Libia: va tutto a puttane

 

In Libia siamo andati per proteggere i civili. Li abbiamo difesi a puntino mettendoli sotto cumuli di macerie e con qualche metro di terra sulla testa. Adesso sono più che al sicuro, sono praticamente in una botte di ferro, un barile simile ad una bara. Con siffatte imposture globali l’Onu, la Nato, la coalizione dei volenterosi ed il nostro governo vendono mediaticamente ad una pubblica opinione distratta e distaccata il pacco umanitarista Occidentale. Per sostenere questa ennesima guerra unilaterale, fortemente voluta da Sarkozy e Cameron a tutela dei loro interessi economici nell’area, sono state necessarie molte menzogne ed una campagna diffamatoria da parte dei mezzi d’informazione totalmente sbilanciata a favore di un gruppo di spennagalline elevato al ruolo di esercito ribelle. Ancora ieri una bomba più furba che intelligente non ha risposto ai comandi e si è schiantata su un quartiere popolare ammazzando 9 persone, tra le quali donne e bambini, e ferendone un numero imprecisato. La Nato ha chiesto scusa, non accadrà più, cioè non si verificherà nessun altro malfunzionamento degli ordigni teleguidati che saranno più precisi nel mantenere la traiettoria della morte, mentre ai cosiddetti civili nessuno sta assicurando quella incolumità che doveva essere l’obiettivo prioritario della missione. Al cospetto di questi fatti vergognosi sentiamo il Ministro Frattini dichiarare che la stampa “dovrebbe mettere in luce le atrocità di Gheddafi, a cominciare dagli stupri di massa, e dovrebbe mettere in risalto l’importanza della protezione dei civili”. Il Ministro degli affari esteri altrui e della pornografia internazionale vorrebbe anche che la stampa accendesse le luci rosse sui lealisti fedeli a Gheddafi per screditarne l’immagine di uomini fieri e coraggiosi schierati a difesa del proprio Paese. E’ forse questa l’arma segreta della Nato? Siamo già al raggio rosso della morte che travolgerà il nemico impudico? Questo signore pruriginoso guida un dicastero, ci rappresenta in campo mondiale, detta la nostra politica estera (spalleggiato dagli americani) e ci parla come fossimo degli sprovveduti. E’ stata la umida Clinton, moglie dell’inturgidito Bill, a riportare il bunga bunga dall’Italia nel suo luogo d’origine ed ora Frattini rilancia la versione hard del Dipartimento di Stato statunitense per convincerci che nel deserto della sirte manca pudicizia e moralità. Tuttavia, la novità di queste ore è lo scontro tra Quirinale, lì dove si inarca senza trionfo un figlio regale quanto illegittimo della patria, e il Viminale, retto da un sassofonista che tenta almeno di suonare tutt’ altra musica. Napolitano, arrogandosi funzioni che non gli spettano, preme affinché la missione continui mentre Maroni chiede la fine della guerra ed una veloce exit strategy sulla quale anche Berlusconi sembra essered’accordo. Comunque si concluda questa vicenda l’Italia ha già perso la faccia e le mutande. Il CNT di Bengasi ha siglato accordi con le compagnie petrolifere di Parigi e di Londra estromettendo dal business energetico l’ENI, la quale da impresa leader in Libia sarà costretta ad accontentarsi delle briciole che gli lasceranno i suoi competitors d’oltremanica e d’oltreoceano. Anche Finmeccanica ha avvicinato gli insorti, il suo Presidente Guarguaglini infatti si è recentemente recato nella regione per tutelare gli affari del gruppo. Costoro non hanno compreso che il mediterraneo è ormai un affare chiuso per loro. Chiuso nel senso di perduto. E’ andato tutto a puttane e la colpa non è del cialis ma dei cialtroni di Stato.

Fonte: http://conflittiestrategie.splinder.com/post/24790612/libia-va-tutto-a-puttane-di-gianni-petrosillo

Annunci

2 Responses to Libia: va tutto a puttane

  1. Alba Kan says:

    “Libia: va tutto a puttane”
    Ogni riferimento tra il titolo e la foto del post è casuale giusto?
    😉

    • vanesalia says:

      Sicuramente di casuale non c’è nulla. 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: