Amarsi è un po’ scannarsi

71B

di Pierangelo Buttafuoco

Che cosa si nasconde dietro le vendette che scattano quando una storia d’amore finisce Dipende da come l’uomo prende le donne: c’è il narciso, il debosciato, lo struggicuore

Il peggio delle donne è la vendetta. Quell’amarsi un po’ di maschi e femmine per poi scannarsi finisce in rappresaglia con l’uomo sotto scacco, matto. E’ la pazzia che si mastica tutto in tema di vendetta della donna, quando tutto si rende impossibile – il difficilissimo tornare indietro di due che si sono amati, voluti, desiderati – e il maschio perde il potere. Tutto diventa incredibile: lo spettacolo si fa o-sceno, tutto va fuori scena. E il signore diventa preda della signora, trasformata in una erinni implacabile, votata all’unica evirazione possibile su un etero-macho attempato: togliergli la pace.

E’ la santa pace che l’uomo cerca dopo aver risolto le trappole del desiderio, i doveri e i rantoli della carne di un destino, sufficientemente passabile, di maschio bisognoso di frasche. Ma quel che veramente la donna non perdona al proprio padrone – titolare del marchiatore – è l’averlo perso quel potere di marchiare, perfino il potere di averle tutte, le altre femmine, e perdere lei stessa (quell’unica che dopo avergli concesso ciò che è lecito rinnovando il pudore, adesso gli muove guerra, giusto appunto il contrario della pace).

La prima regola per fronteggiare la vendetta di una donna è, dunque, quella di non darle motivo di vendicarsi. Con le donne il carisma non basta. Il caso del presidente della Repubblica francese fa testo. L’aveva già fatto, testo, Bill Clinton. E con le donne, infatti, ci vuole sensibilità. Non è poi vero che tutto il manicomio di Parigi sia scoppiato a causa della permeabilità digitale dell’epoca. Tanto meno la tragedia accade a causa dei paparazzi che poi fanno gli scatti al capo dello stato sullo scooter, in viaggio verso quella bella figliola, Julie Gayet, dal fianco della quale lui se ne scivola via stupendosi di essere rimasto solo, abbandonato.

Non è dunque per l’impossibilità ormai di nascondersi agli occhi della gente che la signora ha scritto il libro; tutto è accaduto perché non ci si piglia se non ci si rassomiglia, Valérie Trierweiler è identica a François Hollande e il testo del caso è tutto nel loro essere esibizionisti e auto-distruttivi uguali. Lei ha capito di essere finita, lui pure. Lei però può farsi forte di un vantaggio – il peggio – e usarlo: mettendo in atto la vendetta.

Il peggio delle donne è nella deriva sordida degli strepiti e della piazzata, non basterebbero mai gli schiaffi per calmarne l’ira, neppure caricarsi addosso un nuovo maschio può servire; si placano – le donne in piena vendetta – solo quando sentono la fiamma ossidrica saldare la bara di zinco in cui seppelliscono il loro amore.

Gli uomini danno il peggio alle donne. In un’alba d’estate, a Donnalucata, aspettando un autobus ho visto una donna andarsene via da un uomo – quello che le urlava dietro “puttana, torna qua” e lei, inesorabile, che se ne partiva via. Lo lasciava tremebondo, il tapino. Con le lacrime, sudato, febbricitante, lui se ne stava abbracciato al vecchio zio che però in quel sentirsi dire – “come devo fare, zio, come devo fare, come devo fare senza di lei?” – ritraendosi, disdegnato, consolava il nipote dicendogli: “Come, come devi fare? Ti devi sparare. Fai schifo!”. Era lui a dare il peggio a lei.

Il peggio delle donne è un esercizio di fantasia. Ne inventano di nuove, sempre – l’ultimo è l’uso improprio di bestseller – e per l’uomo che incappa in una femmina decisa a portare a termine la vendetta non ci sono algoritmi che possano aiutarlo nelle previsioni e nelle necessarie contromisure. L’uomo è, per sua natura, innocente come il buon selvaggio di Rousseau. Non può cavarsela tra le insidie delle proprie voluttà. E’ sempre fesso. Fa danni senza mai averne misura e consapevolezza. Schiavo delle proprie passioni sa che ogni lasciata è perduta mentre la donna, magnete in assoluto il più potente tra i poli stabiliti dalla vita, sa solo una cosa: doversi accaparrare il deposito cromosomico, il migliore possibile, necessario per perpetuare se stessa. L’uomo se la dà a gambe, capita, ma una volta abbandonata, la donna, abbandona col carico: odia di un odio purissimo perché il più delle volte in quell’amarsi, volersi, desiderarsi, non c’è amore ma solo colpa, la mistica della colpa.

Tutte queste vicende, poi, che riguardano uomini di una certa età e che vogliono mantenere quel senso di onnipotenza, tipico del maschio, finiscono inesorabilmente nel ridicolo perché chi non si rassegna fa fatica a rassegnarsi. E’ la dimensione sociale a far impazzire la maionese, il tema – tutto femminile – di ritrovarsi umiliata, sporcata, dimenticata. E se cautela può soccorrere il maschio alle prese con la pazza vendicatrice l’unica è quella di mettere distanza, a maggior ragione quando sono solo rose e fiori. Paolo Mantegazza, il padre della sessuologia, spiegò un concetto forse grossolano ma vero: il maschio ha a disposizione tremila cartucce. Tremila sparatine – la metafora è legata al pistolino – da dispensare alle donne nell’arco di una vita e culminanti nella regola fissata da un monito, “Il settantino lascia la femmina e si prende il vino”, e gli unici fiori, le uniche rose possibili, sono stabiliti dalla fisiologia.

Tutte queste vicende, insomma, hanno una spiegazione robusta di scienza e di natura. E senza anatemi, ecco, può essere svelata: l’essere umano ha un solo istinto, ed è la sopravvivenza. Forse la ragione può governarlo questo impulso ma, come insegna Platone, “l’uomo sopravvive nel bello”. All’essere umano sono dati due modi d’eternità: o fare figli o incontrare la gloria. Achille non ha figli e vive nella grandezza. Il resto degli uomini, invece, genera. E in tutto questo c’è un fatto. E cioè che la femmina può fare un figlio ogni nove mesi – uno l’anno – mentre il maschio, invece, può ingravidare anche ogni giorno. La femmina, a un certo punto, smette. Il maschio, anche. Meglio: il maschio vede ridimensionare la propria potenza sessuale e ciò è perfino più grave. In quella condizione, infatti, il maschio offre più di un motivo al disprezzo di sé e siccome l’unico vero cosmetico è il Viagra, tutta la segreta gioia maligna dell’evirazione che la donna investe nella vendetta è nel prendersi quel danno intimo per farne un guadagno di pura apparenza. Ridicolizzandolo. Mettendo in mostra – nella pazzia che si mastica tutto in tema di vendetta – il maschio. Accendendo su di lui tutti i riflettori, ma nell’espressione tutta sua e tutta tipica dell’avidità delusa.

Non è poi così automatico che le donne diano il peggio, incontrando il peggio. Certe donne – particolarmente cattive – giustificano quel modo di dire: “Una volta che glielo concedi, il cosiddetto, ci vuole un Carnelutti per farselo ridare indietro”. Il caso che fa testo, attualmente, è quello di Hollande. Ci s’interroga su come un botolo così, proprio brutto, possa avere un carnet di signore così interessanti da cui n’è venuta fuori una – Valérie, fuori di zucca – particolarmente cattiva. Ha lasciato lo charme per adornarsi di spazzatura. Ha abbandonato il ruolo per abbracciare un genere. Nessuno oserà più avvicinarla, mai più un uomo le si accosterà cercandole la mano. E come le vedove dei riti indiani, bruciando il proprio maschio, madame Trierweiler s’è buttata nel rogo. Ed è l’unico risultato della vendetta.

Il caso in questione – Hollande – è certamente quello di un Narciso, la sciagura peggiore in cui può incappare una donna, ma non è ancora il caso limite, questo: quello dell’uomo che ha l’anima di una puttana. E’, infatti, peggio dell’Io-Narciso, quello dell’uomo che ha l’anima di una puttana. E’ un caso interessantissimo, non è Hollande, è l’uomo medio dell’orizzonte post sessuale. E non sappiamo se, per caso, l’acuto Massimo Recalcati lo abbia approfondito ne “L’uomo senza desiderio”.
E’ l’ermafrodito per eccellenza. E’ colui il quale mescola nel proprio io interiore il ruolo di maschio con quello di femmina; colui che mette in atto il perdersi di se stesso, neppure facendo male alla prossima come il seduttore ma devastandosi da sé per poi precipitare negli abissi dei fraintendimenti, delle mutande e delle docce di angoscia dove lo sciacquio di pensieri, bagnati di femmina, lo riduce alla consunzione spirituale. Un po’ come succedeva a Bobby, un cane, quando si smarriva per più di una settimana, per strapazzare e fecondare le cagne della contrada, per poi buttarsi a modo di un morto per giorni e giorni, reclamando solo quiete, silenzio e oblio.

Non è ruolo da commedia all’italiana quello dell’uomo che ha l’anima di una puttana. E’ tragicissimo e con l’impudicizia che scoperchia i tetti delle case per piluccarne i bocconi più ghiotti – al modo dei cuochi con i coperchi delle pentole dove sono messe a cuocere le pietanze – l’uomo che ha l’anima di una puttana fa strame delle donne, dimenticandole, confondendosi nei ricordi, riducendole a una indistinta pappa dove neppure la vendetta può smuoverlo, anzi. Ogni reazione di femmina è un divertimento, un’alzata di spalla e un sorso. Ogni acqua toglie la sete e si sa – il dettato di popolo è antico – il maschio che è di bocca buona, di tutto fa un boccone. Non si sforza nella bellezza, anzi: sguazza nell’overbooking. Entra direttamente in macelleria e se può aiutare a farsi un’idea del tipo, ebbene: l’atmosfera dei quadri di Francis Bacon, grottesca e sbavata, per quanto frocia, è perfetta.

Qui nessuno è il Madame Bovary di nessuno ma se vale il reciproco specchiarsi tra uomo e donna, nel campionario delle vendette serve a far scienza un terzo tipo oltre al Narciso e al debosciato, ed è l’uomo-d’amore dove lo scannarsi è anche quel po’ di argine fatto di menzogne che l’uomo innamorato, il maschio preso da vero e irrimediabile fatto di cuore, pone affinché non venga travolto dal sentimento. L’uomo-d’amore è, per dirla con Silvano Nigro, “lo struggicuore”. Forse, stropicciato in petto, è ancora più un disastro per ogni donna rispetto agli altri tipi, mostrasi sì piacente a chi lo mira – galante com’è – da non lasciare tregua.

E’ forgiato nell’impasto de’ poeti, l’uomo-d’amore. Ed è indispensabile al punto che ogni donna deve fuggirne e siccome tutto ciò che nel mondo ordinario è fuggevole, con lui diventa sublime, solo con lui il virtuosismo dell’illusione coincide con l’apoteosi del vero amore. E ama, l’uomo-d’amore, per sfasciarsi di muto dolore nel momento in cui l’amata lo consegna all’assenza e al silenzio.

Il peggio delle donne è la vendetta. E non c’è peggiore vendetta del silenzio – perfino peggio del perdono, dove tutto torna, ma sotto caricatura. Quell’amarsi un po’ di maschi e femmine per poi perdersi finisce nell’apnea di un vuoto con l’uomo sotto scacco, senza più la propria Regina. La donna consapevole di essere forte, la dea cha sa di essere molto amata (ché molto lo fu e molto lo sarà sempre), sa come doversene andare. Sparisce e l’uomo-d’amore abita la desolazione di un lutto senza tomba. Lei non c’è e lui reclama l’elemosina di un tango, poco meno di due minuti e mezzo di tango dove – senza lei – è proprio difficile capire dove mettere le mani, come muovere i piedi e come disegnarsi in volto un sorriso. Tutto finirà, per dirla con Paolo Conte, “in un gesto timido”. E il reciproco specchiarsi sarà tutto nello “specchio panico”. Nella danza della vanità.

Fonte

L’ unificazione del pensiero nella società

school

di Alessandro della Ventura

 

Il mondo che conosciamo oggi, checchè se ne dica, è un mondo molto meno libero di quello che pensiamo. Tutto ciò che riteniamo opportuno, nella norma, attuabile è filtrato da un subconscio collettivo che viene instillato in noi fin da quando muoviamo i primi passi nella società, momento che può essere rappresentato dall’incontro con la scuola. Quando entriamo nella scuola siamo dei bambini gioiosi, ansiosi di poter esprimere la nostra voglia di vivere e la nostra creatività al prossimo. Ma non appena ci imbattiamo in questa istituzione ci vengono tarpate le ali e la nostra unicità viene vista come un pericolo, come un fattore destabilizzante dell’ordine della società poichè potente oltre ogni misura e incontrollabile. Questo avviene in buona parte con l’inconsapevolezza degli insegnanti che si trovano ad agire per instradare questa moltitudine di ragazzini all’interno di una società che li vuole in un determinato modo: uniformati, senza spirito critico, controllabili e usufruibili per gli scopi del sistema. Gli insegnanti sono assolutamente necessari per la crescita dei bambini, in quanto supervisori e supporto delle famiglie per la formazione di una buona educazione dei futuri cittadini. Ma ‘formazione’ non va intesa nel senso di indottrinamento ma come reindirizzamento delle proprie pulsioni e di tutto quanto possa recare danno al prossimo verso una pacifica convivenza nella società, che può essere perseguibile lasciando libero sfogo alle tendenze personali e alle capacità del singolo e non invece sacrificandole.

Lo scenario che invece si configura è terribilmente rassomigliante a quello che ci facevano vedere i Pink Floyd nella loro celebre canzone “Another brick in the wall”. I ragazzi sono al pari di burattini che vengono del tutto espropriati della loro personalità, costretti a rispondere alle esigenze del sistema. Ridotti a semplici ingranaggi di un’enorme macchina il cui unico scopo è andare avanti nella produzione fregandosene dei dettagli, di tutto quello che c’è al di sotto e che realmente muove il mondo. Così afferma Martha Nussbaum, una tra le filosofe più influenti nell’etica e nella pedagogia contemporanea: “in un mondo che obbedisce alle leggi del mercato, anche la scuola si è dovuta ‘adattare’. L’importante, secondo la concezione della scuola di oggi, non è fornire agli studenti gli strumenti necessari per riflettere e per interrogarsi sul mondo, ma è far andare avanti un sistema a un ritmo sempre più sfrenato. Oggi il sistema scolastico è diventato una sorta di fabbrica che sforna giovani ingegneri, economisti, tecnici, pronti a inserirsi nell’ingranaggio infernale del sistema capitalistico odierno.”

Da tutte queste considerazioni si evince come il sistema scolastico sia il punto nodale attraverso cui è possibile avviare una definitiva inversione di tendenza e ricostruire un nuovo modo di concepire gli altri e il mondo che ci circonda.

Ma un altro errore che troppo spesso in questo periodo si compie è di concepire un modello giusto ed egualitario di società in quanto “omologazione” e abbattimento delle alternative possibili, in modo da appianare le differenze e dare l’impressione che sia tutto in ordine e equamente distribuito.

E’ esemplare quello che sta accadendo in campo politico-economico. Sta sempre più emergendo una tendenza globale, fondamentalmente di stampo capitalista neoliberale, che tende a soppiantare tutte le strade “non convenzionali” e a far apparire il modello di società odierno come l’unico possibile e in cui non può essere apportato alcun cambiamento, pur essendo evidente la sua imperfezione. Citando il professore di filosofia Diego Fusaro: “Il sistema oggi non dichiara la propria perfezione ma si fa vanto della propria imperfezione non pronunciandosi sulla possibilità di trasformazione” e ancora il primo comandamento del modello sociale appare come “Non avrai altra società all’infuori di me”.

Quella che potrebbe sembrare una visione universale, neutrale, aperta alla possibilità di scelta e autodeterminazione delle altre culture in realtà cela in sè una prospettiva discriminatoria e particolaristica di ciò che è la vita buona cosicchè le culture minoritarie od oppresse sono costrette ad assumere una forma estranea. Questo è stato individuato in modo lungimirante dal filosofo canadese Charles Taylor: “la presunta società equa e cieca alle differenze non solo è disumana (perchè sopprime le identità) ma è a sua volta, in modo sottile e inconscio, fortemente discriminatoria. [...] l’idea stessa di un simile liberalismo potrebbe essere una sorta di contraddizione pragmatica, un particolarismo mascherato da universale.”

Un altro esempio di questa tendenza a soppiantare ogni via centrifuga dall’opinione unica e dominante è il continuo ridimensionamento del ruolo della filosofia e dell’arte nell’istruzione. Entrambe infatti aprono le menti alla creatività personale, permettono di esprimere pienamente la propria unicità e trascendono il concetto stesso di giusto e sbagliato, normale o meno secondo l’opinione comune.

Il processo di unificazione del pensiero irrompe con la globalizzazione che, dietro l’illusione di farci sentire più vicini al di là delle distanze geografiche, ci sta rendendo tutti uguali senza una cultura, valori, senza spirito critico. Invece di permetterci uno scambio proficuo di rapporti interculturali ci sta abbassando tutti sullo stesso piano, ossia spersonificati, costretti ad osservare il mondo che ci circonda attraverso una lente che ci viene imposta e costruita ad arte. Dobbiamo invece imparare a rivalutare il potere intrinseco dell’individuo in quanto persona unica e inimitabile, che è speciale proprio per la sua ‘diversità’ e per la sua capacità di manifestare la propria essenza in base alle sue aspirazioni.

Il mondo è bello proprio perchè è vario. Ricordiamolo sempre.

Fonte

Internet, sensi (pochi) e controsensi (tanti) della nostra epoca

I-forgot-my-phone’-by-Charlene-deGuzman

di Mario De Maglie

Trasformare le tragedie in farsa, perdere il confine tra il personale ed il collettivo, convincendosi che il personale sia collettivo e di interesse comune e il collettivo personale e di propria competenza, questa è (anche?, soprattutto?) la nostra epoca. Basta guardare un tg, sfogliare una rivista, girare in rete e abbondiamo di significati svuotati e vuoti riempiti di nullo significato. Che epoca bastarda quella in cui viviamo, si puó dire? Concedetemi l’espressione.

Se guardiamo al generale, molte notizie vengono ripetute all’infinito, rimbalzando a destra e sinistra sui social network e sulle varie testate online, poi, di punto in bianco, scompaiono e si è già presi da quella successiva, questo relativamente indipendentemente dalla notizia in sé. Ce ne sono alcune per cui sarebbe importante poter avere degli aggiornamenti, viene meno misteriosamente la frequenza di quando l’evento è esploso e aveva il vantaggio del nuovo e del manipolabile (in seguito “qualcuno che ha tempo da perdere” può avere il capriccio di approfondire e farsi una idea diversa da quanto riportato dai soliti media).

Fukushima, la Libia, la Siria, l’Ucraina, per citarne alcuni, chi ne parla più con la stessa intensità degli inizi? In alcuni casi chi ne parla più? Nei peggiori, chi se ne ricorda più? Gaza, sotto attacco israeliano, balza giustamente in primo piano, ma la vita dei palestinesi  anche in tempo di “pace”, è sempre da prima pagina per le condizioni indegne a cui è sottoposto un popolo nella sua quotidianità.

Eppure le vicende raccontate non si fermano, ma continuano. Storie di violenza, sopraffazione e incuranza della salute pubblica producono tutt’ora delle conseguenze, ma sembriamo non rendercene conto.

Si creano le opinioni e si addestra la gente a considerarle come dati di fatto, il soggettivo si mette in ghingheri e si vanta, da solo davanti allo specchio, di essere oggettivo fino a crederci, convincere se stessi è la chiave per convincere gli altri.

L’indignazione internettiana dura il tempo di una foglia che si stacca dall’albero e raggiunge terra, la pianta ne è ricca e in un autunno perpetuo, al comodo della nostra panchina, fatta di tablet, pc, telefonini intelligenti e qualche cartaceo che ancora resiste, aspettiamo la prossima cadere.

Se guardiamo al particolare, al noi composto dalla gente comune, l’ atteggiamento con il quale possiamo condividere le nostre notizie di vita, seppure esse abbiano ricadute, nella maggior parte dei casi, decisamente più blande e meno tragiche rispetto agli eventi mondani, prolifera di similitudini con quanto scritto in precedenza. Apprendiamo un ben definito modo di vivere o meglio di apparire. Quel che è importante ora non lo sarà più domani, quel che ho ora, non mi basterà più domani.

Online pubblico e privato giocano a scambiarsi continuamente i ruoli, proprio come due bambini i cui genitori si siano assentati, fidandosi troppo della loro capacità di autoregolarsi e autoregolamentarsi e al ritorno neanche loro saranno più in grado di distinguere la prole.

L’antropologo statunitense Edward Hall, con le sue ricerche sulla prossemica, ha delimitato le aree interpersonali (spazi fisici) in cui un individuo vive e interagisce. Egli individua quattro diverse distanze dall’altro a cui una persona risponde regolando la propria comunicazione: la distanza intima (0-45 cm), la distanza personale (45-120 cm) per l’interazione tra amici, la distanza sociale (1,2-3,5 metri) per la comunicazione tra conoscenti o il rapporto insegnante-allievo, la distanza pubblica (oltre i 3,5 metri) per le pubbliche relazioni.

L’area intima, ossia l’area nella quale l’individuo permette la vicinanza di un’altra persona o altrimenti si sente da essa invaso, è di soli 45 cm, ciò vuol dire meno di un braccio sollevato a mezz’aria. Chiunque valichi la soglia è nostro intimo o è ospite sgradito. Non ci sono definizioni per esprimere il concetto di intimità, essa è nel profondo di ognuno, se portata a galla con le parole può già divenire altro da noi. L’intimità non si (con)divide, si conquista e si difende.

Se fisicamente quindi abbiamo dei limiti a cui il nostro corpo risponde, la “mente-online” di ultima generazione (i telefonini saranno pure intelligenti, ma non necessariamente l’aggettivo va usato su chi li utilizza) si sta abituando pericolosamente a non averne, per cui intimo, personale, sociale e pubblico diventano un guazzabuglio, salvo poi retrocedere quando non ci si relaziona più virtualmente, ma dal vivo, allora vecchie difese e sano senso del pudore e del limite hanno la loro rivalsa, non c’è l’etere o un nickname a rappresentarci, ma “solamente” quel che siamo. Su internet leoni, dal vivo barboncini o poco meno.

Battaglia feroce quella tra i sensi ed i controsensi che ci legano al nostro vivere in un’epoca che ha stravolto i confini fino a pretenderne quasi la soppressione come logica conseguenza.

Fonte

Per il diritto di voto all’ Orsa Daniza.

funny-bears-doing-human-things-1

di Uriel Fanelli

Da qualche giorno su Feedly mi arrivano ste cose sull’ orsa trentina che avrebbe scatenato un dibattito sulla sua cattura, e se i primi giorni la ignoravo, piano piano , persistendo la notizia, ho cercato di capire che diavolo succedesse in Italia. Di mio, avendo abitato nel mezzo di un bosco sull’ Appennino ( invece qui vicino a Neandertal difficilmente incontrero’ animali selvatici) , conosco gia’ tutte le stronzate inventate dall’uomo di citta’ che esce in un bosco.

L’uomo di citta’ che esce in un bosco tende a presentare la sua gita domenicale, o la sua uscita per funghi, come “l’eterna lotta tra l’uomo e la natura” (ah! la tauromachia!) e quindi ha gia’ per se’ la tendenza a rappresentare un territorio antropizzatISSIMO come una specie di Jungla ove si lotta corpo a corpo con animali pericolosissimi.
 
L’animale piu’ pericoloso che possiate trovare in un bosco alpino o appenninico e’ il cretino. (Cretinis Cretinis Urbanis)  Questa specie ha un complesso rituale di accoppiamento che consiste nel vantarsi di fronte alle femmine delle cose piu’ improbabili. Avventure che  succedono loro mentre fanno cose tutto sommato poco pericolose, tipo andare a pesca, andare a caccia, uscire per funghi, passeggiare, andare a gettare i rifiuti, fare riunioni coi colleghi.
 

Una delle strategie di accoppiamento piu’ funzionanti e’ quella di raccontare la lotta corpo a corpo contro pericolosissimi animali selvatici, incontrati appena fuori Sasso Marconi. Nella zona ove vivevo normalmente c’erano, se non ricordo male i racconti sul Resto del Carlino, Caprioli Ninja (Capriolis Sicarii Levantis)  capaci di distruggere una fattoria e diversi ettari di coltivazione in pochi attimi. Per tacere dei Tassi Giganti (Taxus Vino Veritas )  :i tassi che sfasciavano i miei sacchi dei rifiuti avevano la normale dimensione di un tasso. Forse erano quelli piccoli, mentre quelli del Resto del Carlino erano sempre tassi alti due metri, che pesavano tre tonnellate e aprivano automobili come fossero simmenthal. Le volpi normali sono animaletti poco piu’ grandi di un gatto e fuggono quando vi vedono, almeno sono sempre fuggite quando il mio cane abbaiava. L’ uomo del Resto del Carlino incontra regolarmente volpi ferocissime ( Vulpii Vietkonghis Schwarzeneggeri)  che sbudellano il suo cane, normalmente un terranova cingolato.  Perche’ il cretino gira in citta’ con un Pitbull Panzer T-Rex, ma l’animale pericoloso e’ la volpe.

Ogni volta che la lobby dei cacciatori voleva il gusto di sparare qualche colpo in piu’, iniziavano a fioccare sul resto del carlino  storie che testimoniavano la NECESSITA’ di piu’ cacciatori per “regolare” la popolazione di animali ferocissimi che giravano tra i grattacieli di Porretta Terme distruggendo ogni cosa, tipo il Capriolo Godzilla (Capriola Japanica) e il Cinghiale Bulldozer (Suis Droga Droga) O giu’ di li’.

 
Per cui, sia Resto del Carlino che Gazzetta dell’ Appennino mi avevano gia’ abituato ad eroici corpo a corpo con lo Scoiattolo Fremen (Scoiaptolis Arrakis ), ad eroiche lotte di trincea della famiglia bolognese contro orde di Calabroni Bombardieri (Calabronis Tupolievis) , sino ad incontri col mistico Cinghiale Leviatano ( Cinghialis Fantasius Quinquitonnellatis) , che si distingue dagli altri per essere grande quanto un elefante ipetrofico. ( A sua volta avvistato dalle parti di Castel d’Argile, se non ricordo male  un esemplare di  Elefantis Magno Lambruschis).
 
 In realta’ si trattava di famiglie che hanno intravisto uno scoiattolo (piu’ spesso un ghiro) su un ramo, sono state punte da un calabrone e, tornando a casa la sera, coi fari della macchina hanno inquadrato il sedere di un suino selvatico.
Cosi’, non mi stupisce leggere del cercatore di funghi che fa corpo a corpo con l’ Orsa di Satana ( Ursus PacificRimmis AlQaedis ). C’e’ solo un distinguo: sul mio pianeta, quando fate corpo a corpo con un’orsa, il racconto del “momento magico” sta sull’autopsia. Se potete raccontarlo alle signore dei salotti che frequentate, allora durante il corpo a corpo …. uno dei corpi non era sul posto.(sempre che non vi chiamiate Michele Strogoff).

Leggi il resto dell’articolo

Grazie a Renzi, anche l’Eni potrebbe lasciare l’Italia

Renzi

Quello di Monti era il governo della Goldman Sachs. Quello di Letta, il nipote, era il governo dell’Aspen Institute. Per dire che erano entrambi molto orientati a fare gli interessi della finanza anglo-americana. Non a caso il governo Monti realizzò lo scorporo della Snam, che gestisce la rete di distribuzione del gas in Italia, dalla holding Eni. Una richiesta che era venuta «non soltanto dagli esponenti della canaglia liberista in Italia (legati mani e piedi agli ambienti di Wall Street e della City) ma anche da azionisti dell’Eni come il fondo di investimento americano Knight Winke, che si era assunto il ruolo di assillare il governo con tale questione che poi Monti aveva finito per risolvere a suo modo all’inizio del 2012». Anche Matteo Renzi, che nel 2009 il settimanale americano “Time” aveva definito “l’Obama italiano”, si è mostrato fedele alla linea “atlantica” e ha avviato le grandi manovre per mettere in vendita quote azionarie di società sotto controllo pubblico come Eni, Enel, Poste, Finmeccanica e Fincantieri, ma anche Enav, Cdp Reti, Rai Way e Stm.

In particolare, scrive Giuliano Augusto su “Rinascita”, Renzi è intenzionato a vendere una quota del 5% di Eni ed Enel portando in tal modo la quota pubblica dal 30% al 25%. Attualmente l’Enel è controllato dal Tesoro con una quota del 31,244% mentre l’Eni è controllata al 26,369% dalla Cassa Depositi e Prestiti (il cui principale azionista è il Tesoro con l’80,1%) e dal Tesoro con il 3,94%. Collegata a queste operazioni c’è la questione dell’Opa obbligatoria che il Pd al governo vorrebbe fare scendere al 25% dall’attuale 30%, mentre il relatore del provvedimento alla Camera, Massimo Mucchetti, voleva portarla al 20%. Il che avrebbe obbligato il Tesoro e la Cassa Depositi e Prestiti a vendere la quota azionaria eccedente quella percentuale, sia che si tratti di quota diretta (Tesoro) che indiretta (Cdp). Obiettivo: tutelare «gli interessi esteri anglofoni». Renzi? «L’uomo giusto al posto giusto». Per la prima volta, nell’ente fondato da Enrico Mattei come leva strategica della rinascita italiana nel dopoguerra, i soci privati stranieri sono diventati maggioritari: potrebbero essere le premesse per trasferire l’Eni all’estero, «tanto per gettare le premesse di un futuro assorbimento da parte di un colosso concorrente come l’americana Exxon».

«La linea di Renzi – scrive Augusto – è in buona sostanza quella di trasformare Eni, Enel e le altre società a controllo statale in “pubblic company”», società ad azionariato diffuso «nelle quali non ci sia più un socio di riferimento ma dove i tanti soci privati eleggano di volta in volta gli amministratori». Così, addio Eni sullo scenario internazionale, con buona pace di «qualsiasi possibilità dell’Italia di avere una politica energetica autonoma in Europa e nel mondo». Questa sarebbe la risposta dell’“amerikano” Renzi alle critiche venute dagli europei “atlantici” e dagli stessi Stati Uniti per l’eccessiva “simpatia” italiana verso la Russia di Putin? Il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, ha stimato in appena 10 miliardi il ricavato delle privatizzazioni (svendite). Soldi che sarebbero usati per coprire una parte irrisoria dell’enorme debito pubblico italiano. Tra le cessioni, la vendita a gruppi cinesi del 49% di CdP-Reti, società che controlla appunto la Snam. «Tra americani e cinesi cambia poco. Continua la colonizzazione del nostro paese».

Fonte

Il mercato immigrazionista e la solita pappa del cuore

Lampedusa, sbarco immigrati clandestini dalla Tunisia.

di Alessio Mulas

È apparso di recente un documento del Migration Policy Centre dell’European University Institute, intitolato «Is what we hear about migration really true? Questioning eight stereotypes»[1], che esamina i presunti stereotipi che il solito popolino, cattivo e ignorante, ha sul tema dell’immigrazione. Lo studio, che ha avuto ampio seguito sui giornali dell’Europa intera, non porta niente di nuovo a un dibattito che sempre più si rivela sterile: snocciola qualche banale quanto necessaria confutazione dei luoghi comuni anti-immigrazionisti, servendo il piatto con la solita salsa buonista e un’apparente scientificità. Sebbene sembri riuscire nell’impresa, basta scorrere il documento curato dal MPC per accorgersi che i veri problemi riguardanti l’immigrazione sono tacitamente ignorati.

Da queste pagine siamo più volte tornati sull’argomento. In particolare, abbiamo proposto una interpretazione del fenomeno migratorio come spostamento di incertezza[2]. Questa costituisce, insieme al fattore tempo, la cornice dell’azione umana. Non avere certezza sul futuro, essere preda del dubbio riguardo all’esito delle proprie attività e subire l’inutilità della propria conoscenza a causa della mutevolezza del presente sono costanti della modernità. L’immagine della liquidità, proposta da Bauman, è calzante: tutto scivola, inafferrabile. A ciò si aggiunge l’inflazione di aspettative che la cittadinanza ha verso la politica, aspettative che solo un Pericle potrebbe conciliare e soddisfare.

Ma all’orizzonte non vediamo dei Pericle. L’immigrazione rappresenta uno spostamento di incertezza (prevalentemente economica) da Paesi sofferenti verso Paesi forti. Insieme all’incertezza economica, arrivano anche nuove ed eterogenee aspettative, le quali vanno ad aggiungersi al già difficilmente governabile “mercato delle aspettative e delle idee”. La stessa ethnoscape, caos informe di nativi, turisti, gruppi in passaggio, lavoratori e professionisti stranieri, immigrati e rifugiati, è il primo simbolo del crollo dell’identità culturale di una nazione o di una civiltà, perché — promuovendo un’economia globalizzata e una cultura globalizzante — mina all’omogeneità identitaria di un Popolo, creando nuova incertezza culturale. Si istituisce una classe di uomini senza identità, sempre più schiavizzata e facilmente governabile dal capitale.

Oltre all’aspetto economico e culturale del problema, c’è quello strategico e geopolitico. Nel primo dopoguerra, il teorico militare inglese Liddell Hart descrisse un approccio indiretto alla guerra (e ricordiamo che per guerra non si intende solo lo scontro effettivo, l’atto del combattere, ma anche quel «tratto di tempo in cui la volontà di combattersi è sufficientemente nota»[3]), che consiste nel colpire l’avversario senza affrontarlo direttamente, cioè colpendone le industrie, le attività economiche e le reti di comunicazione, il piegandone il morale[4].

L’immigrazione (legale o meno) è così interpretabile come strategia indiretta volta a innestare in un Paese nuove aspettative, che vanno a modificare in una direzione le linee generali di politica estera, le attività culturali, l’apparato produttivo del Paese che ne riceve gli effetti. Chi trae beneficio dall’immigrazione è la classe politica inetta dei Paesi dai quali si emigra: la diminuzione della pressione demografica porta sollievo ai conti pubblici; l’abbassamento dell’incertezza garantisce i responsabili economici e politici del fallimento di un Paese dalla pericolosità delle masse. Se masse ad alto grado di incertezza si spostano, diminuisce il rischio di una reazione — poco importa se democratica e culturale o violenta e furiosa — contro gli inetti politici locali o le industrie straniere che sfruttano i territori. Ogni difesa del fenomeno migratorio affranca dalle inemendabili colpe i veri responsabili dei fattori (povertà, carestie, guerre) che hanno portato allo spostamento di uomini. Nessun sistema, sia esso socialista o liberale, è invulnerabile allo spostamento dell’«esercito industriale di riserva» (Marx) o impermeabile alla teoria politica.

E nella teoria politica non deve trovare spazio quella «pappa del cuore» (Hegel) propagandata in modo martellante, a suon di lacrime, dai mezzi di informazione italiani. Nella strategia indiretta immigrazionista è osservabile la nascita di un “mercato del migrante”, di un cartello politico dell’immigrazione, del tutto simile alle dinamiche del commercio di petrolio e materie prime. Tale politica, attraverso lo spostamento della riserva di manodopera, «costringe di fatto i Paesi riceventi a costi di produzione, dati i salari medi (dei migranti regolari o irregolari qui poco importa) a permanere in filiere produttive a bassa produttività, che verranno prossimamente attaccate o sostituite dai Paesi Terzi in fase di industrializzazione»[5]. Secondo il quarto rapporto «Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia»[6], promosso e curato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, gli stranieri occupati sono 2.355.923; «a fronte della diminuzione del numero di occupati italiani di 500 mila unità nell’arco di appena dodici mesi, aumenta il numero di occupati stranieri di entrambe le componenti UE ed Extra UE per complessivi +21.875 lavoratori». Andatelo a dire al signor Rossi: gli immigrati “non ti rubano il lavoro”, come affermerebbe con abietta convinzione il documento del Migration Policy Centre.

Nel frattempo, l’Operazione Mare Nostrum, ribattezzata Mare Mostrum, continua a donare l’illusione che l’Europa e l’Italia possano accogliere tutti coloro che hanno bisogno. Ieri, 20 persone sono morte durante un naufragio al largo di Al Khums, a 100 chilometri a est di Tripoli. Kassem Ayoub, portavoce della Marina libica, ha reso noto che 22 clandestini, aggrappati a ciò che restava della barca, sono stati messi in salvo.

Negli ultimi 25 anni sono 20mila le persone morte durante il viaggio clandestino verso l’Europa. La tragedia si può fermare solo con una visione chiara del fenomeno migratorio, acquistando consapevolezza che lo spostamento di incertezza e l’inflazione delle aspettative sono difficili da governare e vanno a danno di chi è già debole. Senza la perversa pappa del cuore.

 

[1] http://cadmus.eui.eu/bitstream/handle/1814/31731/MPC_2014_FARGUES.pdf?sequence=1
[2] http://www.lintellettualedissidente.it/perche-limmigrazione-e-coeva-al-capitale/
[3] T. Hobbes, Leviathan, XIII cap.
[4] B. Liddell Hart, Paride o il futuro della guerra, introduzione di Fabio Mini, Editrice Goriziana, Gorizia, 2007.
[5] M. Giaconi, Dall’influenza economica al rischio jihad. L’Immigrazione elemento di strategia indiretta, Gnosis 2/2009.
http://gnosis.aisi.gov.it/Gnosis/Rivista19.nsf/servnavig/19#(14) (30 giugno 2013)[6] http://www.integrazionemigranti.gov.it/Attualita/News/Documents/IV_RAPPORTO_MDL_ITA_ENG_ALTRELINGUE/IV_Rapporto_annuale_MdL_immigrati_2014.pdf

Fonte

“Per l’Italia si avvicina la fine”, e Rcs silura De Bortoli

ferruccio-de-bortoli-lascia-il-corriere-della-sera

Qualcosa di esplosivo sta accadendo nei piani alti del mainstream italiano: a rompere il tabù, prospettando l’arrivo della famigerata Troika, il triumvirato tecnocratico composto da Commissione Ue, Bce e Fmi, è stato il direttore del “Corriere della Sera” Ferruccio De Bortoli. «Il direttore del “Corriere” ci descrive lo scenario che ci aspetta il prossimo autunno», avverte Cesare Sacchetti, «quando vedremo realizzarsi le peggiori nemesi nella manovra economica, che prevederà un probabile prelievo forzoso sui conti correnti». Sarebbe la riedizione del 1992, quando l’allora primo ministro Giuliano Amato «decise di approvare questo furto a danno del risparmio dei cittadini italiani». Solo allora «verrà dichiarata la resa ai tecnocrati». E sarà «messo in un angolo» il governo presieduto da Matteo Renzi, «che non ha vinto nessuna elezione democratica ma è stato nominato dal Capo dello Stato». Tutto questo, mentre i signori della Troika faranno all’Italia quello che fecero nel 2011 alla Grecia, che in cambio dei 50 miliardi ricevuti sta privatizzando tutto: sono all’asta «porti, aeroporti, isole e acquedotti».

È questa, scrive Sacchetti su “L’Antidiplomatico”, «la forma più subdola e criminale con la quale il colonialismo finanziario distrugge e depreda gli Stati sovrani, ostaggi di un debito sovrano denominato in una valuta straniera che non possono stampare». Parole profetiche:  «Datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi», disse un certo Mayer Amschel Rothschild. Auspicio «portato a compimento nella moderna Eurozona», dal momento che «gli Stati ex-sovrani sono messi nelle condizioni di una colonia: per poter finanziare la propria spesa devono bussare alle porte dei colonizzatori, che vorranno in cambio la linfa economica degli Stati e prenderanno il possesso monopolistico di tutti i settori strategici di quel paese». L’Italia è già da tempo in vendita, e gli investitori stranieri stanno facendo man bassa dei suoi gioielli, «gentilmente offerti dal governo Renzi», come la Cassa Depositi e Prestiti, Poste Italiane (che dismetterà il 40% della partecipazione pubblica), nonché Eni e Enel, «che potrebbero cedere il 5% delle azioni, come annunciato recentemente dal sottosegretario all’economia, Giovanni Legnini».

Mentre gli italiani provano a godersi quei pochi spicchi di sole di quest’estate anomala, scrive Sacchetti, l’ipotesi che la Troika venga qui nel Belpaese non è più remota. «Il giorno dopo che De Bortoli ha annunciato questo scenario, Rcs fa sapere che non si avvarrà più della collaborazione del direttore. È stato infranto un vincolo di riservatezza, qualcosa che doveva essere taciuto è stato rivelato». Forse il direttore «ha pagato questa delazione», anche se «l’impressione è quella di un Ponzio Pilato che vuole lavarsi le mani del sangue degli italiani e non intende accollarsi la responsabilità morale di un disastro sociale ed economico senza precedenti». Non passano che pochi giorni dalle scioccanti dichiarazioni di De Bortoli che «il Barbapapà del giornalismo italiano, Eugenio Scalfari», fondatore di “Repubblica”, «ci fa dono di una delle sue memorabili articolesse domenicali, dove si augura una venuta della Troika che “deve combattere la deflazione che ci minaccia”».

Per Scalfari, la Troika – proprio lei, la massima responsabile dell’euro-disastro – deve «puntare su una politica al tempo stesso di aumento del Pil, di riforme sulla produttività e la competitività, di sostegno della liquidità e del credito delle banche alle imprese». Scalfari, che non ha ancora digerito la detronizzazione del suo beniamino Letta (con quale cenava, addirittura insieme a Draghi e Napolitano) non manca di inviare un messaggio a Renzi: «Capisco che dal punto di vista del prestigio politico sottoporsi al controllo diretto della Troika sarebbe uno scacco di rilevanti proporzioni, ma a volte la necessità impone di trascurare la vanagloria e questo è per l’appunto uno di quei casi». Parole chiare: caro Renzi, ti è stato affidato un compito ben preciso e non lo stai portando a termine come previsto.

«Questo – scrive Sacchetti – il contenuto del messaggio che Scalfari manda al premier, al quale potrebbe essere dato il ben servito molto presto se non esegue pedissequamente le istruzioni che gli sono state date». E la fine che lo attende, se non “obbedisce”, «è quella dei suoi predecessori Monti e Letta, i quali sono stati gettati via come due scarpe vecchie appena diventati inutili». Nessuna sorpresa: «E’ il meccanismo infernale che ha progettato l’élite transnazionale che detesta gli Stati e i popoli che li abitano, considerati alla stregua di una plebe ignorante priva di diritti», conclude Sacchetti. «De Bortoli e Scalfari sanno molto bene quale sarà il trattamento che attende l’Italia e ne stanno discutendo nei primi giorni di agosto, mese ideale per sferrare l’ennesimo calcio nelle gengive agli italiani, distratti dalle vacanze». Al loro ritorno, «potrebbero trovare ciò che è stato conquistato ieri dai loro padri completamente distrutto nel giro di pochi mesi oggi».

Fonte

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 71 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: