Le prospettive della cooperazione geopolitica Russia-Cina

l primo ministro russo Vladimir Putin ha compiuto una breve visita di due giorni in Cina, l’11-12 ottobre. L’evento non ha ricevuto ampia copertura sui media globali, anche se in realtà c’era qualcosa di speciale. La visita si è svolta dal momento in cui Putin era stato ufficialmente riconosciuto come il principale candidato per le elezioni presidenziali nel 2012. Quando un probabile leader viaggia in Cina, prima che negli Stati Uniti, gli esperti di solito lo vedono come un gesto che spiega cos’è la politica estera cui il futuro presidente si concentrerà. In secondo luogo, la Cina e la Russia avevano posto il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza sulla Siria, provocando molte critiche da parte dell’amministrazione statunitense. Questo è stato il primo precedente del genere.

Il vicepresidente statunitense Joe Biden s’è rivolto alla comunità pro-democratica della Russia, dicendo che a Putin non dovrebbe essere permesso di correre per la presidenza nel 2012. Ma Mosca non sembrano seguirne i consigli. Ne era riuscito a Washington il tentativo di convincere la Russia che lo scudo di difesa missilistica degli Stati Uniti non è rivolto contro la Russia, ma gli alieni. Anche le differenze su alcune altre questioni sono in aumento. Quindi, è ovvio che il ‘/reset/’ ha fallito. Ora, cerchiamo di utilizzare il metodo di analisi geopolitica per fare luce su quello che realmente sta accadendo.

A settembre il Segretario della Difesa statunitense, Leon Panetta, implica che la Cina, l’India e la Russia sono una minaccia per gli Stati Uniti e il mondo intero. Come tutti ricordano, in precedenza gli USA avevano detto a tutti, che stavano iniziando la guerra al terrorismo internazionale, e poi attaccarono Iraq, Afghanistan, Libia, e di recente hanno cercato di invadere la Siria, l’Iran, e alcuni altri paesi. Nel maggio del 2010, svelando la nuova strategia di sicurezza nazionale, il segretario di Stato USA Hillary Clinton ammise che gli USA non erano in grado di affrontare le sfide attuali da soli e, quindi, volevano collaborare con Cina, Russia e India.

Come mai? Potreste dirmi che, nonostante tutto questo, gli statunitensi non sono così pazzi per lanciare una vera e propria guerra, almeno per ora. Ma le guerre del 21° secolo non sono più quelle di una volta. Al giorno d’oggi, una guerra è più basata sulla geopolitica piuttosto che sulle tattiche militari. Ed ecco la differenza.

In geopolitica, il militare non è una priorità, l’attenzione è sulle informazioni, formazione dell’opinione pubblica, così come sulla politica estera, economia, il mercenariato delle corporazioni militari private, ecc. Qualche volta, l’esercito non viene utilizzato del tutto, o solo quando l’operazione entra nella fase finale. Sorprendentemente, l’attuale operazione geopolitica sembra essere incentrata più sul nascondere i veri scopi, piuttosto che avvicinarli. Così, fingendo di essere preoccupati per la protezione della popolazione albanese nei Balcani, gli Stati Uniti ‘presentarono’ all’Europa la questione del Kosovo, che ha rigettarono la regione in termini di integrazione nella zona euro.

La situazione geopolitica in Medio Oriente è ancora peggiore. Guardate la cosiddetta Primavera araba e vedrete lo strano ruolo degli Stati Uniti nel sostenervi i movimenti radicali islamici. Facendo così, Washington rovescia quelli che ha sempre considerato regimi filo-USA allo scopo di garantire la stabilità nella regione. Inoltre, la Turchia, non senza l’approvazione degli Stati Uniti, scambia il fuoco con Israele. Gli Stati Uniti sviluppano il confronto con l’Arabia Saudita e l’Iran, creando una sorta di coalizione che circonda l’Iran, al fine di prepararsi a un attacco. Il motivo rimane praticamente lo stesso dalla tragedia del 9/11, ma ora dicono di voler prevenire un attacco contro l’Arabia Saudita, non gli Stati Uniti. Per fare cosa? Lo vedo come un tentativo di collegare la pesante instabilità del Medio Oriente con l’Afghanistan devastato dalla guerra e il Pakistan. Vogliono aggiungere la Turchia e il Caucaso a questa ‘linea’, in modo che questo possa tradursi in una grande guerra. Ancora una volta, qual’è lo scopo? Rimanere il paese leader del mondo.

Gli Stati Uniti stanno perdendo le loro posizioni nell’economia e nella politica globali; l’indebolimento del dollaro, che sta cedendo il passo ad altre valute (rublo, euro, yuan, rupie e valute latinoamericane). Oltre a questo, un divario è in crescita anche all’interno degli Stati Uniti, con anglo-sassoni, afro-americani e latino-americani che vivono per conto loro, mentre tutta la ricchezza è controllata da oligarchi. Questo divario è stato di recente portato alla luce con l’ondata di proteste di /’Occupare Wall Street/’, in tutti gli Stati Uniti, e in Australia, Nuova Zelanda, Europa e alcuni paesi asiatici. In uno dei suoi ultimi libri, l’uomo politico di primo piano P. Buchanan, predice il declino degli Stati Uniti entro il 2025. Ma difficilmente c’è qualcuno nel Paese pronto ad accettare questo punto di vista.

In considerazione di ciò, la guerra sembra essere l’unica via d’uscita per un paese con ambizioni egemoniche. Ma non a casa. La prima e la seconda guerra mondiale, hanno mostrato agli Stati Uniti la via d’uscita dalla crisi economica e li misero tra i paesi più potenti del mondo. E questo potrebbe essere una guerra contro la Cina, il principale contendente alla leadership mondiale, e l’India e l’Europa, principali rivali economici. Immaginate: l’Iran è in guerra con l’Arabia Saudita, gli Stati Uniti aiutano i sauditi e gli altri alleati del Golfo Persico. Israele è attirato in un conflitto con i suoi vicini arabi, mentre la Turchia scambia i tiri con Israele. I palestinesi e /Hezbollah/attaccano le città israeliane, gli iracheni fanno saltare gli oleodotti e gli edifici governativi, i curdi avanzare ulteriormente in Turchia e Iran. Il Golfo Persico e la vicina zona sono minate. Tel-Aviv è invitata a usare armi nucleari. Anche se le cose potrebbero svilupparsi un po’ diversamente, in genere sarebbe lo stesso. Forniture di petrolio verso Europa, Cina e India sarebbero fermate, mentre gli Stati Uniti inizierebbero ad utilizzare i propri depositi alternativi e il petrolio prodotto in tutto il continente. Europa e Cina si troveranno ad affrontare la stagnazione economica, che sarebbe altrettanto difficile per entrambi, ma soprattutto per Pechino. In questo caso, la Cina cercherà il sostegno energetico dalla Russia, provocando la rabbia dell’Europa. Le truppe NATO verrebbero inviate in Russia nel pieno rispetto dell’Accordo sullo status delle forze armate, firmato nel 2007. Ed eccoci qui, con un’altra guerra mondiale che inizia. Quando sarà finita, gli Stati Uniti saranno il vincitore, di nuovo. E la divisione post-bellica del mondo servirà principalmente gli interessi di Washington.

Russia e Cina sono state probabilmente guidate dalla consapevolezza di questa potenziale catastrofe, quando hanno imposto un veto alla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla Siria. Ma questo non basta. Mosca e Pechino dovrebbero sviluppare un vero e proprio accordo a lungo termine, in materia di energia e reciproca cooperazione economica. I due paesi sono pienamente d’accordo su molte questioni, compresi i piani USA per collocare il loro terzo sito missilistico in Europa, e anche nell’ulteriore sviluppo del BRICS. Speriamo che tutto questo sia all’ordine del giorno della visita di Putin in Cina. Nel suo ultimo libro, l’eccezionale uomo politico e diplomatico russo Evgenij Primakov, dice: “/Possiamo dire che la Russia e la Cina stanno usando il loro potere di deterrenza per contrastare coloro che sono disposti a usare la forza senza preoccuparsi delle conseguenze/”. Mosca l’ha dimostrato durante la visita di Putin in Cina, quando la crisi siriana è stata tra le altre questioni all’ordine del giorno.

La visita del Primo Ministro russo in Cina e la firma di diversi accordi sull’energia e il partenariato economico, può essere descritto come una misura per prevenire una nuova ondata di crisi. Cina e Russia dovrebbero essere consapevoli di prendere decisioni ben ponderate in ambito sia politico che militare, e dimostrare la loro disponibilità a difendere i propri interessi. Dichiarare gli Stati Uniti e la NATO una grave minaccia per l’umanità, sarebbe il primo passo da fare in questa direzione.

*General-colonnello Leonid Ivashov – Presidente dell’Accademia dei problemi geopolitici

(Traduzione di Alessandro Lattanzio http://sitoaurora.altervista.org/home.htm)

 

Eurasia

Annunci

2 Responses to Le prospettive della cooperazione geopolitica Russia-Cina

  1. TUTTO CIO' CHE SI IMMAGINA E' REALE says:

    articolo interessante, condivido sul mio blog, credo che gli usa vanno fermati prima che fanno veramente iniziare una III ww, cosa che per loro sarebbe di normale amministrazioni visti i precedenti. grazie e buon lavoro!!

  2. Pingback: Le prospettive della cooperazione geopolitica Russia-Cina | Tutto Ciò Che Si Immagina è Reale……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: