HIV. Al capolinea un’allucinazione di massa pilotata

Isolare retrovirus e trovare loro un leitmotiv patologico era di moda negli anni 70/80. Si pensava che nessun tessuto esprimesse trascrizione inversa, cioè dal RNA al DNA, e quando veniva rilevata dal test questa attività dovesse essere attribuita non all’organismo ma ad un suo ospite, insomma una sorta di contaminazione virale (“virus con trascrizione inversa”  –> “retrovirus”).
Ma questo si dimostrò un errore, poiché fu verificato già verso la metà degli anni ’80 che la trascrizione inversa è un’attività di tutta la materia vivente (Franchi 1997). La conferma definitiva arrivò nel 2001 con i risultati del Progetto per la mappatura del Genoma Umano. Se sono i tessuti stessi a prodursi naturalmente la loro attività di trascrizione inversa, il concetto stesso di “retrovirus” viene a decadere.
Tutti i 200 test per identificare retrovirus si riferiscono in realtà a capacità di trascrizione inversa di tessuti umani. Qualcuno ne avrà di un tipo, qualcun altro ne avrà di un altro tipo.

A parte l’HIV, non fu mai possibile correlare patologie ad altri retrovirus. E con l’HIV? Dobbiamo fare un passo indietro che mostrare che nemmeno con l’HIV si ritrova un leitmotiv patologico. Era il farmaco AZT che uccideva. Vi ricordate Magic Johnson e Freddy Mercury diagnosticati HIV positivi nel 1987 e 1988 rispettivamente? Magic Johnson si rifiutò di prendere una cosa così tossica come l’AZT ed infatti è ancora con noi. Le persone con HIV che accettavano le cure, l’AZT, finivano per sviluppare la sindrome da AZT, ovvero l’AIDS. Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: