Mario Tchou e il sogno spezzato dell’informatica italiana

programma101

di Michele Franceschelli

Il 9 novembre 1961 moriva l’ingegnere italo-cinese Mario Tchou e con lui quel sogno d’avanguardia – osteggiato dagli Stati Uniti d’America – che fu anche di Adriano Olivetti, con conseguenze funeste per i destini della nostra nazione. Una storia da ricordare, per tornare a sognare.

“Mario Tchou era il capo del laboratorio di Pisa e della Divisione Elettronica dell’Olivetti dedita principalmente a quell’epoca al grande calcolatore Elea, era il padre dell’Elea se vogliamo, che fu il primo grande calcolatore al mondo, prima dell’IBM (…) Mario Tchou è morto in un incidente sulla Milano-Torino e in Olivetti c’era la convinzione che fosse stato ucciso da forze risalenti ai servizi americani”. Carlo De Benedetti, Presidente della Olivetti dal 1983 al 1996, in un’intervista concessa il 29 ottobre 2013 a Giovanni Minoli, su Mix 24. (1)
“Adriano Olivetti: quest’uomo rappresenta un problema per il nostro paese”. Le parole pronunciate dal capo dei servizi segreti statunitensi, la CIA, in una riunione di altissimo livello, nella scena inziale della miniserire televisiva RAI “Adriano Olivetti. La forza di un sogno”, andata in onda il 28 e il 29 ottobre 2013 su Rai Uno. (2)

Una lezione per il presente

Che le parole pronunciate da Carlo De Benedetti durante la popolare trasmissione di Giovanni Minoli in merito alla convinzione degli uomini dell’Olivetti sulle vere cause della morte di Mario Tchou, così come gli input sul complotto made in USA inseriti all’interno della miniserire televisiva RAI “Adriano Olivetti. La forza di un sogno” di Michele Soavi, siano forse riusciti a spingere gli italiani ad aprire gli occhi sul ruolo infido giocato dagli Stati Uniti d’America contro il nostro paese, in queste ed altre circostanze, smascherando la rappresentazione propagandistica che li dipinge come l’alleato benevolo della nostra nazione?

Non lo sappiamo, sono stati due squarci di luce – l’intervista di De Bendetti e la messa in onda della miniserie – temporalmente coincidenti e qualitativamente diversi, che sono stati presto sommersi dalla forza oscurante della propaganda statunitense interessata a non far vedere agli italiani le porcherie combinate dai nostri “alleati” d’oltreoceano in oltre 60 anni d’occupazione, il tutto a favore di una narrazione storica falsa e stereotipata stracolma di zone d’ombra fatte di stragi, di assassini, di “incidenti” dolosi sempre privi di colpevoli, di uomini scomparsi nel nulla. Dove però questi “lampi di luce” riescano ad affermarsi a livello mediatico e di cultura di massa acquisendo le forme di verità storiche, non rimane che l’opzione di presentarle come conoscenze dal puro valore documentario su periodi lontani e passati privi di connessione con il presente, verità magari spiacevoli ma comprensibili e giustificabili per il clima della “guerra fredda” ed altre circostanze eccezionali che li rendevano inevitabili, continuando quindi a cercare di velare, sviare e limitare la portata rivoluzionaria di quelle rivelazioni storiche. Così facendo quegli “squarci di luce” perdono forza splendente e illuminano meno – e male – solo una metà, il passato, creando un fossato con l’epoca attuale: le responsabilità, gli interessi, il modus operandi, le dinamiche e la mentalità degli attori storici che quelle verità rivelano non devono essere comprese appieno per non diventare materia da cui trarre lezioni per il presente; un presente dove quegli stessi attori e quelle stesse forze, riconducibili agli USA e ai suoi scagnozzi italiani, continuano ad essere i padroni della nostra nazione, giocandovi un ruolo perfido, continuando a liquidare qualsiasi uomo italiano – sia questo un nuovo “Mario Tchou”, un nuovo “Adriano Olivetti” o un nuovo “Enrico Mattei” – che possa rappresentare un “problema” per il loro predominio sull’Italia, pur in assenza di “guerra fredda”, di “pericolo comunista”, di “emergenze democratiche”.

Per questo crediamo sia utile ritornare a ricordare certe figure e certi passaggi storici, non per amore della storia fine a se stesso, ma per comprendere le ragioni profonde di certi avvenimenti che hanno segnato negativamente e traumaticamente la storia di questa nazione e dotarci così, nello stesso tempo, di un arsenale interpretativo capace di riconoscere nel presente le trame sovversive e gli atti ostili compiuti ancor oggi nei confronti dell’Italia da quelli che subdolamente si continuano a chiamare come “alleati”, ma che la conoscenza della nostra storia e l’intuizione delle dinamiche attuali ci deve indurre a qualificare senza indugio come “occupanti” e “nemici” (anche se per far questo basterebbe molto probabilmente sapere – o voler vedere – che ci sono circa 110 basi e installazioni militari statunitensi sul territorio italiano, da Nord a Sud, da Aviano a Sigonella passando per Camp Ederle, Camp Darby e Napoli, con circa 15.000 militari e 15.000 “civili”).

L’Italia dovrebbe comprendere – dato che l’Unione Europea non lo fa a livello europeo e men che meno lo fa l’odierna classe politica nazionale, anzi molto spesso è proprio il contrario – la necessità e il dovere di difendere, con le unghie e con i denti dagli attacchi esterni e di sostenere in tutti i modi quegli uomini speciali, le loro imprese d’alta tecnologia e avanguardistiche, per l’apporto fondamentale che danno alla crescita morale e materiale di tutta la comunità nazionale e che le permettono di innestarsi su dei binari di sviluppo economico profondo e duraturo, fatto di alta tecnologia, ricerca, sviluppo e innovazione, basi della libertà, della forza e della dignità di una nazione.

Il filo storico che lega le vicende di Mario Tchou, inseparabile da quelle di Adriano Olivetti (entrambi attivi nello strategico settore alto-tecnologico dell’elettronica-informatica), di Felice Ippolito (nel settore alto-tecnologico del nucleare), di Enrico Mattei (in quello strategico dell’energia), di Domenico Marotta (della chimica), di Sergio Stefanutti (dell’aeronautica), quel filo che arriva fino alla guerra imposta all’Italia contro il suo alleato Muammar Gheddafi nel 2011 e alle sanzioni economiche alla Russia, passando per la scomparsa di Federico Caffè (nel settore strategico della finanza), Tangentopoli, l’esilio di Bettino Craxi (nel campo strategico per eccellenza, quello politico) e la morte di Raul Gardini (ancora la chimica), è una trama storica che ci svela i segni e le tracce, di volta in volta più o meno occulte, di una “manina d’oltreoceano” sempre attiva e sempre pronta a liquidare con le buone o con le cattive – e sempre con la complicità di una lobby interna tutta italiana di passaporto ma nella sostanza anti-nazionale perché totalmente prona agli interessi dello straniero e dei propri meschini dividendi di “casta”– di liquidare quei compatrioti che ora per genio, ora per arditezza, per onestà e per vigore rappresentano una grande opportunità per la nazione, una risorsa e un valore per i destini della Patria ma che proprio per questo sono un “problema” grave per gli Stati Uniti d’America interessati a mantenere il proprio predominio. E per i loro vassalli interni, interessati a coltivare i propri meschini interessi di bottega e portatori fin dal primo dopoguerra di un machiavellismo ideologico deformato dal servilismo che ha condotto ben presto l’Italia sui binari morti di uno sviluppo capitalistico subordinato, maturo e poi marcio che ha inevitabilmente innescato una spirale deleteria fatta di giochi di borsa e finanziarizzazione, speculazioni sull’ambiente, sulla salute e suoi diritti dei lavoratori, mungitura delle risorse statali da parte d’imprese mature e decotte, abnorme pubblico impiego come cassa di compensazione per la disoccupazione, “bolle” di lauree e lavori socialmente inutili, deindustrializzazione e svendita allo straniero dei restanti comparti industriali, il tutto con l’ausilio di un ceto intellettuale a libro paga di volta in volta chiamato a fornire coperture ideologiche mistificatorie e giustificatorie – le ultime in ordine di tempo sono la “teoria” della “decrescita” e l’enfasi posta sul “turismo” come risorsa strategica nazionale – a questi sviluppi patologici. Un sistema che prima o poi si sarebbe rotto, comportando una dolorosa ristrutturazione per il popolo italiano, ma senza che fosse permesso che le vere cause del disastro venissero alla luce. Leggi il resto dell’articolo

La spettacolarizzazione del male

++ Donna uccisa Udine: fermato ha confessato ++

di Massimo Buttarini

L’interesse morboso rispetto alla figura dell’omicida seriale e dei suoi crimini da parte dei mass media

Nel mio libro “ I Serial Killer: un approccio psicologico giuridico” ho parlato dell’interesse morboso rispetto alla figura dell’omicida seriale e dei suoi crimini da parte dei mass media e dell’opinione pubblica. (Buttarini, 2007)

La stessa morbosità è riscontrabile, a mio parere, per la cronaca nera in generale. C’è chi parla, come Enrico Gregori, di esorcismo. Il cronista, autore di un noir dal titolo “Un tè prima di morire” frutto della sua esperienza di cronista di nera, in un intervista pubblicata su fragmenta.blogosfere da Fausta Maria Rigo, afferma che << […] Vedere, scandagliare, capire la morte altrui è una specie di barriera che tiene la morte lontana da noi. […]>>[Fausta Maria Rigo in http://fragmenta.blogosfere.it/2008/03/rock-and-noir.html]

Personalmente, come psicologo, condivido certamente questo punto di vista ma non credo che sia sufficiente per spiegare le punte di morbosità che ha raggiunto l’interesse per la cronaca nera. Credo ci sia dell’altro dietro la spettacolarizzazione del male che su questa morbosità vive e si alimenta: nel lato più oscuro della psiche umana non alberga soltanto la paura della morte che attraverso i fatti di cronaca nera verrebbe così esorcizzata ma anche desideri necrofilici inconfessabili e istinti di morte che attraverso la cronaca nera vengono vissuti. Voglio dire che non tutti si identificano con le vittime ma una parte del pubblico di spettatori si identifica con il male che gli autori dei crimini incarnano.

Soprattutto in fasce di età particolarmente a rischio, come quella adolescenziale, il rischio di identificarsi con modelli negativi sui quali proiettare la propria rabbia e la propria smania di ribellione è molto alto a maggior ragione quando ad usufruire di certi contenuti mass mediatici sono ragazzi dalla personalità già di per sé problematica.

Faccio riferimento qui alla rischiosa possibilità dell’innescarsi di meccanismi di imitazione e di emulazione che abbiamo già visto scatenarsi nel passato, uno per tutti l’esempio del lancio dei sassi dal cavalcavia ma anche in tempi più recenti l’omicidio commesso da una ragazza in Francia che disse di essersi ispirata all’omicidio di Meredith commesso a Perugia.

E’ anche per questo motivo, ma non solo, che i giornalisti, i cronisti e i mass media nel loro complesso hanno una grande responsabilità e il mondo dell’informazione deve essere consapevole del potere che detiene e quanto questo potere può influenzare le menti delle fascie di popolazione più deboli: mi sto riferendo ai minori, certamente, ma anche a personalità disturbate che di fronte a una certa spettacolarizzazione, sottoposta al cosiddetto bombardamento massmediatico potrebbe venire influenzata negativamente tanto da poter essere irretita è addirittura istigata.

Infatti la nostra civiltà è caratterizzata da un desiderio e da un bisogno di protagonismo mai visto prima e questo è particolarmente evidente tra i giovani: essere protagonisti significa essere visti apparire sotto la luce dei riflettori, arrivare al successo, essere riconosciuti, esistere finalmente dopo un’esistenza caratterizzata dal vuoto esistenziale, dalla noia, dal niente. Perché se non vai in televisione allora non sei nessuno. I modelli di riferimento di molti teen ager della civiltà odierna infatti sono personaggi non persone, personaggi che esistono solo attraverso la spettacolarizzazione e la mitizzazione di un modello di vita che non è più sorretto dal concetto del sacrificio, del desiderio ma al contrario del tutto e subito. Certe trasmissioni televisive è questo il messaggio che lanciano: la facilità del diventare famosi. Se riesci a entrare in quel circo delle meraviglie allora da nessuno riuscirai ad essere qualcuno, tutti ti riconosceranno e acquisterai lo status simbol del successo. Qualcuno purtroppo farebbe di tutto per arrivarci anche a costo di gesti estremi perché l’incertezza e la vacuità di identità fragili e inconsistenti può portare ad una distorsione della realtà tale da portare alla perdita di un equilibrato esame di realtà come espressione di un disagio profondo a cui chi aveva il dovere di dare delle risposte ha fallito nel suo compito lasciano molto spesso i giovani in balia delle loro pulsioni e della loro solitudine di fronte ad uno schermo vuoto che sembra poter dare tutte le risposte.

Ecco che cosa scrive Maurizio Parodi rispetto al tema dei minori e televisione:

<< A proposito di “ordinarie follie”: è, per noi, del tutto normale che i bambini vedano gli stessi programmi seguiti dai genitori: il telegiornale, per esempio, che si è trasformato in un bollettino di guerre, cui fanno da irrinunciabile corollario le notizie di cronaca nera, le uniche (si direbbe) ad avere rilevanza mediatica; tanto più sconcertanti giacchè si indulge, con accanimento morboso, voyeuristico, alla spettacolarizzazione degli eventi più efferati e macabri. Nulla a che vedere con l’indignazione civile: i crimini di mafia, le morti sul lavoro non “eccitano” quanto una (in)sana strage familiare – giusto per ribadire quanto siano primitive le nostre pulsioni sociali: siamo interessati soprattutto alla messa in scena degli orrori privati, quelli a noi più prossimi (in tutti i sensi). E i bambini stanno a guardare…

Ma lo stesso vale per taluni programmi cosiddetti di servizio e molti altri di intrattenimento (medesimo scopo, però più onestamente dichiarato), nei quali si inscenano farse e tragedie domestiche, drammi, relazioni, spesso fasulli, inventati e recitati – il contrabbando dei sentimenti finti – che, comunque, strumentalizzano le persone senza remore e decenza, istigando gli ospiti e il pubblico a dare il peggio di sé; dove si espongono lubricamente frustrazioni e turbamenti, con l’irruzione del privato, dei fatti personali (vostri, perciò nostri, dunque di tutti) dell’intimo (inteso non solo come indumento) sul palco mediatico, istillando una visione condominiale del mondo. E i bambini…

Siamo riusciti ad inventare la cosiddetta TV del dolore, dal cui gorgo sono proliferate le ignobili e compiaciute brutture delle trasmissioni verità, spesso reality show sotto mentite spoglie giornalistiche, deontologicamente giustificate per il loro carattere, appunto, di servizio. Forse a molti è sfuggito l’impegno delle trasmissioni dedicate alla strage di New York (l’11 settembre 2001) che hanno aggiunto orrore all’orrore, riproponendo all’infinito le immagini della carneficina: i grattacieli in fiamme, l’aereo che esplode nell’impatto con l’edificio, le persone che precipitano, il fumo e le fiamme, indugiando con macabro compiacimento, sui dettagli, dilatando i tempi della tragedia con il ricorso al ralenti, come accade nei peggiori film hollywoodiani. Non solo, alcuni canali hanno mostrato in parallelo scene di film catastrofici per enfatizzare la spettacolarizzazione dell’evento. E i bambini…

Molto spesso a sdoganare l’orrore sono proprio i giornalisti (televisivi), che si potrebbero ingenuamente ritenere più accorti, sensibili, colti e corretti dei colleghi intrattenitori, dai quali sono, invece, indistinguibili. Sono loro i padroni del reality show che costa poco e fa molta audience. Una strategia sottile e non priva di conseguenze, soprattutto per gli spettatori meno avveduti, dunque, in primo luogo bambine/i: si utilizzano i giornalisti come garanti della bufala, per accreditarla. Ma non meno inquietanti appaiono i tratti “telegnomici” (da Grande fratello) della TV totale, quella che esibisce materiale corporeo, osservato dal “buco della serratura” catodica, e modelli esistenziali “inconsistenti”, divinizzati dall’apparizione sullo schermo. E i bambini… Leggi il resto dell’articolo

La lista completa dei massoni d’Italia, nome per nome, dal Trentino alla Sicilia

7117597415091390ac930c-1024x603

di Edoardo Bettella

26.410. È il numero dei massoni in Italia. Popoff ha deciso di pubblicarne la lista, loggia per loggia, regione per regione. Abbiamo calcolato le maggiori concentrazioni geografiche in Italia (Firenze e la Toscana) e le professioni che contano più iscritti (medici e avvocati).

Ventiseimila nomi. Sono gli affiliati italiani alle logge massoniche nazionali, perfettamente riconosciute e legittimate dalla legge italiana. A due settimane dall’editoriale di Ferruccio De Bortoli su “Il corriere della sera”, in cui al patto Renzi-Berlusconi viene associato un «odore stantio di massoneria», Popoff pubblica le liste degli iscritti. Seppur divulgate originariamente da “La voce delle voci” cinque anni fa, hanno ancora molte cose interessanti da raccontare. Vediamo quali.

Sarà un caso, forse, ma la regione italiana che conta più iscritti è la Toscana. E tra tutte le città d’Italia, quella tra in cui vi risiedono più massoni è Firenze. Stiamo parlando di più di duemila liberi muratori nella sola città bagnata dall’Arno. Quasi il dieci per cento del totale dell’Italia intera.

Se, a Firenze, si aggiungono Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena, arriviamo a un totale di più di quattromilacinquecento. La città che, dopo Firenze, conta il maggior numero di liberi muratori è Torino, con quasi duemila affiliati. Al terzo posto troviamo Roma, con milleseicentotrenta. Seguono, in ordine decrescente, Milano (milleduecentosettanta), Palermo (milleduecentosessanta), Perugia (ottocentottantotto) e Genova (ottocentotrenta).

Una menzione particolare merita Perugia. Il capoluogo umbro, infatti, conta poco più di centosessantamila abitanti. Questo significa che c’è un massone ogni, circa, centottantasei abitanti. Il numero è poco distante da quello di Firenze, dove ne troviamo uno ogni centottantatrè. La differenza sostanziale sta nel fatto che, però, Firenze ha più del doppio degli abitanti di Perugia, che diventa, quindi, una delle città con la maggiore concentrazione di affiliati a logge massoniche per numero di abitanti.

Tra le professioni, troviamo più di duemila medici, oltre mille avvocati e dirigenti, novecento imprenditori, quasi seicento dipendenti ministeriali, trecentoventi ragionieri, duecentocinquanta assicuratori, duecentoventi industriali. Sono solo numeri, professioni, aree geografiche. Ma sarà un caso che il Corriere parli di «odore stantio di massoneria» riferendosi proprio a un patto che ha, come punti di contatto in parlamento, due toscani doc come Denis Verdini e Maria Elena Boschi?

“Il Corriere della sera” parla di «odore stantio di massoneria» riferendosi al patto tra Renzi e Berlusconi, che trova i due punti di contatto in Denis Verdini per Forza Italia e Maria Elena Boschi per il Partito democratico. Ma c’è qualche legame tra questa affermazione e le radicate origini toscane dei due?

Alcuni chiarimenti: queste liste fanno riferimento alle logge nazionali, non a quelle estere o sovra-nazionali, anche dette Ur-Lodges, intorno alle quali spesso aleggia un velo di mistero e segretezza. In Italia, in seguito allo scoppio dello scandalo della P2, la legge Spadolini-Anselmi ha vietato l’esistenza di associazioni segrete (come già previsto dall’articolo 18 della Costituzione) obbligando anche la non segretezza riguardo agli iscritti.

La più grande loggia massonica italiana è il Grande oriente d’Italia (Goi), con sede a Roma e con più di ventimila affiliati. Ne esistono molte altre, più piccole e con meno affiliati, come, ad esempio, la Gran loggia d’Italia degli Alam o la Gran loggia regolare d’Italia. Dal Goi si è dissociato, nel 2010, Gioele Magaldi, fondatore del Grande oriente d’Italia democratico (God), movimento massonico di opinione nato all’interno del Grande oriente d’Italia, ma con lo scopo di riformarne la struttura interna all’insegna della trasparenza. È, di fatto, una forza di opposizione interna al regime «dispotico» del Goi. La scissione nacque in seguito alla presa di coscienza, da parte di Magaldi, delle attitudini dell’ex Gran maestro del Goi Gustavo Raffi, orientate esclusivamente alla preservazione del potere fine a se stesso e all’arricchimento personale, principi totalmente opposti a quelli della tradizionale massoneria.

Pubblichiamo, di seguito, la lista di ventiseimila nomi, frutto dello strabiliante lavoro di Andrea Cinquegrani e Rita Pennarola, de “La voce delle voci”, che, nel 2009, l’hanno divulgata.

ECCO LA LISTA

Fonte

Padroni d’Italia: neocon e trotzkisti

voltagabbana_gabbana_indipendent

di Sebastiano Caputo

La difesa della nazione per gli uni, il conseguimento della rivoluzione per gli altri. L’esistenza di una destra e di una sinistra aveva ancora senso qualche decennio fa. A prescindere dalla guerra fredda, quello che separava (e allo stesso tempo univa) i due schieramenti, era un profondo spirito di appartenenza ideale e una forte identità culturale. Eppure entrambi, come le subculture degli anni Sessanta e Settanta, sono stati inglobati dal sistema dominante per diventare progressivamente forze antinazionali e conservatrici. Il tradimento della sinistra è tuttavia anteriore a quello della destra e affonda le sue radici nell’eccentrica parabola dei trotzkisti italiani. Riuniti sotto diverse sigle (Gruppo Comunista Rivoluzionario, Servire il Popolo, Avanguardia Operaia, Lotta Continua, Potere Operaio) ed eredi del pensiero di Lev Trockij (internazionalismo e anti-sovietismo) questi utilizzarono in particolare dopo le contestazioni del 1968, una strategia definita entrismo sui generis che prevedeva l’infiltrazione nei sindacati, nel Partito Comunista Italiano e nei giornali di area. Probabilmente con il sostegno economico dei servizi statunitensi i quali finanziavano tutte le forze anti-sovietiche e di destabilizzazione dell’epoca, indipendentemente dal colore politico, come del resto si è potuto verificare nei decenni successivi. Non è un caso che quegli stessi trotzkisti che militavano nelle organizzazioni extra-parlamentari si sono successivamente ritrovati ad occupare delle posizioni di potere in ambienti che spaziano da quello accademico a quello mediatico-giornalistico passando per quello politico.

I traditori dei principi della sinistra hanno tutti un nome (questi sono i più importanti): Renato Mannheimer (da Servire il Popolo a sondaggista del Corriere della Sera e  docente dell’Università Bicocca di Milano), Antonio Polito (da Servire il Popolo ad membro del gruppo Aspen ed editorialista del Corriere della Sera), Barbara Pollastrini (da dirigente milanese di Servire il Popolo a ministro delle Pari opportunità del governo Prodi e attualmente deputata del PD), Linda Lanzillotta (da Servire il Popolo a senatrice di Scelta Civica di Mario Monti), Michele Santoro (da Servire il Popolo a personaggio mediatico di fama nazionale), Adriano Sofri (da Lotta Continua, al carcere per una condanna quale mandante dell’omicidio di Calabresi, e attualmente editorialista de La Repubblica), Paolo Liguori (da Lotta Continua a conduttore televisivo), Luigi Manconi (da Lotta Continua a docente universitario fino a diventare senatore PD), Gad Lerner (da Lotta Continua a personaggio mediatico di fama nazionale),  Francesco Pardi detto Pancho (da Potere Operaio a senatore PD e principale promotore del “No Cav Day”), Ritanna Armeni (da Potere Operaio a ex conduttrice televisiva con Giuliano Ferrara di Otto e Mezzo) e Paolo Mieli (da Potere Operaio a ex direttore del Corriere della Sera), Toni Negri (da Potere Operaio a sostenitore dell’internazionalismo ai tempi della globalizzazione finanziaria), Paolo Flores D’Arcais (dal Gruppo Comunista Rivoluzionario a direttore della rivista del Gruppo L’Espresso Micromega),  Fausto Bertinotti (dall’extra-parlamentarismo, a Rifondazione Comunista fino alle recenti dichiarazioni: “abbiamo sbagliato tutto, sono anche un liberale”). Una sfilata di nomi che potrebbe concludersi con quello di Ezio Mauro, attuale direttore di Repubblica, estraneo all’extra-parlamentarismo ma erede di quella sinistra perfettamente organica al sistema dominante, il quale ha recentemente pubblicato un editoriale intitolato “L’Occidente da difendere” in cui identifica il nemico russo e quello islamico legittimando di conseguenza l’Occidente capitalista, pseudo-democratico, imperialista e a trazione statunitense.

Le dinamiche che hanno portato allo snaturamento della sinistra e dei suoi principi non sono poi così diverse da quelle che in seguito hanno disintegrato la destra. Accecati da un anti-comunismo in assenza di comunismo, furono Gianfranco Fini e i suoi seguaci a sposare definitivamente il liberismo economico di Silvio Berlusconi, come furono i suoi intellettuali a consegnare le chiavi della biblioteca a neocon e teocon (Oriana Fallaci, Giuliano Ferrara, Alessandro Sallusti&soci). Ecco perché i trotzkisti stanno alla sinistra come neocon e teocon) stanno alla destra: stessi finanziatori, stessi interessi, stessi nemici.

Fonte

Geni che odiano i talenti

XFactor-620x150

di Sebastiano Caputo

Come in politica anche nel mondo artistico si distinguono genio e talento. Otto Weininger, morto suicida all’età di ventitré anni per colpa di una scommessa persa con un amico, scriveva a proposito: “il genio è l’uomo atemporale e le sue opere vivono eternamente”. Il genio è inattuale perché sfugge al presente, non è figlio della sua epoca, tantomeno può essere spiegato in relazione ad essa. Questa è la ragione per cui l’industria culturale nella società dell’intrattenimento denigra la genialità e produce solo talenti, profondamente conformisti, effimeri, consumabili, usa e getta. La letteratura suggerisce “il libro dell’anno”, il cinema premia i film più avvincenti, l’arte concepisce “ready made” e “happening”, la musica si riduce al “Talent Show”.

In fondo il genio musicale ripudia la televisione, non passa in radio, se ne frega di vendere dischi, vede il mainstream come un tradimento. È la storia di Rino Gaetano, legato alla sua terra di origine, la Calabria, ostile nei confronti delle etichette discografiche, scettico in merito alla sua partecipazione al Festival di Sanremo, ma costretto dalla RCA (casa discografica) a cantare “Gianna” invece di “Nuntereggae più”, come invece avrebbe voluto lui. Quella musica che lui stesso detestava – dopo il festival, pentito, disse: “Sanremo non significa niente e non a caso ho partecipato con Gianna che non significa niente” – ebbe però un grande successo, rimanendo per quattordici settimane nella Top Ten e vendendo oltre 600mila copie. “Gianna”, commerciale, melodica, priva di senso, faceva del genio Gaetano, un semplice cantante di talento, un esecutore, un personaggio d’intrattenimento. Allo stesso modo Fabrizio De André affermava nel 1984 ai microfoni di Mixer: “certe volte mi sentivo inorgoglito, altre volte deluso. Ma sempre in ogni caso un po’ vergognoso a vedermi quasi costretto a sfogliare le riviste specializzate, per scrutare con un occhio quasi da lumaca, fuori dalle orbite, quale posizione avesse ottenuto in classifica il mio ultimo, cosiddetto, prodotto discografico. Perché questo voleva dire che il disco in quanto funzione oggettiva di consumo, aveva assunto un’importanza superiore a quella delle canzoni per le quali viveva, e nelle quali sinceramente mi sentivo di avere vissuto”.

I tempi sono cambiati, gli artisti anche. Ad Alessandro Mannarino, unico ed ultimo erede della cultura musicale degli anni Settanta, si contrappongono i concorrenti di X Factor, i quali, a furia di professarsi trasgressivi, tra tatuaggi, bling bling, spogliarelli, piercing, smanicati, vestiti alla moda, capelli platinati, non fanno altro sacrificarsi sull’altare dell’omologazione. Questa assolutizzazione dell’arte musicale, che di fatto è sinonimo di appiattimento culturale, viene santificata da quattro giudici che non cercano il genio, ma il talento, che non vogliono l’avanguardia ma l’imitazione. Mai come nei Talent Show il critico d’arte si è trasformato nel portavoce dell’industria culturale che inserisce lancia nuovi prodotti nel mercato discografico.

Fonte

Il nuovo ordine dell’Europa: distruggere ogni differenza

rrrrrsrrr-srsr_7e8ea4aeb8

di ida Magli

All’inizio degli anni Novanta le scienze umane sono state fatte sparire dall’orizzonte dell’informazione di massa, semplicemente con il silenzio, non parlandone più \. Dato l’enorme entusiasmo che avevano suscitato nel periodo che va dalla fine della Seconda guerra mondiale fino agli anni Novanta, il fatto che nessuno abbia fatto rilevare questa sparizione sarebbe «strano» se non rappresentasse la conferma che la sparizione è stata voluta.

 Le cattedre ovviamente sussistono, ma le loro scienze non fanno più notizia \. Contemporaneamente sono state eliminate dalle scuole, per ordine dell’Ue, antiche, nobilissime e essenziali discipline come la geografia, la letteratura latina e greca con le lingue corrispondenti, riducendole tutte a fantasmi, innocui brandelli di un sapere inesistente. Perfino la storia, privata di tutti i contributi metodologici di cui l’epoca moderna l’aveva arricchita, sembra diventata un residuo d’altri tempi, impotente a dare agli uomini quella consapevolezza di se stessi che ne è il frutto principale, conquista fondamentale della civiltà europea. Anche questo è stato deciso e messo in atto nel più completo silenzio.

Sembra di vivere in una società di analfabeti, dove nessuno è in grado di valutare e di esprimere un giudizio su simili provvedimenti. Eppure anche soltanto il corpo insegnanti italiano (ma il decreto riguarda tutte le scuole dell’Ue) è costituito da circa un milione di persone. Come mai non hanno protestato, non hanno espresso il loro parere su una decisione così grave? Di fatto i governanti, provvedendo a educare tutti con le scuole di Stato, hanno dettato anche il tipo di insegnamento cui i sudditi debbono essere sottoposti, tipo d’insegnamento che possiamo riassumere nel dato che segue: gli studenti debbono studiare in modo da non imparare nulla, o quasi. Per prima cosa non debbono imparare a «pensare», a che cosa serva «pensare», a che cosa serva «conoscere»; di conseguenza, debbono imparare tutto senza imparare nulla su di sé, sulla propria vita, sul proprio ambiente, sul proprio gruppo, sulla propria storia, sulle istituzioni e sul potere che le regge. Sembra evidente che tutto questo sia stato programmato in vista dell’ideologia di chi comanda in Europa, o almeno di quello che si suppone sia questa ideologia: l’omogeneizzazione mondiale, la formazione di persone tutte uguali: i «cittadini del mondo».
È obbligatorio, pertanto, insegnare ai ragazzi quale sia la verità sul sesso stabilita dal Potere. Non quella che il bambino vede, sente, tocca su di sé da quando è nato, quella della natura che ha fornito il pene e l’utero per la prosecuzione della specie, Dna diversi fra maschi e femmine, così come ha fornito gli occhi per vedere, i polmoni per respirare, ma quella del gender (termine che non viene mai tradotto vista la sua ambiguità). Che poi è ovviamente quella imposta dagli omosessuali «maschi» e che l’Italia ha approvato: si è maschi o femmine, o anche trans, se l’individuo crede o pensa o desidera, o «sente» di esserlo. Il Consiglio d’Europa ha fornito la traccia obbligatoria per tutti. Al Policlinico di Bari si effettuano cambiamenti di sesso con 170mila euro a intervento forniti dalla Regione Puglia, stanziamento che naturalmente serve a incrementarli. Perché si vogliono rendere più frequenti e «normalizzare» i cambiamenti di sesso caricandone la spesa sulle spalle della società? La spiegazione va cercata nel loro desiderio di integrazione. Le tecniche chirurgiche odierne facilitano questo scopo, anche se si tratta di operazioni di per sé molto complesse, e che lasciano sempre, o quasi sempre, conseguenze negative fisiche e psicologiche.
Una cosa, però, la si può dedurre con sicurezza da questi comportamenti: nella direzione di senso impressa all’Europa dal Laboratorio per la Distruzione l’uguaglianza finale non sarà soltanto quella delle idee, della lingua, della religione, della Patria, ma anche fisica. L’uguaglianza che si persegue, però, è il più possibile «indistinta», di cui il modello è il «trans» \. Quello che abbiamo davanti oggi, dunque, in Occidente, è il mondo della non-forma che pretende di diventare modello prevalente sulla forma. È ciò cui tende il Laboratorio per la Distruzione: nulla è più debole della non-forma. Come è ovvio, sul grigio cui si sta riducendo l’Europa, debolissimo di per sé, vincerà il «nero».
Si tratta, dunque, di preparare i giovani a non appartenere a nulla, a non identificarsi in nulla, a non sapere orientarsi sessualmente ma anche geograficamente, come è stato affermato con semplicità eliminando la geografia dagli insegnamenti scolastici: a che servirebbe visto che il pianeta appartiene a tutti? Perfino della psichiatria e del problema dei malati di mente, di cui si era discusso in Italia con grande passione dal ’68 in poi a causa delle teorie di Franco Basaglia sulla necessità di chiudere i manicomi e di liberare i pazienti da una vita presso a poco carceraria, adesso non si sente più parlare. Non esistono più malati di mente? Come si curano? Come se la cavano i parenti nell’assisterli? Non lo sappiamo. È evidente che l’informazione in proposito è stata messa a tacere.

Fonte

Gli olocausti non sono quel che pensate. Ma Prodi ci è andato vicino

Immagine

di Liliane Tami

Prima di iniziare tale discorso sul genocidio è bene fare una parentesi per spiegare le differenze semantiche che vi sono tra questo termine, oramai inflazionato, e la parola Olocausto. Queste due parole sono troppo spesso confuse, quando invece un’analisi corretta dei fatti richiede la più totale precisione nell’uso dei lemmi.

Secondo la Bibbia l’olocausto è un sacrificio che avviene tramite combustione di un corpo da immolare a Dio. Gli olocausti presenti nella Torà avvengono solo ed eslusivamente attraverso il rogo di piante ed animali, in quanto Dio sembra apprezzarnel’odore. Inoltre, il termine Olocausto deriva dal greco “ Olos ( tutto) e “kaustos”, che appunto significa “bruciato”. Nell’attuale tradizione cristiana cattolica, gli olocausti vengono frequentemente perpetuati tramite l’accensione di aromi, spezie ed incensi. Nell’ultimo secolo, soggiogato al post-moderno, la questione linguistica ha iniziato ad attenersi sempre meno alla vera valenza semantica dei termini per riscoprirne un uso più estetico.

Proprio attorno a quest’impossibilità di tradurre esattamente un termine-segno con un preciso concetto ha a lungo dibattuto Quine, il filosofo del linguaggio per eccellenza, nei suoi studi presenti nel testo “ Parola ed oggetto” ha fatto venir meno il rapporto di differenziazione che vi era tra metafora e significato reale. Così, da questa rivoluzione estetica del linguaggio, liberato da un rapporto biunivoco ed imprescindibile con la realtà, si è iniziato ad usare il termine olocausto anche per designare, in modo scorretto, esplosioni, incendi, roghi e quant’altro avesse a che fare col fumo e col fuoco. È per questo che, attualmente, i ragazzi dei licei devono patire la beffa di leggere nei loro libri titoli come “L’olocausto di Nagasaki” o l’”Olocausto degli Armeni ” o “Olocausto degli Ebrei e dei testimoni di Geova” senza che venga loro spiegato chiaramente che si tratta di metafore.

Sì, questi eventi hanno portato certamente dei dolori, delle macerie e dei roghi di carne, ma una sana pignoleria mi costringe a ribattere dicendo che no, il significato esatto del termine olocausto implica la totale e completa carbonizzazione della vittima da immolare. Il ridurre un singolo cadavere ai suoi elementi di base, ossia gas e frammenti ossei, è un usanza atavica che si ritrova da millenni in Asia e che di recente è stato importato nel mondo cristiano cattolica. Durante la seconda guerra mondiale molte spoglie umane, sia di tedeschi che di altre popolazioni, per una questione numerica ed igienica sono state sottoposte a cremazione anzichè ad inumazione. Ciò ha recato particolare scandalo solo presso i popoli giudaici e i testimoni di Geova, perchè la loro tradizione afferma che i corpi debbano essere inumati integri, al fine di poter risorgere dopo l’Apocalisse. Per loro l’offesa morale di non esser seppelliti è immensa, ed è per questo che sono gli unici a lamentarsi così tanto d’aver subito un olocausto.

L’uso del termine olocausto in ambito bellico è quindi utilizzabile solo a patto di sottolinearne la valenza estetica e metaforica . A causa dello scorretto uso tale parola ha perso la sua valenza sacra ed è diventato sinonimo di “eliminazione” e “ genocidio”. Un genocidio è invece la totale e completa estirpazione di un ceppo genetico, etnico e culturale da una data regione. È per questo che , attualmente, è possibile parlare di un tentativo da parte della Commissione Europea di perpetuare un genocidio.

Massimo teorico dell’annientamento genetico delle popolazioni europee è Romano Prodi, che in un ciclo di conferenze intitolato “Disuguaglianze. Perchè?” tenutosi presso l’università di Pavia e alla Bocconi nel mese di settembre 2014 ha ribatito queste sue idee totalitarie. Nonostante il perbenismo imponga di non parlare di pulizie etniche Prodi ha enfatizzato l’importanza di annientare tutte le differenze culturali ed antropologiche che vi sono tra le diverse nazioni europee. Esponendo la sua teoria di annientamento identitario, a partire da un processo di centralizzazione bancaria e politica, perpetuato dalla Commissione Europea e dalla banca Centrale,con la conseguente cancellazione dei confini, l’eliminazione delle tradizioni e la più totale fusione tra le diverse culture, ha esposto il suo progetto di unificazione di tutto il mondo. Il suo programma di pulizia etnica prevede innanzitutto l’estirpazione radicale dei popoli che, avvalendosi del diritto di autodeterminazione voglio lottare in favore di una secessione, come i Catalani, i Bretoni, i Padani e gli Scozzesi. Per perpetuare questo mostruoso crimine contro l’autodeterminazione dei popoli, l’ex presidente della Commissione Europea ha detto che è disposto ad usare ogni mezzo, sia esso burocratico, economico o politico.

Hitler, i califfi e Pol Pot hanno usato il sangue per eliminare le etnie di loro sgradimento. Romano Prodi, con la scusa dell’”Uguaglianza sociale e dell’unificazione”, le elimina mediante il lavoro in ufficio e la propaganda. Dotato di una capacità oratoria degna di Goebbels, Prodi insinua nei suoi ascoltatori il pericolosissimo tarlo del volere annientare le identità etnicamente e culturalmente differenti. Il suo obbiettivo è quello di mischiare tutte le popolazione del mondo, al fine di creare una nuova umanità tutta uguale, priva di identità etniche, orfana di valori e soprattutto priva del proprio patrimonio genetico, culturale edantropologico.

La strategia della Commissione Europea di perpetuare un lento genocidio consiste nell’ibridare le singole identità nazionali le une con le altre tramite l’abolizione dei confini e con la più totale fusione con le altre civiltà, come quella Americana ed Africana. Romano Prodi ha esplicitamente detto che in futuro non dovrà più esserci alcuna forma di disuguaglianza, esattamente come diceva Hitler quando con gioia contemplava le sue conquiste. Anzichè avvalersi del ferro e del fuoco per perpetuare questi crimine contro l’umanità, a scapito delle minoranze di cultura diverse, i partiti europeisti si avvalgono del becero populismo e della promessa di felicità trovabile solamente in un mondo di cittadini tutti iper-tassati, soggiogati all’organo non democratico della Banca Centrale e, soprattutto, tutti identici l’uno all’altro. Per eliminare un popolo, come quello dei Scoti , dei Galli Bretoni e dei Longobardi della Lombardia, bisogna innanzitutto fingere che essi non esistano. In seguito, anzichè far la fatica di metterli nei forni crematori, basta fare un rogo dei loro diritti e delle loro libertà.

Fonte

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 74 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: