Tra i due litiganti il terzo soffre

Manifestazione dei Forconi

 

 

Al di là delle “discussioni da bar” e delle facili opinioni su internet, ho trovato estremamente curioso, passatemi il termine, valutare le questioni del movimento dei forconi/forza d’urto semplicemente da ciò che scrive Repubblica, il popolo viola ecc. ecc. Si tratta di un “movimento” che nasce proprio davanti ai nostri occhi, all’interno della nostra realtà quotidiana, ma nonostante ciò internet, croce e delizia del nostro millennio, ci tiene con il culo alla poltrona “nerdizzandoci” tutti.

Durante i giorni della mobilitazione ho visto gente emulare questo o quest’altro VIP televisivo. Chi ha interpretato il disfattista senza se e senza ma e chi si è scoperto improvvisamente regionalista indipendentista (la classica moda dell’antipolitica in salsa siciliana contornata da un occulto senso di mafia).

Questo movimento è mosso da rabbia condivisibile e da una situazione che, dopo l’ennesimo ritocco neoclassico e neomercantile del governo “tecnico”, rischia realmente di proletarizzare una buona fetta di lavoratori. E’ in atto un forte scollamento tra il vecchio sistema di potere Berlusconiano, che in Sicilia è radicato tantissimo, e quello attuale. Se vi è una continuità politica tra il vecchio governo Berlusconi  e il nuovo governo Monti a cui i partiti sono stati “costretti” a dare fiducia, per le basi dei partiti non si può dire la stessa cosa. In questo momento sarebbe ingenuo pensare che l’organizzazione e la capillarità dell’evento sia nata esclusivamente dall’emotività e dallo spontaneismo dei lavoratori. Troppa organizzazione dietro. Li abbiamo incontrati mesi fa a Partinico in occasione di una manifestazione di solidarietà a Pino Maniaci, che rischiava e rischia di restare isolato e quindi bersaglio della mafia. Era l’estate del 2011, eravamo ancora sotto il governo Berlusconi e le contestazioni del movimento non andarono oltre dei timidi urli. Con l’avvento del governo criminale di Monti improvvisamente la protesta esplode e la Sicilia viene spaccata in due. Nella zona ovest la protesta è blanda, qualche blocco a Palermo, Salemi, Piana degli Albanesi e in qualche altra località, i lavoratori sono più o meno tranquilli. L’est Sicilia diviene  ostaggio della parte più dura e a tratti anche violenta di questo movimento. Abbiamo avuto tanti contatti con dei  compagni che in questi giorni li hanno incontrati per capire e  provare a instaurare un contatto, una forma di dialogo per condividere alcune parole d’ordine. I risultati  non sono stati buoni.

Il primo dato che salta fuori è quello del problema mafia. Essa sicuramente non è contraria all’attuale movimento. Quest’ultimo è stato addirittura paragonato al movimento dei Fasci siciliani di fine ’800 che ha visto tra le sue fila tanti morti ammazzati per mano mafiosa ma nonostante sia stato il primo movimento di classe contro la mafia anche in esso ci sono stati episodi di  infiltrazione mafiosa. Menzioniamo il fascio di Bisacquino e Chiusa Sclafani dove figuravano  dirigenti come  Nicolò Chiara, Nunzio Giaimo e Vito Cascio Ferro, destinato a diventare uno dei capi mafia più noti. Addirittura ci sono degli studiosi che asseriscono che socialismo e mafia insistono sui medesimi gruppi sociali che, pur proponendo ad essi due modelli diversi di  mobilità, creano una compresenza, in una stessa zona, di un elevato tasso di mobilitazione politica e di mobilitazione mafiosa che non è più risolvibile nella logica oppositiva dell’azione e della reazione. Altri hanno impropriamente  paragonato la mafiosità di alcuni manifestanti alla determinazione e all’emancipazione operaia degli anni 70.

Mi piacerebbe approfondire il passaggio rispetto alla mafia e cioè come le classi dirigenti si servano delle masse per i loro scopi, di come la borghesia mafiosa si serva anche delle contestazioni per conservare e riprodurre il proprio dominio e tenere in uno stato di subalternità i lavoratori. La mafia era ed è un fenomeno interclassista: ci sono capi e gregari, dirigenti ed esecutori. Essa non è espressione del sottosviluppo, come erroneamente viene tacciata dai media che fanno riferimento a personaggi feroci ed analfabeti come Riina. E’ esattamente il contrario. Per giudicare il segno di classe si deve badare agli interessi che essa esprime e consolida, la mafia come “borghesia” significa che all’interno di una generica mafia a composizione interclassista, gli interessi prevalenti che giustificano l’esistenza stessa della mafia, sono gli interessi dello strato borghese, del gabellotto nel latifondo siciliano prima e dell’imprenditore mafioso adesso. Essa è la strategia vincente delle classi dirigenti e per affermarsi si servono soprattutto di strati subalterni per l’enorme manovalanza. La mafia come tutti sappiamo è dentro lo stato. Dietro lo stato ci sono le classi e le classi non sono il prodotto meccanico dei rapporti di produzione, sono qualcosa di molto più complesso e in questo quadro va cercato di risolvere l’intreccio parassitismo – produttività, accumulazione legale – accumulazione illegale. Da questo intreccio deriva l’organico inserimento della borghesia mafiosa nel blocco dominante italiano. La funzione di polizia antiproletaria, antisindacale, antioperaia esercitata dalla mafia nel latifondo e nell’impresa è da vedere come garanzia dell’accumulazione capitalistica nel suo complesso. Tale modello fondato sulla violenza e sull’intimidazione, garantisce l’accumulazione e il controllo sulle grandi masse.

Detto questo potremmo cominciare a pensare con malizia e fare delle ipotesi assolutamente legittime. Come mai il cosiddetto movimento, se è davvero svincolato da qualsiasi tipo di malandrinaggio mafioso ed ha creato circa 500 milioni di euro di danni all’economia locale, fino ad ora non ha subito attacchi e/o intimidazioni di stampo mafioso? La cosiddetta rivoluzione dei forconi, che qualcuno ha definito un movimento antiglobalizzazione, contro la crisi globale e bla bla bla, potrebbe rischiare  di estinguersi rapidamente  con un’accordo di categoria? Ed i  famosi fondi europei a cui molti padroncini  aspirano, pur non rivendicandoli sulla carta e necessari ed indispensabili all’organizzazione di cosa nostra per poter svolgere il proprio ruolo parassitario e di distributore di ricchezza per decidere chi far mangia e chi no, sono l’obiettivo primario?  Il movimento è fortissimo nell’est Sicilia, e visto che in questi giorni Lombardo si è speso molto portando le istanze direttamente all’uomo della Goldman Sachs per risolvere o trovare una soluzione, si potrebbe rischiare che il tanto vituperato governatore trovi il contentino al popolo corroborando le reti clientelari e opache che governano la nostra regione? Non abbiamo nessuno risposta. Risparmio ogni critica alla destra perché sarebbe troppo scontato e facile. Andiamo alla sinistra! L’assenza delle strutture e la mancanza di territorialità ha messo a nudo in questi giorni l’inesistenza di essa. I partiti di “sinistra” sono stati investiti da questa ondata di protesta emanando comunicati e posizioni a dir poco agghiaccianti, avallando le posizioni inaccettabili di Confindustria e dei movimenti colorati, testa di ponte del pericolosissimo e potente turbo-capitalismo travestito da duro ribellismo integrato al sistema. Sono impreparati. Potremmo assistere in futuro a scontri tra i poteri reazionari storici e quelli relativamente nuovi portati in auge dalle politiche neoliberiste, neomercantili e neoclassiche dell’Europa. I trattati internazionali più significativi, ovvero quello di Marrakech, Maastricht e Lisbona hanno di fatto esautorato i governi e gli stati, togliendo potere alle istituzioni locali che hanno vissuto, dall’unità d’Italia, in simbiosi con le mafie. L’espediente dei poteri locali  potrebbe essere quello di far leva sul  sicilianismo per riappropriarsi di ciò che il potere centrale, ora a Bruxelles, vuole togliere. Effettivamente le politiche europee stanno distruggendo il settore agricolo siciliano (e non solo) ma facciamo  attenzione perché tutto ciò è un remake. La strada del Sicilianismo è stata usata più volte: tutti uniti contro lo Stato Italiano è una strada percorsa e si è rivelata e si rivelerà una forma di strumentalizzazione delle classi subalterne e di conferma e aggravamento della loro subalternità.

Insomma se i poteri combattono tra loro, tra i due litiganti il popolo soffre, schiacciato dal giogo della mafia e dell’imperialismo finanziario che estorce ai lavoratori lacrime e sangue. Non sappiamo come squilibrare l’equazione, come  creare conflitti, come fare esplodere le contraddizioni. Oggi tutti i giornali e le trasmissioni tanto amate dalla sinistra ci  dicono maniacalmente che la minaccia che incombe sulle famiglie e sulla democrazia è l’opulenza della casta, l’evasione fiscale, e altre stronzate e ci continua a dire che il futuro prospero sarà soltanto con un’Europa Unita, per contrastare l’egemonia americana e cinese. E così, l’attivismo dei cittadini corre a guardare di là, corre ad ascoltare i miti dell’antisistema, ignorando l’attacco più devastante alla democrazia, già  scardinata e rimossa. Anche lì assistiamo ai feroci attacchi tra  giornali, anche in quel caso assistiamo allo scontro tra poteri in cui tra i due litiganti il terzo soffre.

Fonte

One Response to Tra i due litiganti il terzo soffre

  1. Claudio Maffei scrive:

    Su internet circola la notizia che MONTI avrebbe VERSATO 2,26 MILIARDI NELLE CASSE DELLA MORGAN STANLEY’S , NEL SILENZIO PIU’ ASSOLUTO DEI MEDIA ITALIANI. La fonte è il Financial Times, che riprende un articolo di Christopher Whittall.
    La banca statunitense ha ridotto la propria esposizione netta in Italia di un enorme 69% alla fine del 2011, da 4,9 miliardi di dollari a 1,5 miliardi.
    Morgan Stanley, ha spiegato agli investitori il 19 gennaio, che la banca ha cominciato a ristrutturare alcune posizioni in strumenti derivati ​​con l’Italia nel mese di dicembre. Queste operazioni si stabilirono nel mese di gennaio, portando ad una riduzione significativa dell’esposizione netta della banca per l’Europa periferica, da $ 6,4 miliardi a $ 2,3 miliardi.
    Secondo Whittall (detective finanziario) l’eredità di portafoglio dell’Italia in derivati ​​supera di gran lunga tutte le altre nazioni in termini di dimensioni, e di conseguenza, è diventato uno spauracchio per le banche. Il Tesoro italiano ha fatto uso di una gamma diversificata di strumenti derivati, una serie di swap di interessi a lunga scadenza dei tassi di 20 – 30 – e anche 40 anni.
    Allora ci chiediamo perchè tanta fretta nel saldare il debito e tutto nel più inquietante silenzio?
    Perchè nella ripresa non credono ne Monti, ne la banca Morgan Stanley’s, perciò si sono affrettati a chiudere le posizioni.
    In realtà le manovre del governo vanno nel segno di mandare il paese in rovina e le banche amiche di Monti ne sono al corrente.
    Anche alla scuola materna i bambini sanno che se spremi per i sacrifici, deprimi la voglia di fare investimenti e di consumare. Senza consumi le aziende non producono e chiudono e la gente rimane senza lavoro.
    Il lavoro è la risorsa per la ripresa. Le liberalizzazioni favoriranno la grande distribuzione, mentre i piccoli chiuderanno i negozi e seppur liberalizzate licenze ed orari nessuno avrà voglia di competere con armi impari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: