Potenti e pierini

 

 

Gli uomini di potere, comunemente intesi, sono coloro che hanno la possibilità di decidere delle sorti della popolazione, le persone le cui decisioni  immancabilmente condizionano il vivere quotidiano degli altri.
Il concetto di potere, però,  può essere interpretato da diverse angolazioni.
Nella piramide del potere, infatti, vi è una distinzione, più volte ribadita, della quale occorre sempre tenere conto: non bisogna mai confondere coloro che le decisioni le prendono con coloro che invece quelle decisioni le devono solo attuare.
L’universo politico nella sua interezza è composto dal secondo gruppo, quello degli esecutori, poiché chi il potere lo detiene realmente non si espone, e manda avanti dei prestavolto utili ad attirarsi le ire dei sudditti in cambio della visibilità, della sensazione di essere importanti che alimenta il loro piccolo ego.

Quelli che noi crediamo “potenti” non sono altro che dei poveri diavoli, individui che hanno ceduto la loro dignità e la loro anima in cambio di misere gratificazioni, proni omuncoli che elemosinano cariche e lustrini,  alimenti per il loro ego corrotto ed irrimediabilmente compromesso.
Un chiaro esempio della piccolezza di questi personaggi di rappresentanza si può osservare nel seguente filmato, in cui quello che in teoria dovrebbe essere l’uomo che detiene il maggior potere decisionale nel nostro paese si mette a farfugliare cose senza senso dinnanzi ad una domanda “scomoda” di una giornalista, come un pierino qualsiasi colto dalla maestra con i compiti non fatti.
E l’argomento in questione, tra parentesi, dimostra ancora una volta il paradosso dell’attuale momento economico che stiamo vivendo, e la assoluta immoralità di cui il nostro governo, come qualsiasi governo, si fa rappresentante.
Si parla dei 15 miliardi di euro spesi per dei caccia F35, e al nostro presidente del consiglio viene chesto se questi soldi siano spesi bene.
In un momento in cui milioni di persone restano senza lavoro, in cui gli organi dello stato rastrellanno i beni delle famiglie inventando nuove tasse e balzelli,  pizzi da estorcere per “evitare il peggio”, al nostro rappresentante del governo viene chiesto se questa spesa fosse necessaria.
E, davvero, quale altra risposta ci potrebbe stare, se non “certo che sono soldi spesi bene, noi siamo dei criminali, ed i criminali è questo che fanno: rubano alle persone e poi le prendo pure per il c…

 

 

 

 

Santaruina

Tra i due litiganti il terzo soffre

Manifestazione dei Forconi

 

 

Al di là delle “discussioni da bar” e delle facili opinioni su internet, ho trovato estremamente curioso, passatemi il termine, valutare le questioni del movimento dei forconi/forza d’urto semplicemente da ciò che scrive Repubblica, il popolo viola ecc. ecc. Si tratta di un “movimento” che nasce proprio davanti ai nostri occhi, all’interno della nostra realtà quotidiana, ma nonostante ciò internet, croce e delizia del nostro millennio, ci tiene con il culo alla poltrona “nerdizzandoci” tutti.

Durante i giorni della mobilitazione ho visto gente emulare questo o quest’altro VIP televisivo. Chi ha interpretato il disfattista senza se e senza ma e chi si è scoperto improvvisamente regionalista indipendentista (la classica moda dell’antipolitica in salsa siciliana contornata da un occulto senso di mafia). Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: