Capire la propaganda: Babbo Natale e Coca Cola

“Il vero lavoro non è tanto nel costruire un oggetto o un pensiero, quanto nel costruire chi dovrà comperarli”

Dite la verità: anche a voi viene spontaneo mandare Marzullo a quel paese, quando esordisce chiedendo all’ ospite di turno: “La vita è un sogno ?” …

Eppure, vedendola nel contesto del discorso che stiamo facendo sull’ Immaginario Collettivo, questa domanda non appare poi così strampalata …  In effetti quella che chiamiamo “Realtà” altro non è che la traduzione in pratica dell’ “Immaginario” di un popolo, ossia di tutto l’ insieme di cultura, religione, credenze, miti, tradizioni, desideri e aspirazioni singole e collettive, che possiamo attribuire ad una determinata civiltà. Ancora, possiamo dire che l’ Immaginario Collettivo è il punto d’ incontro e di fusione dei vari immaginari di ogni singola persona di quella popolazione, immaginari che possono essere anche molto diversi tra loro, ma che si raccordano e si trovano su quello che “viene preso per buono da tutti”, sul “Denominatore Comune” che, per forza di cose, tenderà automaticamente a spianare verso il basso la cosiddetta “Opinione Pubblica”: così all’ interno di un’ opinione di massa ( e qui sta appunto il suo formidabile potere di “usabilità”, nel bene e nel male ) il pensiero di un ciabattino sarà assolutamente uguale a quello di un astrofisico.


Immaginario che è fatto per la gran parte proprio di sogno, di aspirazioni, di idee immateriche non necessariamente ritenute “vere” nella realtà, eppure comunemente accettate e “realmente agenti”: nessuno crede per esempio alla reale esistenza di Babbo Natale, eppure a tutti piace crederci, e per alcuni giorni dell’ anno tale idea governa in buona parte il nostro comportamento, i nostri pensieri, le nostre idee, le nostre azioni …

Dunque Marzullo ha più ragione di quel che sembri, in quanto la vita, se non proprio un sogno, è il tentativo che ognuno di noi compie di tradurre in pratica il proprio personalissimo “Immaginario” !

E come ogni persona cercherà di realizzare il suo immaginario personale, una civiltà metterà in pratica il proprio Immaginario Collettivo, che può differire da cultura a cultura: gli Indiani d’ America, per esempio, vivevano secondo un Immaginario Collettivo fortemente legato alla tradizione tribale e ad un’ alta “personificazione e interazione” dell’ individuo e stima del gruppo nelle sue capacità; gli Inglesi ivi immigrati vivevano secondo un Immaginario Collettivo che privilegiava un’ idea di forza e di conquista, dove la persona acquisiva valore non tanto per le proprie intrinseche qualità ma per quanto riusciva ad imporre la sua volontà … e dove il gruppo favoriva quindi la “depersonificazione” a favore dell’ idea astratta dominante di “sogno americano” …

Ma torniamo al nostro Babbo Natale: perchè è bello crederci, anche se la nostra mente logica sa perfettamente che si tratta solo di una figura immaginaria ???
Perchè è un “Archetipo”, ( oui, comment la fesse, parbleu ) ossia un’ icona che riassume, convoglia e veicola non solo dei concetti astratti ed universali, ma anche ( e proprio questa è la cosa più importante ) tutta la forza emozionalmente positiva che si lega ad essi … ( e NESSUNA azione spontanea è possibile senza una sottostante spinta emotiva ! )

Quali sono infatti le immagini che per libera associazione vi vengono in mente se pronuncio la parola “Babbo Natale” ?
Probabilmente il Nonno, burbero ma buono; lo zio, o una figura comunque paterna molto positiva; l’ autorità buona, un dio in minore ( ma proprio per questo più “vicino e umano” ); l’ idea stessa di Bonarietà e Tolleranza … insomma il “padre ideale”, appunto: buono, industrioso e geniale, tollerante, generoso, affettuoso … e poi la festa, lo stare insieme, il concetto di regalo e di dono da condividere reciprocamente, la positività del donare, lo stare in famiglia, il calore familiare, il calore della casa e di un camino …  tutto questo vi verrà in mente, in forma condensata, in una sorta di “pacchetto emozionale positivo” che andrà ad influenzare il vostro sentire, pensare ed agire. Immagini ed emozioni che si condensano in una semplice icona, quale appunto è quella di Babbo Natale.

A questi “Archetipi Assoluti” si associano poi gli “Archetipi Culturali” specifici di ogni cultura: così se originariamente Babbo Natale ( o per meglio dire San Nicola ) era il vescovo che sottomise il demonio a rappresentare il rito della vittoria del Bene sul Male, nella nostra attuale cultura è il dispensatore di beni, di regali, di oggetti.  Trasformazione commerciale comunque già molto emblematica della “sostituzione” avvenuta a livello di Archetipo e di Immaginario ( e tendente a riutilizzare in senso utilitaristico la “carica emotiva” della lotta del Bene sul Male ) …


Ma cosa succede se si va a mettere direttamente tra le mani di Babbo Natale la bottiglietta di una bibita ?

Un sacco di cose …. ma analizziamole singolarmente, vedendo sia cosa succede all’ icona ( idea figurativa ) della bibita, e all’ icona di Babbo Natale, e chi e cosa ci guadagna e ci perde da tale operazione.

COSA SUCCEDE ALLA BOTTIGLIETTA ?

Vediamo subito che chi ha tutto da guadagnare da tale operazione sarà proprio la bottiglietta, sulla quale verranno riversate tutte le caratteristiche sopracitate di Bontà e Autorità positiva e universale. ( Se Babbo Natale è buono, come potrebbe bere qualcosa di non altrettanto “caratterialmente e universalmente buono” ? )
Insomma la bottiglietta di Coca Cola diventa un PARASSITA EMOZIONALE che “succhierà” tutta l’ energia positiva generata dall’ icona di Babbo Natale e dalle emozioni positive ad essa legate. Non solo, ma ne assumerà anche i tratti di “autorità positiva” e “universalità” … per farla breve, si trasforma in una DIVINITA’.

( Il processo è analogo a quanto succedeva nello spot già analizzato di Grillo, dove era il barattolo di Yomo a caricarsi della emozionalità positiva generata dal meccanismo di “Quiete raggiunta dopo uno stress emotivo” ).

COSA SUCCEDE A BABBO NATALE ?

E se tutto finisse qui, non sarebbe poi un gran male …
Ma cosa succede contestualmente all’ archetipo di Babbo Natale ?
Che viene “eroso e consumato dal suo parassita“, come per ogni organismo parassitato.
( Non vi fischiano le orecchie con un’ analoga strategia usata nel campo del pensiero culturale dei popoli ? )

Come in una sorta di vasi comunicanti, infatti, il Babbo Natale a sua voltà prenderà sempre più le sembianze del prodotto che pubblicizza ( e questo lo vediamo, anche formalmente, nell’ evoluzione nel tempo degli spot stessi: dapprima spariscono le renne, poi la stessa figura ormai inutile di Babbo Natale: la sua forza iconica è già stata completamente parassitata dal prodotto, ed ormai non c’è più bisogno di lui … ).
Quel che è più grave è che il nuovo archetipo ora esistente manterrà invariata tutta la sua forza emozionale, forza non più diretta verso un’ idea iperurania e superiore di Bene, Generosità, Affetto, Calore Familiare, Dono, ecc. ma verso il semplice consumo di un insignificante prodotto commerciale.

Con un meccanismo che possiamo tranquillamente chiamare come: “Furto degli Archetipi”, essi vengono man mano svuotati del loro significato primigenio, e tutta l’ emozionalità ad essi legata verrà riversata su un diverso contenuto, prodotto o idea che sia.

E come prima i termini “Bontà” e “Babbo Natale” condensavano lo stesso significato, così ora non solo l’ equazione si estende in quanto “Bontà sarà l’ equivalente di Babbo Natale che sarà l’ equivalente di Coca Cola”, ma ( cosa ben più grave ) varrà anche l’ equazione inversa, per cui “Coca Cola” sarà equivalente a Babbo Natale e a tutto quello che, razionalmente ed emotivamente, esso rappresenta nel profondo del nostro Immaginario … per cui arriveremo ad associare gli assoluti visti sopra ad una banalissima bibita zuccherata.

Questo è esattamente il meccanismo, fondamentale in ogni sostituzione dell’ “Essenza” di una persona come di un’ idea, che prende il nome di DEPERSONIFICAZIONE o ALIENAZIONE: Babbo Natale subisce una “depersonificazione o alienazione” appunto, che ne svuota l’ essenza originale per rimpiazzarla con altro, ad uso e consumo di chi favorisce il processo medesimo.

L’ insieme dei due processi sopra descritti ( che avvengono a livello di “mente inconscia” del comune mortale che non ha i mezzi per analizzare e consapevolizzare l’ intero iter psicodinamico ) costituisce il processo tipicamente pubblicitario per cui “Le persone diventano oggetti e gli oggetti persone“: quella ora non è più una semplice bibita zuccherata, ma l’ idea stessa di bibita, una quasi divinità assorta nell’ alto dei cieli, e la cui peculiarità è la “bontà caratteriale e universale”.

MA COSA SUCCEDE A NOI ?

Noi semplicemente non riusciamo più a pensare a mente fredda, a ricordarci che quella è una comune bottiglietta contenente un intruglio scuro e zuccherato, e nemmeno tanto salutare: tutto questo viene oscurato nella nostra percezione immaginaria dalla forza delle emozioni positive che da sempre vengono accomunate e traslate sul prodotto stesso che diventa a sua volta un simbolo, un’ icona universale, insomma un Archetipo.

Il ciclo di “addomesticamento pubblicitario” si conclude infine in una sorta di riflesso pavloviano inverso, squisitamernte giocato sul piano emozionale: non sarà più la semplice sete a farci cercare un prodotto dissetante qualunque, ma sarà quella specifica presentazione pubblicitaria, quello specifico marchio a generare in noi il desiderio di quel “pacchetto emozionale”; desiderio che poi, in un assurdo circolo vizioso, andrà a riversarsi nuovamente e ancora proprio su quello specifico prodotto e non su un’ altro, perchè lo riterremo “uno di famiglia“, qualcosa di già conosciuto, di buono, sicuro e affidabile; anzi, la “Bontà” per antonomasia, un qualcosa che ormai appartiene alla sfera celeste, al mondo delle idee e degli archtipi … il nuovo archetipo di moderna “bontà”

… Chi si accontenterà quindi ora di un misero, sconosciuto, terreno prodotto concorrente ?

VENDERE UN PENSIERO

Come si ottiene quindi una trasformazione profonda della mente e dei comportamenti delle persone comuni ?

Con una martellante propaganda, condotta nello stesso modo visto sopra, stavolta non tramite un semplice spot commerciale, ma con una continua SOSTITUZIONE EMOTIVA DI VALORI, idee, archetipi applicata su vasta scala, che coinvolga gli atteggiamenti mentali e le opinioni più radicate della gente verso questa o quell’ idea, con l’ intenzione prima di demolire quanto l’ opinione generale ritiene “giusto e desiderabile”, per poi sostituirlo con quanto farà comodo al “committente”.

Insomma, è la stessa operazione vista a proposito di un prodotto, ma mediaticamente condotta ora su “icone comportamentali”, su atteggiamenti mentali e orientamenti di pensiero, perpetrata su vasta scala ed in modo subdolo, in modo da essere quasi impercettibile da chi la subisce.
E qui si sfrutta quasi sempre il bisogno di “conformarsi” dell’ individuo, la sua innata tendenza a seguire la maggioranza, a sentirsi parte di un gruppo, a vedere condiviso il suo pensiero, ad identificarsi totalmente in qualcosa, che sia la squadra di calcio, il gruppo di bocce, Dio come il Bar Sport, o la Patria come l’ aperitivo con gli amici … “toccatemi tutto ma non il mio Breil”, appunto.

Si farà quindi leva sul bisogno di appartenenza e sulla sostanziale “angoscia da separazione“, sul bisogno di avere uno schema di orientamento condiviso, sul bisogno di porsi in efficace relazione con gli altri, insomma proprio su quelle “5 esigenze inalienabili” di base postulate da Fromm per uno sviluppo umano e sociale armonico, già più volte accennate nel contesto di vari post.

Ma, esattamente come succede con Babbo Natale, si farà leva su queste emozioni e bisogni solo per distoglierli dalla loro “Idea generante”, dal loro “archetipo” e riconvogliarli verso altro, probabilmente verso fini commercialmente o socialmente sfruttabili, fino a farvi accettare assurdità simili ( e ben più devastanti ) sul piano sociale come l’ assurdità commerciale di una “Santa Coca-Cola”.

( Ovviamente tale processo indotto non è che uno strumento, e come tutti gli strumenti può essere utilizzato anche per introdurre schemi di pensiero positivi e virtuosi … anzi, tornando al tema del post precedente, proprio questa era l’ idea a guida degli studi di Freud … ma siamo alle solite: A CHI interessa VERAMENTE gestire in un modo o nell’ altro la macchina, e poi farvi credere che sia “tutta colpa di qualche comodissimo cattivo di turno” ??? )  

Un classico esempio dimostrativo di “induzione dell’ immaginario” è stato il modo in cui Edward Bernays raddoppiò le vendite di tabacco inducendo le donne a fumare: si cavalcò il desiderio di emancipazione femminile ( ossia il bisogno fondamentale di “porsi in efficace relazione con gli altri” in una società che effettivamente allora emarginava la donna ) stornandolo sul semplice consumo di sigarette.

L’ idea da vendere ( indotta tramite una manifestazione organizzata in cui uno stuolo di donne “emancipate” fumava sfrontatamente -per l’ epoca- in pubblico ), era che “chi si riteneva emancipata ed indipendente non poteva non fumare” … come è facile fregare gli esseri umani nei loro bisogni primari !!!
( Ed è un po’ quello che succede oggi con queste “Rivoluzioni Colorate”, dove si sfrutta “commercialmente” una legittima aspirazione, rabbia, dissenso, magari preventivamente fatti sorgere e alimentati tramite, putacaso, una bella crisi economica, deviandoli verso l’ acquisto di un prodotto preconfezionato … o di un nuovo ordine sociale )

Il denominatore comune di ogni operazione di propaganda quindi, come abbiamo visto, è di far leva proprio sulla nostra parte migliore, sulle nostre più alte aspirazioni, sulle potenzialità più tipicamente umane, sugli intenti più nobili, ma solo per ricondurli ad obiettivi molto più bassi, prosaici ed interessati, quando non addirittura a realizzarsi verso il loro esatto contrario.
( Come diretto corollario avremo che un’ operazione di propaganda avrà tanto più successo quanto meno saranno socialmente soddisfatte le necessità su cui si andrà a far leva ).

E così oggi ci troviamo la Guerra Democratica, l’ Economia del Debito, la Libera Schiavitù … tutti ossimori, tutti strampalati prodotti sociali venduti a soddisfazione dei nostri inalienabili bisogni astutamente direzionati verso altra direzione dal loro naturale soddisfacimento, senza che quasi riusciamo ad accorgercene …

“QUASI”, appunto … L’ insistenza, la ripetizione, la riproposizione dei medesimi contenuti serva sempre a metterci in guardia, perchè è una delle dinamiche che più indicano che ci troviamo di fronte a propaganda … Inoltre, come abbiamo già detto, capire e consapevolizzare queste dinamiche ( che sono le stesse di uno spot o di una pubblicità ) ce ne renderà automaticamente immuni, portandoci a fiutare qualsiasi forma di propaganda a chilometri di distanza.

Pubblicità e Propaganda sono le due facce della stessa medaglia: la vendita di un’ idea.
Ma se la prima agisce in modo quasi innocuo in quanto limitata a prodotti di poco conto, la seconda è potenzialmente molto più pericolosa proprio per l’ enormità e vastità del suo obiettivo e campo d’ azione, che coinvolge ampi settori sociali, orienta il pensiero di ampie masse verso comportamenti fortemente rilevanti per la loro vita, sostituendosi di fatto alla libera scelta e al libero arbitrio.

La Propaganda è, proprio per questo, esattamente come l’ energia atomica: una fonte di immensa energia che si propaga ed amplifica a velocità straordinaria: un’ energia sostanzialmente NEUTRA: renderla “buona o cattiva” dipenderà esclusivamente dall’ uso che ne verrà fatto.   

Ma una volta capita e consapevolizzata saremo comunque liberi dal suo meccanismo, e niente e nessuno potrà più condizionarci a nostra insaputa: saremo pienamente padroni del nostro libero arbitrio e di capire, accettare o rifiutare in modo razionale e cosciente quanto ci viene proposto con l’ inganno emozionale.
Di più: potremo usarla come boomerang per reindirizzare le cose verso direzioni più sinceramente umane.

Mondart

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: