Il potere totale sulla vita

Secondo Levinas, Arendt e Foucault, ciò che distingue un sistema totalitario da un sistema autoritario non è soltanto l’intensità dell’oppressione, della sofferenza derivante dalla mancanza di libertà, dalla coercizione. Ciò a cui il totalitarismo mira- scriveva Arendt nelle Origini del totalitarismo- “è costruire una nuova umanità, dalla quale estirpare ogni tratto di spontaneità che non sia riconducibile a una legge storica”.  Se scopo del dominio totalitario è modificare e riplasmare l’umano, gli assunti ideologici, le pratiche di verità, si dimostrano altamente necessari. Sono i suoi punti di forza, non tanto perchè giustificano e legittimano la distruzione del sistema giuridico e legale. L’ideologia non è solo instrumentum regni per ottenere consenso e obbedienza. Se così fosse, il potere si muoverebbe ancora secondo una logica consueta, di mezzi idonei in vista del perseguimento di un determinato fine. Piuttosto, essa è l’ idea- forza, che permette di smontare e rimontare le definizioni che perimetrano la natura di ciò che è umano. In altri termini, è come se il potere totalitario oltrepassata una soglia puramente strategica, mirasse all’edificazione di una nuova ontologia umana. Nei regimi totalitari ci troviamo di fronte non semplicemente ad un abuso di potere che ha calpestato i diritti dei singoli. Non abbiamo soltanto a che fare con un sovrano che oltrepassa i limiti della legge e delle sue prerogative statali. I regimi totalitari, infatti si propongono e si percepiscono come la forma più autentica dell’osservanza della legge. La legge a cui il totalitarismo ritiene di ottemperare ha perso la sua funzione di limite e di divieto, così come non esercita più una mera funzione di interdetto. La legge si è elevata a eterna norma di movimento: il movimento della natura e il movimento della storia, in cui la storia acquista un significato naturale e la natura un significato storico.

Un totalitarismo davvero realizzato si ottiene nel momento in cui il sistema riesce a ridurre l’eterna cittadinanza a massa oggettivabile, a trattare la popolazione come un dato naturale, un materiale normabile e regolabile. Ecco perchè il cuore del funzionamento del totalitario si colloca nel campo di sterminio. Per l’Arendt il vero e proprio “laboratorio” in cui si sperimenta gli assunti ideologici del regime. Il Lager è la cifra del potere totalitario, la sua verità ultima, poichè è il luogo in cui si mette in opera la modificazione della realtà umana: il vero imperativo “ontologico” di questo tipo di potere. Leggi il resto dell’articolo

Italia sotto tutela bancaria: Monti, Draghi e la Fornero sempre più arroganti, mentre va a fondo lo Stato sociale

di Federico Dal Cortivo

 

 

Una recentissima indagine commissionata da Unioncamere e Ministero del Lavoro sul terzo trimestre 2012 ci dice che nel periodo luglio-settembre i contratti a tempo indeterminato in Italia saranno solo il 19,8% su quasi 159 mila. L’Istat invece ai primi di giugno di quest’anno forniva i dati inquietanti sulla disoccupazione, che nel primo trimestre si sarebbe attestata al 10,9% con un aumento su base annua del 2,3 %, con una disoccupazione  giovanile che è oramai oltre il 35 %, mentre i posti di lavoro persi tra marzo e aprile sono ben trentotto mila.

Ebbene di fronte a dati di questo genere qualsiasi governo con un minimo di decenza si sarebbe dimesso e il Parlamento, luogo oramai deputato in Italia solo a fornire agi e privilegi a degli incompetenti nulla facenti, sarebbe sciolto da un Capo dello Stato serio e credibile.

E invece c’è stato imposto il “ Fiscal Compact” (già il termine inglese suona meglio nel continuo scimmiottare Londra da parte dei peones della politica nostrana), ad eccezione della Gran Bretagna e Repubblica Ceca che non l’hanno accettato, che ci impone rigorosamente, per chi ha un debito pubblico superiore al 60% del Pil, di restare sotto tale soglia (a oggi il rapporto tra debito pubblico e Pil ammonta al 123,3%), con l’obbligo per chi sfora tale percentuale di rientrarvi nell’arco di 20 anni  per un ventesimo della quota che sfora il 60 % da versare ogni anno. Questo significa  che gli italiani dovranno per i prossimi 20 anni subire tagli alla spesa pubblica per ben 45 miliardi di euro l’anno! Una cifra colossale, che colpirà soprattutto i ceti medio bassi, anche paragonata all’altra stangata infertaci dal governo delle banche, lo “Spending Review” (anche qui l’inglese è d’obbligo perché fa tanto british e bocconiano) che ammonta a 29 miliardi in tre anni. Un vero salasso in barba alle ridicolaggini sulla crescita e altre amenità che escono ogni giorno dalla bocca del senile professore che siede a Palazzo Chigi. Leggi il resto dell’articolo

Skype: possibile oggetto di intercettazione.

I servizi speciali potranno ottenere l’accesso alle conversazioni degli utenti di Skype, secondo una nuova politica implementata dalla compagnia Microsoft, proprietaria del popolare progamma.

Secondo il sito web Slate, la Microsoft ha modificato la privacy di Skype rendendo possibile una collaborazione più stretta con gli organi dell’ordine pubblico, sia dal punto di vista tecnico che giuridico.

In base al punto tre della privacy di Skype, il titolare del servizio,come i suoi associati “possono fornire dati personali, il contenuto delle conversazioni e /o traffico di dati degli utenti dietro richiesta legale da parte del potere giuridico o degli organi dell’ordine pubblico”. Allo stesso modo, i messaggi istantanei inviati dagli utenti, si conserveranno nel sistema per 30 giorni, se gli organi competenti non sollecitano un tempo diverso per la loro archiviazione.

Nel corso deglia anni Skype è stato uno dei pochi servizi che rendeva quasi impossibile l’intercettazione delle conversazioni grazie a diversi meccanismi cifrati dei dati.

Ma pochi mesi fa è filtrata la notizia sulle modifiche dell’architettura di Skype che stava realizzando insieme alla Microsoft. Questi cambiamenti potrebbero permettere ai servizi speciali di ascoltare conversazioni, leggere i messaggi e accedere ai dati personali.

D’altra parte, i rappresentanti di Microsoft hanno dichiarato che le modifiche servono per migliorare il prodotto e che non c’è alcun fondamento per supporre che la compagnia stia elaborando backdoors per facilitare i servizi speciali all’ascolto.

A maggio dell’anno scorso la Micorsoft ha brevettato la tecnologia di “un intervento legale” che permette agli organi dell’ordine pubblico di interferire nelle conversazioni degli utenti e intercettarne il contenuto senza che questi se ne rendano conto. Gli alti esecutivi della compagnia statunitense non hanno risposto alla domanda se tale tecnologia fosse applicata a Skype.

Fonte

Traduzione: FreeYourMind!

LE OLIMPIADI MILITARIZZATE DI LONDRA EVOCANO 1984 DI ORWELL

Le Olimpiadi di Londra assumono rapidamente l’aspetto di una vasta operazione militare terrestre e aerea e non quella di un evento sportivo internazionale.Invece di un sentimento di fratellanza internazionalista che dovrebbero incarnare i Giochi olimpici, a Londra regna un’atmosfera minacciosa di paesi in guerra con missili terra-aria dispiegati sui tetti di edifici residenziali, navi da guerra della Marina in stato di allerta,così come aerei da combattimento ed elicotteri della Royal Air Force pattugliano i cieli sopra la capitale britannica.
Di Finian Cunningham

Mondialisation

I Giochi iniziano entro una settimana (domani 27-7, n.FYM). Tra gli sviluppi recenti figura un annuncio del ministero della Difesa britannico che ha voluto 3500 soldati in più dispiegati per garantire la sicurezza dei 30 siti che ospitano eventi sportivi. Questi si sommano ai 13.500 militari già assegnati per proteggere il pubblico e le squadre sportive dal rischio di un attacco terroristico.

Il Generale britannico Sir Nick Parker, che supervisiona le misure di sicurezza, ha detto che uno dei piani d’urgenza consiste nel far fronte ad un “evento di tipo 11 settembre.
Il dispiegamento di truppe a Londra e dintorni comprende 7000 persone in più rispetto le attuali operazioni britanniche in Afghanistan.

Questo numero si somma ai 10.000 agenti di polizia supplementari e ad una divisione di 10.000 guardie di sicurezza private. G45, la società di sicurezza privata che ha vinto il contratto con le Olimpiadi, ha dimostrato di non essere in grado di soddisfare i requisiti in termini di personale per garantire la sicurezza dei Giochi.Questa rivelazione è all’origine del reclutamento più recente di soldati supplementari. Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: