terroristici che Tehran attribuisce a Israele ed ai paesi occidentali, accusandoli di cercare di rallentare l’avanzata del programma nucleare iraniano.

Il 12 gennaio 2010, un fisico nucleare conosciuto a livello mondiale, Massoud Ali Mohammadi, professore presso l’università di Tehran, è stato ucciso nell’esplosione di una moto parcheggiata di fronte la sua abitazione, nella capitale iraniana. Un uomo accusato dell’attentato per conto di Israele è stato condannato a morte dalla giustizia iraniana nell’agosto 2011.

Il 29 novembre 2010, Majid Shahriari, fondatore della Società Nucleare dell’Iran e responsabile di uno dei grandi progetti dell’Organizzazione iraniana dell’energia atomica, viene ucciso a Tehran dall’esplosione di una bomba collocata nella sua vettura.

Lo stesso giorno un altro fisico nucleare, Fereydoun Abbassi Davani, è vittima di un attentato terroristico simile di fronte all’università Shahid Beheshti di Tehran, dove i due uomini insegnavano. Quest’ultimo, rimasto ferito, è diventato poi il capo del programma nucleare iraniano.

Il 23 luglio 2011 lo scienziato Darioush Rezainejad, che lavorava per dei progetti del Ministero della Difesa, viene ucciso da colpi esplosi da sconosciuti in motocicletta nella capitale iraniana.

Il 1 agosto 2011 una fonte dei servizi di spionaggio di Israele, citata nell’edizione online del settimanale tedesco “Spiegel”, indica l’omicidio come orchestrato da Israele.

L’11 gennaio 2012, lo scienziato Mostafa Ahmadi Roshan, che lavorava presso il sito nucleare di Natanz (vicino Esfahan), viene ucciso nell’esplosione di una bomba magnetica collocata sulla sua vettura, nei pressi dell’università Allameh Tabatabai, a Tehran.

 

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: