Salva un inuit: spara a un ambientalista

inuit-child-1-e1405440072119

di Luca Carbone

Che la caccia sia sbagliata in ogni sua forma hanno cercato di insegnarmelo Studio Aperto, Barbara D’Urso e il resto della truppa di tritacervello che ho incontrato durante la mia infanzia, eppure non sono mai riusciti a convincermi. Mi portavano argomenti validissimi per diventare un animalista all’acqua e sapone, come gli occhi dolci di qualche cerbiatto accompagnato da un violino strappalacrime, eppure io non riuscivo a vederci più che un animale. Da rispettare, ovviamente, ma pur sempre un animale. Tuttavia, l’idea di cacciare e uccidere specie a rischio, magari minacciate anche dal cambiamento climatico che è tuttora in atto impressionava, in parte, anche un sadico come me. Perciò, quando ho letto sul TIME di giugno che la caccia all’orso polare sembra sbagliata sono stato attirato dal verbo utilizzato, “sembrare”, riconoscendo all’interno del suo significato il mio pensiero ancora “in parte” spietato.

Ed Ou è un fotografo canadese che ha documentato per il mensile statunitense il suo viaggio nella regione inuit del proprio Paese. Qui il governo sottrae i figli a tale minoranza etnica per mandarli in scuole nelle quali viene proibito l’utilizzo della loro lingua o qualsivoglia espressione della loro cultura millenaria che annovera, tra le altre tradizioni, la caccia all’orso polare, “la loro ultima risorsa di sostentamento”. Per migliaia di anni, infatti, gli Inuit hanno cacciato razionalmente questi mammiferi da cui ricavavano pelli, cibo e combustibili senza minacciare l’esistenza della specie in alcun modo. La caccia all’orso è stata poi criminalizzata in ogni sua forma dal mondo occidentale, unico responsabile del surriscaldamento globale (che è una stronzata, NdR) e, quindi, della lenta estinzione degli orsi (che, invece, si estinguono perchè il loro cibo glielo ciuliamo noi, mica perchè vanno alla deriva sugli iceberg, NdR) . È bastato inventare la favola di centinaia di fantomatici bracconieri per non far ricadere la colpa sul resto del mondo. Distrutto il commercio degli Inuit, questo popolo si trova attualmente in uno stato di povertà assoluta, in cui il consumo di droga, l’alcolismo e i tassi di suicidio hanno valori
incredibilmente alti. Gli Inuit non possiedono occhi abbastanza dolci per poter essere aiutati a non estinguersi.

Qualcuno che non fosse uno sregolato del Talebano era finalmente d’accordo con me: il TIME, tra l’altro. Tutto ciò era stupefacente, ma lo era ancora di più il fatto che non fossimo solo Ed e io contro il resto del mondo. Tutto ciò aveva dell’incredibile.

Pierfrancesco Diliberto, in “arte” Pif, è il reporter del programma di Mtv Il Testimone nel quale documenta i propri viaggi in giro per il mondo alla scoperta di altre culture, tra cui anche quella groenlandese. Ad accompagnarlo per una parte del suo soggiorno c’è Robert Peroni, un sudtirolese trasferitosi in Groenlandia che afferma: “Io sono contro la caccia, ma non qui. Loro vanno a caccia per vivere, altrimenti morirebbero”. Pare infatti che da quelle parti la foca sia quasi come il maiale da noi: grassa, grossa, utilizzata al 100% e assolutamente non in via d’estinzione, poiché l’attività venatoria verso questo mammifero è sottoposta a regole ferree che tutti rispettano (infatti non conviene a nessun groenlandese distruggere il perno della propria economia). A tracciare l’unica differenza che sussiste tra foca e maiale ci pensa un groenlandese intervistato “la prima è libera” dice, “mentre quello che mangiate voi passa una vita in prigione. Dovrei essere io a dire che tutto ciò è orribile”. Eppure, dopo venticinque anni di martellamento da parte di Greenpeace “sono tutti contro la caccia alla foca, simbolo della libertà” continua Robert, “È scientificamente provato che anche il pesce soffre, ma nessuno dice niente perché tutti mangiano salmoni e trote, in più il pesce puzza e non fa gli occhi dolci”. Anche in Groenlandia l’economia è stata distrutta, l’Occidente ha deciso per tutti cosa fosse sbagliato e cosa corretto e una cultura di quattromila anni è stata quasi spazzata via. Attualmente tra i Groenlandesi la disoccupazione ha raggiunto percentuali altissime e l’alcolismo è un problema sociale molto preoccupante.

Ma come?! Possibile che un’associazione nobile come Greenpeace sia responsabile di tali danni? Beh, effettivamente pare che di nobile la suddetta associazione abbia ben poco e che sia piuttosto una multinazionale in cerca di potere e denaro. La gestione dei fondi dell’organizzazione non è mai stata trasparente ed è amministrata da più di 40 uffici in cui a decidere sono i maggiori donatori. Nel 1991, Der Spiegel scoprì che in Germania erano presenti numerose società controllate dall’associazione, in modo da pemetterle di mantenere lo status di organizzazione senza scopo di lucro e accedere alle esenzioni fiscali. Nel 1993, usciva un documentario scandalo in cui si sosteneva l’esistenza di conti correnti in cui venivano versati i soldi delle donazioni (300 milioni all’anno circa) accessibili soltanto ai maggiori esponenti di Greenpeace per poi essere utilizzati in operazioni finanziarie non chiare (poco tempo fa sono stati bruciati 3,8 milioni) o, addirittura, per pagare gruppi di eco-terroristi.

Se il pensiero comune antepone orsi e foche agli esseri umani, io li annovero tra le specie cacciabili
e ci aggiungo Greenpeace.

Fonte

Si scrive Renzi, ma si legge Blair (cioè Jp Morgan)

Blair-Renzi-@Europa

Una cena per decidere, una per confermare le decisioni. Primo giugno 2012, primo aprile 2014. Due protagonisti sempre presenti: il presidente del consiglio Matteo Renzi e l’ex premier britannico Tony Blair. Un terzo (presente con suoi rappresentanti) è l’organizzatore, il vero beneficiario dei frutti degli incontri: la banca d’affari Jp Morgan. «Renzi – scrive il quotidiano britannico “Daily Mirror” – è il Blair italiano non solo nelle intenzioni politiche, ma anche nelle alleanze economiche. Un esempio? La Jp Morgan». Riforma delle Province, del Senato, del lavoro, della pubblica amministrazione, della giustizia, del Consiglio dei ministri, riforma elettorale. Protesta Franco Fracassi: «Sta per essere stravolta la Costituzione italiana, quella votata dopo la vittoria sul fascismo e la fine della seconda guerra mondiale, quella pensata per impedire una futura svolta autoritaria nel paese. Così ha deciso il presidente del consiglio Matteo Renzi. Così ha suggerito la Jp Morgan», che ha arruolato proprio Blair tra i suoi consiglieri strategici.

La prima cena, a Palazzo Corsini a Firenze, la banca d’affari statunitense l’ha organizzata il 1° giugno 2012, ricorda Fracassi su “Popoff”: Renzi allora era solo sindaco, ma Jamie Dimon – il patron della Jp Morgan – aveva intuito che sarebbe presto arrivato a Palazzo Chigi. Secondo appuntamento, sempre con Blair, il 1° aprile 2014 a Londra. L’indomani, in un’intervista a “Repubblica”, Tony Blair ufficializza il suo endorsement per il neo-premier: «I momenti di grande crisi sono anche momenti di grande opportunità», ovvero perfetti per «realizzare un programma ambizioso come quello delineato dal nuovo premier italiano». L’amico Matteo? «Comprende perfettamente la sfida che ha di fronte: se facesse solo dei piccoli passi rischierebbe di perdere la spinta positiva con cui è partito». Per questo, «c’è una coerenza tra il suo programma di riforme costituzionali e le riforme strutturali per rilanciare l’economia». La crisi? «Può dargli l’opportunità per compiere quei cambiamenti che sono necessari al paese, ma che finora non sono mai stati fatti per le resistenze di lobby e interessi speciali».

Secondo Blair, Renzi deve ridurre il deficit, fare «le riforme necessarie per cambiare politica economica» e rilanciare la crescita, «non solo per generare occupazione ma anche per portare più denaro nelle finanze pubbliche». Per fare tutto questo, dice Blair, non serve la contrapposizione destra-sinistra, «bensì quella tra giusto e sbagliato, fra ciò che funziona e ciò che non funziona». E avverte: «Se la riduzione del deficit è troppo veloce, la crescita non riparte. Ma se non si fanno le necessarie riforme, il deficit non si riduce. E mi sembra che questo Renzi lo abbia capito benissimo». In un’altra intervista, rilasciata al “Times”, sempre Blair, annuncia: «Il mutamento cruciale, delle istituzioni politiche, neanche è cominciato. Il test chiave sarà l’Italia: il governo ha l’opportunità concreta di iniziare riforme significative». Parola di Tony Blair, pagato milioni di dollari l’anno per fare da consulente a una delle più importanti banche d’affari del mondo, seconda solo alla Goldman Sachs.

Proprio la Jp Morgan, continua Fracassi, è stata formalmente denunciata dalla Casa Bianca come «responsabile della crisi dei subprime» che ha poi scatenato la crisi economica mondiale. «Le banche d’affari – chiarisce l’economista statunitense Joseph Stiglitz – si servono di consulenti come la massoneria si serve dei propri membri». Funziona così: «I consulenti oliano gli ingranaggi della politica, avvicinano i politici che contano alle banche giuste e promuovono presso di loro politiche compiacenti a quelle indicate dalle banche». Sono loro, le super-banche, a dettare la linea ai politici “compiacenti”. E la linea della Jp Morgan, datata 28 maggio 2013, è tristemente nota: nel documento di sedici pagine dal titolo “Aggiustamenti nell’area euro”, la superpotenza finanziaria di Dimon sostiene che dietro la crisi europea ci sono «limiti di natura politica», perché «i sistemi politici dei paesi del Sud, e in particolare le loro Costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea».

Per la Jp Morgan, il problema – in Italia – è rappresentato dalla Costituzione antifascista, che mostra «una forte influenza delle idee socialiste», riflettendo «la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo». Il governo è «debole» nei confronti del Parlamento e delle Regioni, e sconta come un handicap le «tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori». L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro? Questo non piace, alla Jp Morgan, che denuncia come un problema anche «il diritto di protestare se i cambiamenti sono sgraditi». Il gioco è chiaro: la nostra Costituzione, spiega un economista come Emiliano Brancaccio, è temuta dal grande capitale, perché contiene «norme che vincolano la tutela della proprietà privata, che può essere espropriata per fini di pubblica utilità». Con una Costituzione come la nostra, dunque, «il soggetto straniero che viene ad acquisire capitale nazionale spesso a prezzi stracciati non è totalmente tutelato perché potrebbe essere espropriato». Sicché, «dietro la parolina magica “modernizzazione”, spesso pronunciata da Jp Morgan, c’è dunque la tutela degli interessi di chi vuole venire a fare shopping a buon mercato in Italia e in altri paesi periferici dell’Unione Europea». Niente paura: ora se ne occuperà Renzi, l’amico di Tony Blair, cavallo di Troia della Jp Morgan.

Fonte

E bravo Renzi, hai bruciato un milione di posti di lavoro

12

Con 10 miliardi di euro si può creare quasi un milione di posti di lavoro, con stipendi da 1.200 euro netti al mese: perché invece disperdere quella cifra su dieci milioni di persone che un lavoro ce l’hanno già, e a cui 80 euro in più non cambiano certo la vita? Luciano Gallino non ha dubbi: «Al reale cambiamento, Renzi ha preferito lo spot ad effetto, l’impatto mediatico: 10 miliardi per 10 milioni di persone. Rimane impresso nelle menti, ma non cambia le sorti di nessuno». Tutto perfettamente in linea col rigore – per i lavoratori – raccomandato dai “padroni del mondo”, interessati a mantenere alta la disoccupazione: lo stesso progetto del Jobs Act che frammenta e precarizza ulteriormente il lavoro «nasce vecchio di vent’anni», già proposto nel lontano 1994 proprio dall’Ocse, uno dei massimi super-poteri mondiali, quello da cui oltretutto proviene l’attuale ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan.

A colloquio con Giacomo Russo Spena per “Micromega”, il sociologo dell’ateneo torinese denuncia il Jobs Act come un residuato bellico che porta la firma dell’Ocse, cioè «uno dei tanti organismi internazionali che entrano negli affari dei singoli Stati raccomandando sempre flessibilità, concertazione, taglio dello stato sociale». Esattamente vent’anni fa, spiega Gallino, l’Ocse produsse uno studio sull’indice di Lpl, cioè “legislazione a protezione dei lavoratori”, un indicatore di rigidità del mercato. Tesi: più alto è l’indicatore, più alta è la disoccupazione. «Da allora – dice Gallino – molti giuristi, economisti e sociologi hanno dimostrato come lo studio fosse stato scritto scegliendo prima le conclusioni, ovvero l’idea che bisognava smantellare e ridurre la protezione giuridica del lavoro per creare nuovi posti di lavoro, e solo successivamente analizzati i dati che, ovviamente, suffragavano quest’impostazione. In realtà – conclude il sociologo – non c’è alcuna conferma che il taglio dell’indice Lpl possa portare ad aumento dell’occupazione».

Nel 2006, continua Gallino, la stessa Ocse, dopo una serie di risultati, ha ammesso la contraddittorietà del fondamento: l’indice Lpl per l’Italia nel 1994 era superiore al 3,5. Dopo 12 anni, con le riforme delle leggi Treu 1997 (govenro Prodi) e Maroni-Sacconi 2003 (governo Berlusconi), era sceso ad 1,5. Più che dimezzato, eppure «i precari sono diventati 4 milioni». Identica musica col governo Monti: «La riforma Fornero ha seguito la stessa scia». E ora ecco il Jobs Act, a favorire ancora una volta la mobilità in uscita. «Nel 2014 ci ritroviamo con progetti lanciati su scala nazionale nel 1994». Sicché, «l’idea di continuare a perseverare con la medesima tecnica, che ha prodotto l’attuale disastro sociale, è preoccupante». Sintetizzando: con Renzi, «siamo di fronte a un conducente che affronta una strada tortuosa di montagna guardando soprattutto nello specchietto retrovisore: una cosa pericolosa, da non fare».

Precarizzazione “espansiva”, come l’austerity “felice” spacciata dai guru di Harvard e adottata dalla Troika europea? «La precarietà mina la vita di milioni di persone, com’è evidente dagli ultimi 15-20 anni. Distrugge professionalità, costringendo una persona nell’arco di 10 anni a passare da un mestiere all’altro penalizzando esperienze magari indispensabili. E inoltre riduce la produttività del lavoro, come si palesa nelle statistiche. In Italia, culla della precarietà, le imprese ottengono un minimo di profitto e fanno quadrare il bilancio tagliando sul costo del lavoro e puntando sulla compressione salariale dei dipendenti o sulla loro estrema flessibilizzazione». Tutto questo, «invece di investire su tecnologia qualificata, innovazione, ricerca e nuovi settori produttivi: così la precarietà non rappresenta una pessima strada solo per le condizioni di vita dei lavoratori, ma anche per l’economia perché incentiva una strada sbagliata». A questo punto sarebbe fondamentale una vera opposizione. La Cgil? Non pervenuta: il sindacato della Camusso è ormai «appannato».

Fonte

La lobby più potente del mondo

influence-lobbying

di Andrea Baranes

Poteri . L’esercito degli Stakeholder, 60 a 1 per la finanza

Sono 1.700 addetti per un fat­tu­rato di oltre 120 milioni di euro l’anno. Non par­liamo di una mul­ti­na­zio­nale, ma dell’esercito di lob­bi­sti che affolla le isti­tu­zioni euro­pee a Bru­xel­les e della quan­tità di denaro for­nita ogni anno da ban­che e altre imprese del set­tore per soste­nerne le atti­vità. Sono alcuni dei dati rias­sunti nel rap­porto pub­bli­cato il 9 aprile da Cor­po­rate Europe Obser­va­tory — Ceo e inti­to­lato “la potenza di fuoco della lobby finan­zia­ria”, che siamo in grado di anticipare.

Se è banale, se non inge­nuo, sor­pren­dersi di fronte alla noti­zia di un mondo finan­zia­rio che eser­cita una for­tis­sima atti­vità di lobby sulle isti­tu­zioni euro­pee, ben diverso è leg­gere i dati e le cifre in gioco. Ogni regola, Diret­tiva, o ricerca passi da Par­la­mento, Com­mis­sione, Bce o qual­si­vo­glia altra isti­tu­zione euro­pea è sog­getta a que­sta potenza di fuoco. «Pro­ba­bil­mente la lobby più potente del mondo»; parole non di un qual­che gruppo di com­plot­tari, ma del Com­mis­sa­rio euro­peo Algir­das Semeta.

Così come non sono gruppi di com­plot­tari ma decine di par­la­men­tari euro­pei di diversi par­titi e schie­ra­menti che già a giu­gno 2010 sot­to­scri­vono un appello nel quale testual­mente si segnala che «pos­siamo vedere ogni giorno la pres­sione eser­ci­tata dall’industria ban­ca­ria e finan­zia­ria per influen­zare le leggi che li gover­nano. Non c’è nulla di straor­di­na­rio se que­ste imprese fanno cono­scere il pro­prio punto di vista e hanno discus­sioni con i legi­sla­tori. Ma ci sem­bra che l’asimmetria tra il potere di que­sta atti­vità di lobby e la man­canza di una espe­rienza oppo­sta ponga un peri­colo per la democrazia».

Que­sto peri­colo diventa pur­troppo evi­dente scor­rendo il rap­porto di Ceo. In sede euro­pea il mondo finan­zia­rio supera la spesa in atti­vità di lobby di ogni altro gruppo di inte­resse per un fat­tore di 50 a 1.

Per fare un esem­pio tra i molti pos­si­bili, una recente discus­sione al Par­la­mento euro­peo su una Diret­tiva riguar­dante hedge fundpri­vate equity, 900 emen­da­menti sui 1.700 totali sono stati redatti non da par­la­men­tari ma da lob­bi­sti del mondo finanziario.

Al Par­la­mento euro­peo sono attivi gruppi come il Euro­pean Par­lia­mentary Finan­cial Ser­vi­ces Forum (EPFSF) che com­prende mem­bri del Par­la­mento e lob­bi­sti finan­ziari per «pro­muo­vere un dia­logo tra il Par­la­mento euro­peo e l’industria dei ser­vizi finanziari».

Que­sto dia­logo com­prende ad esem­pio inviti ai par­la­men­tari per «semi­nari edu­ca­tivi sul tra­ding dei deri­vati». Il forum è finan­ziato prin­ci­pal­mente dai suoi 52 mem­bri, tra i quali JP Mor­gan, Gold­man Sachs Inter­na­tio­nal, Deu­tsche Bank, Citi­group e altri. E’ pos­si­bile saperlo per­ché ad oggi è l’unico gruppo di rilievo in ambito finan­zia­rio a rive­lare il nome dei pro­pri mem­bri. Il “Regi­stro per la Tra­spa­renza” delle atti­vità di lobby, isti­tuito in Ue nel 2008 per pro­vare a fare chia­rezza, è infatti uni­ca­mente volon­ta­rio, lasciando a imprese e lob­bi­sti la scelta di regi­strarsi o meno. Sta di fatto che un sin­golo par­la­men­tare euro­peo rivela di avere rice­vuto qual­cosa come 142 inviti in due anni dal mondo finan­zia­rio per “eventi”, “semi­nari” o simili. Leggi il resto dell’articolo

La Sindrome di Yeltsin e il ritorno delle Potenze.

Vladimir-Putin-1024x678

di Uriel Fanelli

Ogni volta che vedo spuntare sui giornali quanto sia popolare Putin in Russia, ed ora vedo quanto popolare sia Erdogan in Turchia, e poi vedo che alcuni giornali cianciano di “Ritorno delle Potenze”, mi scopro a chiedermi “ma perche’ guardano il dato sbagliato?” . Il vero problema non e’ quanto sia popolare Putin in Russia. Non e’ una sorpresa. E non e’ nemmeno quanto sia popolare Erdogan in Turchia. Anche questo e’ risaputo. Il problema che dovremmo farci semmai e’ un altro: quanto e’ popolare Putin in Germania, Italia, Francia, Inghilterra?

Questo e’ il punto del problema, e questo e’ l’interrogativo: i leader che appaiono piu’ forti , piu’ inamovibili, piu’ rigidi, ed a volte persino piu’ violenti, stanno entrando nella hit parade della politica europea , e nessuno si chiede il perche’.

In questo senso, sarebbe utile conoscere la storia della Russia moderna, per capirlo.  Se non si capisce per quale motivo i personaggi come Putin , Erdogan , ma anche leader molto fermi nel dire “NO”  siano  in tale ascesa.

Dopo il crollo del comunismo, la Russia fu semplicemente assalita dal peggio dei gangsters delle borse americane ed inglesi. Nonostante non mancasse la pubblica amministrazione russa , e nonostante non mancassero certo persone oneste in Russia, essi non persero tempo a costruire qualcosa di buono. Cercarono sistematicamente i mafiosi locali, che arricchirono sino a farne degli oligarchi, e ridussero la Russia in un luogo da cui fuggire. Nel periodo in cui la “Democrazia” arrivava in Russia, fuggirono a questa situazione , che definirei “pre-batistiana” quasi 50 milioni di russi, tale fu la drammatica catastrofe demografica avvenuta in quel periodo.

Se nel periodo comunista il russo poteva almeno uscire di casa per andare a bere vodka col vicino, in quel periodo rischiava di venire ucciso o rapinato dagli “Uligani”, o venire coinvolto in qualche sparatoria tra gang di mafiosi. Le donne andavano letteralmente scortate, le giovani venivano rapite per rifornire i mercati della prostituzione, un fiume di droga invase la nazione, che divenne un inferno invivibile.

Quando i russi volevano piu’ polizia, o solo una polizia migliore, veniva risposto loro che il comunismo era finito, e che quella era la democrazia e la via occidentale. Per anni la gente imploro’ non dico il ritorno dello stato comunista, ma almeno l’arrivo di uno stato qualsiasi. E parlo di una situazione al cui confronto i peggiori quartieri di Napoli sembravano il centro di Zurigo. in confronto.

Ora, quando arriva Putin e torna lo stato, e’ ovvio che tutti fecero festa. Non te ne frega un cazzo se qualcuno perseguita i gay, se nella situazione precedente i bambini venivano rapiti per girare snuff movies, o per essere venduti in qualche mercato di pervertiti: a quel punto, rivuoi una morale qualsiasi , e se si esagera nell’altra direzione, beh, quando hai visto l’inferno, e l’inferno ti ha detto “io sono la democrazia”, allora sei ben felice della tua dittatura.

Questa e’ la sindrome Russa: una mostruosa massa di potenti gangster che arrivano, chiamano “liberta’ ” i loro porci comodi, e riducono ogni cosa in un inferno. Dopo questo, chiunque porti un minimo di ordine e’ il benvenuto. Putin non ha bisogno di nascondere le sue tendenze autoritarie, perche’ dopo aver spedito in carcere un pochino di oligarchi, e aver fatto vedere le loro famiglie implorarlo per una decina di anni, il russo ha capito una cosa: che finche’ ci sara’ qualcuno come Putin, quell’orrore chiamato democrazia non tornera’.

Leggi il resto dell’articolo

La partita dell’energia tra Eni e shale gas

658x0_Screen_Shot_2014-01-24_at_6.12.14_PM

di Francesco Carlesi

La fratturazione idraulica è una tecnica d’estrazione di gas che sta assumendo sempre più importanza e notorietà in questi ultimi anni. Per ogni pozzo, trenta o quaranta milioni di litri d’acqua, miscelata con sostanze chimiche (coperte da segreto industriale) vengono sparate con una pressione che frantuma la roccia, liberando il gas, che viene catturato e commercializzato. Tutto ciò sta diventando un’impressionante arma nelle mani degli Stati Uniti d’America, i maggiori produttori e consumatori a livello mondiale del cosiddetto shale gas, i cui prezzi rispetto alle risorse  energetiche tradizionali appaiono estremamente competitivi. Non a caso, sono proprio le lobby industriali americane ad opporsi alla vendita verso l’estero dello shale, per mantenere un vantaggio economico non indifferente rispetto ai concorrenti europei e asiatici. Difficile credere che sarà così per sempre.

La questione ucraina si inserisce appieno in questo contesto. Impossessarsi del paese – chiave attraverso il quale passa la maggior parte del gas russo per l’Europa (e quindi l’Italia) avrebbe un valore strategico fondamentale per gli Usa nella “lotta energetica” che anima le maggiori potenze mondiali. A quel punto, infatti, potrebbe essere facile per il paese a stelle e strisce entrare sul mercato con lo shale gas da dominatore incontrastato. I recenti incontri diplomatici di Obama e il tentativo di isolare la Russia nascondono anche questa valenza.

La nota vicenda del South Stream (che “bypassa” l’Ucraina) assume quindi una volta di più carattere vitale per l’Italia, in una partita in cui è l’indipendenza nazionale ad essere in gioco. Centrale per il nostro paese e il suo “braccio armato”, l’Eni di Scaroni, sarà anche la capacità di differenziare le fonti di approvvigionamento energetico. All’ordine del giorno vi è la questione della Tap (Trans Adriatic Pipeline), che  dovrebbe portare gas naturale dall’Azerbaijan all’Italia tramite Grecia e Albania. Questo progetto di Gasdotto Trans-Adriatico prevede la realizzazione di un nuovo metanodotto di importazione di gas naturale dalla regione del Mar Caspio all’Europa, lungo circa 870 km, con approdo sulla costa italiana,  nella provincia di Lecce. Sarà dura però superare le perplessità di ambientalisti e partiti politici (SEL in primis), che si oppongono strenuamente alla realizzazione in questione.

Importante è anche il gas proveniente dalla Libia, in cui ancora subiamo le conseguenze dell’intervento armato contro Gheddafi, grazie al quale Francia e Inghilterra si sono inserite nel paese mettendo in pericolo i nostri interessi. Tornare a essere “matteiani” e recuperare le posizioni in Africa, un continente nel quale oltre alla tradizionale presenza francese si stanno facendo prepotentemente strada attori quali Cina e Brasile, è una delle sfide più importanti che si pongono di fronte alla nostra nazione.

Anche perché, oltre agli Stati Uniti, anche Israele potrebbe diventare un futuro esportatore di gas, se riuscisse a sfruttare a pieno la recente scoperta del maxi-giacimento Leviathan nel Mar di Levante. Stiamo parlando di un paese che che sin dagli anni ’50 tentò di ostacolare le nostre politiche indipendentiste sul piano energetico e delle relazioni internazionali. Riguardo al Leviathan, già si è aperta una lotta, diplomatica e non, tra le potenze della zona come Cipro e Turchia (oltre ovviamente a Russia e Stati Uniti) per trarre massimo vantaggio da una situazione che potrebbe letteralmente rivoluzionare gli scenari.

Come si evince facilmente, le carte in tavola possono cambiare da un momento all’altro. Oltre alle pesanti incognite emerse recentemente riguardo allo shale gas, sia dal punto di vista delle reali potenzialità dei giacimenti che da quello del devastante impatto ambientale, i maggiori nodi da sciogliere per il nostro paese restano legati alla capacità strategica dell’Eni. A Scaroni, impegnato in diversi incontri importanti tra Africa e Washington in questi giorni, il compito di dare voce all’Italia nella complessa rete in cui da sempre si muove la nostra tormentata politica estera.

Fonte

Come comprare delle nazioni.

stock-footage-rotating-earth-is-covered-by-chinese-yuan-sphere-animation

di Uriel Fanelli

E’ difficile spiegare come mai le crisi finanziarie ci trovino impreparati: l’ultima crisi finanziaria ci ha colti che mentre i membri della classe media erano molto meglio preparati ad affrontare un’apocalisse zombie. E’ come se i dinosauri avessero studiato per dieci milioni di anni come vincere Masterchef, e solo ad un certo momento avessero notato il fottuto asteroide.

Ora, se consideriamo l’esempio dei dinosauri, il motivo per il quale non avevano notato l’asteroide era molto semplice: non avevano gli strumenti per avvistarlo, non avevano l’intelligenza per capirne il pericolo(1), e anche nel caso, non avevano i mezzi per farvi fronte.
Il guaio e’ che le scorse crisi finanziarie hanno colto impreparata la classe media, la quale e’ quella che ha :
  1. La maggiore quantita’ di informazione, e la maggiore propensione ad accettare messaggi anche quando esulano dalla norma, propensione che manca per esempio alle classi alte.
  2. La maggiore flessibilita’ nel pensiero, e la maggiore propensione alla proattivita’, visto che sono ricchi ma non ancora abbastanza da divere di rendita, e la loro posizione, a confronto di quella dei ricchi, e’ in pericolo.
  3. Avevano i mezzi per farvi fronte, dal momento che a perdere i risparmi sono stati loro, ovvero sono stati loro quelli che avevano investito.(2)

 

tuttavia, la classe media ha preferito allenarsi a sopravvivere nel caso di un risveglio dei morti in cerca di cervelli, piuttosto che fiutare l’orizzonte o leggere i segni di un disastro imminente. La prima domanda e’ “perche’?”.
La risposta puo’ essere trovata esaminando le dinamiche notizia-mercato degli ultimi tempi. Prendiamo la Spagna. La Spagna , dicono, si e’ ripresa e se continua su questa strada, vi dicono i giornali italiani, allora sara’ salva. Siete sicuri?
C’e’ qualcuno che ci ha messo qualche fatto, e le cose non stanno esattamente cosi': http://qz.com/164769/spain-economy-is-in-horrific-shape-but-bond-markets-think-the-crisis-is-over/
Tuttavia, si vedono addirittura articoli su giornali abbastanza rilevanti, riguardo al fatto che la Spagna di qui, la Spagna e’ uscita dal progetto di salvataggio, e la spagna riparte, e blablabla. Strano?
No, c’e’ di peggio. Saprete tutti cosa sia stata la NEP. La nuova politica economica sovietica fu una serie di riforme molto simili a quelle cinesi, che produssero un robustissimo picco dell’economia sovietica. Improvvisamente la propaganda russa, seguita dai giornali comunisti italiani, si mise a parlare di questo boom, la FIAT investi’ in Russia, ENI pure, e la gente faceva i viaggi in Russia, ove venivano confinati in zone per occidentali , e vedevano una bella vetrina costruita appositamente.
Non e’ che non potessero uscire o ci fossero guardie col colbacco attorno a loro: semplicemente, mancando le infrastrutture, visitare l’entroterra sovietico era difficilissimo, e quindi i visitatori stavano nei centri delle grandi citta’, confondendo la bellezza di San Pietroburgo con la potenza sovietica. Insomma, andare a visitare l’entroterra russo e vedere la miseria era possibile, il guaio era che , come succede in Cina, l’entroterra era cosi’ povero ed isolato, specialmente d’inverno, che i pochi visitatori dell’ URSS preferivano starsene nel semi-caldo delle citta’, nei quartieri ove gli occidentali trovavano ospitalita’. Un pochino come in Cina.
E siamo al punto: nonostante l’economia sovietica durante la NEP sia cresciuta, eccome, nessuno credeva agli annunci trionfali del regime comunista, dal momento che , si rispondeva “era tutta propaganda”. Eppure la Russia crebbe davvero durante la NEP, aveva mandato il primo satellite in orbita, il primo uomo nello spazio, il primo oggetto artificiale sulla Luna. MA , si diceva “era tutta propaganda”. Il governo dell’ URSS diceva che stava crescendo del 13/15% annuo, che era materialmente vero, ma tutto veniva liquidato in occidente con uno sbuffo: “propaganda”.

La mia domanda allora e': se non avete creduto al regime comunista ai tempi della NEP perche’ non diceva la verita’, essendo appunto un regime comunista con una stampa propagandista, per quale motivo avete creduto ai numeri forniti dal regime comunista CINESE, con la sua stampa propagandista?

Voi direte che certamente non e’ possibile simulare una crescita come quella cinese, per cui se crescono del 13%, crescono del 13%. Davvero? Qualcuno sta iniziando ad avere dei dubbi: hanno confrontato la quantita’ di fatture dichiarate dalle aziende cinesi , in uscita verso Hong Kong, con le stesse fatture registrate dalle ditte che poi prendono la merce e la portano in occidente. La differenza e’ di quasi 100 MILIARDI di dollari. Su quanto? Su 400 miliardi. Il 25% di “gonfiaggio”.

Cosa fanno i cinesi? Vi fanno una fattura da 10, ma nel loro programma di contabilita’ scrivono 100. Quando voi pagate in dollari o euro, aspettano la prossima svalutazione, e solo dopo la svalutazione cambiano i soldi, che a quel punto valgono 100. In questo modo, sinche’ non si confrontano le date ed i cambi, avviene una sopraffatturazione enorme.

Insomma, quando vanno a fare le statistiche, sotto lo sguardo vigile degli ispettori di IMF , OCSE ed altri enti deputati alla revisione, usano fatture che sembrano coincidere coi versamenti. Solo facendo un confronto tra quanto registrato in USCITA dalla Cina e quello registrato in ENTRATA in un posto come Hong Kong (porta verso parte del mondo anglosassone), si sono trovati 100 MILIARDI di export inventato. E nessuno ha ancora confrontato l’export dichiarato dai cinesi con gli USA e con la UE, rispetto ai dati di import.

Trovate la storia qui: http://qz.com/164743/how-more-than-100-billion-in-secret-cash-was-smuggled-into-china-last-year/

Ora, che cosa significa? Significa che i cinesi sono cresciuti essenzialmente per merito di investimenti occidentali, e che non sono probabilmente mai stati nemmeno vicini al 13% di crescita del PIL che vantavano, e che moltissime delle loro “esportazioni” erano praticamente inventate dagli organi di propaganda, come erano inventati i numeri dell’ URSS. Il tutto aveva come scopo quello di attirare investimenti occidentali, e su quelli (e non sulle vendite gonfiate) si basano i bilanci cinesi.

Ma … come mai l’ occidente si e’ bevuto questa merda coi cinesi e non coi sovietici? Perche’ si e’ (giustamente) preso per fumo negli occhi il trionfalismo sovietico, mentre si e’ accettato come oro colato lo stesso trionfalismo da parte del partito COMUNISTA cinese? Che cosa e’ cambiato?

La risposta e’ semplice: e’ cambiata la geografia dei mass media. Se osservate i mass media degli anni ’70 e li confrontate con quelli di oggi, scoprirete che i piu’ seguiti sono in mano oggi a poche famiglie di finanzieri, sia qui che in USA che ovunque.

In pratica, l URSS non poteva certo promettere ricchezza ai gestori di RAI1 e RAI2 se avessero sponsorizzato gli investimenti in URSS, non potevano corrompere Avvenire o Famiglia cristiana convincendoli a parlare bene della crescita russa, e anche i principali giornali del periodo non erano molto inclini alla finanza.

Molto era sotto il controllo dei partiti, e se escludiamo il PCI che possedeva l’ unita’, per i sovietici c’era poco da comprare, e gli stessi partiti non erano tanto facili da comprare coi rubli.

Ma confrontiamo la cosa con la situazione  di oggi. Ci sono essenzialmente tre famiglie che detengono tutta la stampa italiana, ed essenzialmente tutti e tre i partiti.

  • La famiglia Berlusconi ha Mediaset, Mondadori, e’ proprietaria del centrodestra, quando governa possiede molto di Rai, tranne gli irriducibili di RAI3.
  • La famiglia De Benedetti ha l’universo di sinistra, Repubblica, ed e’ proprietaria del PD, RAI3, e tutto il gruppo l’ Espresso, Huffington post Italia, etc.
  • La famiglia Agnelli/Elkann ha Corriere, La Stampa, (3) e anche politicamente non si fa mancare nulla, con  M5S.

Questa e’ la consueta divisione dei poteri italiana: tre grandi famiglie di finanzieri, tre grandi partiti, tre gruppi massmediatici. Niente di che.

Ma la differenza e’ che un tempo erano i partiti ad essere in cima alla piramide, mentre oggi e’ tutta finanza. E la finanza va dove vanno i soldi. Che significa?

Immaginate che uno sceicco arabo decidesse di investire miliardi e miliardi per islamizzare l’ Italia. Gli basterebbe convincere TRE famiglie. Di finanzieri. Dovrebbe cioe’ riempire di miliardi solo TRE famiglie di finanzieri, e da domani TUTTI i media vi racconteranno di quanto e’ bello l’ Islam, sino a farlo diventare una moda , poi indirizzo politico mediante i partiti collegati alle famiglie di finanzieri, e infine la religione dominante.

E’ un esempio, ma vi spiega in che modo i cinesi siano riusciti dove i sovietici hanno fallito:

il governo cinese aveva capito che gli sarebbe bastato promettere guadagni stratosferici ai finanzieri che controllano i media occidentali (ormai in tutti i paesi i media sono posseduti da fondi e finanzieri) , per ottenere recensioni ottimistiche, ed una certa “cecita'” riguardo alla loro propaganda. Essi hanno detto a questi finanzieri: “se ci aiutate nella truffa, ci guadagnate anche voi”.

Lo scopo dei cinesi era di attirare investimenti in un paese arcaico, privo di infrastrutture ed essenzialmente poco scolarizzato (come all’epoca era: ci vollero 20 anni per arrivare ai ritmi di oggi), e lo fecero semplicemente dividendo una fetta coi finanzieri, che in cambio della fetta dovevano usare i loro media per NON denunciare qualche numero “gonfiatino”: l’export cinese era di qualche decina di punti inferiore, la crescita del PIL magari e’ sempre stata – in realta’ – ad una sola cifra, e cosi’ via.

Basto’ poco: i gruppi finanziari che gestiscono TUTTI i media in occidente sono poche decine. Basta dividere la torta con una decina di gruppi finanziari, e pac: tutti i media non si sogneranno neppure PER SCHERZO di denunciare la propaganda cinese riguardo alla crescita del paese asiatico.

Adesso torniamo alla domanda originale: perche’ la classe media si allenava per l’apocalisse zombie mentre arrivava l’uragano? Per la stessa, identica ragione: i finanzieri possiedono tutti i media. La classe media veniva tenuta in una pacchiana ignoranza nella quale il problema non erano i mutui subprime, ma gli zombie.

Nessuno di noi sa di preciso che diavolo stia succedendo nel mondo, leggendo i media posseduti da grandi gruppi finanziari. Guardate la ripresa USA: tutti dicono che c’e’ ripresa, ma se girate per un social network americano qualsiasi, nessuno sembra concordare. Che succede? Succede che si sta gonfiando la borsa, e chi ha ancora due soldi sara’ spinto ad andarci ancora. Risultato? Entro 2/3 anni, si tirano su le reti e si pesca, e peccato per i fessi che rimarranno in mutande.

Qualcuno sta avvisando gli americani che investono a New York che la crisi non e’ finita davvero, che materialmente non e’ cambiato (quasi) nulla, e che sta per scoppiare la bolla cinese, e che quando succedera’ si dira’ “ehi, scusate, si sono sgonfiate le tigri orientali?” (4) e milioni di americani si troveranno di nuovo in tenda, dopo aver sputato sangue per risparmiare due lire.

In generale, il concetto e’ molto semplice: Matrix e’ tutto attorno a te, in un modo particolare. In rete l’informazione si trova anche, ma appare circa cosi':

Se avete la fortuna di beccare il simbolino giusto nel bailamme, allora avete l’informazione utile. Ma se non avete questa fortuna, e visto il numero di simboletti che scorrono tale fortuna e’ assolutamente improbabile, non capirete mai che cosa sta per arrivare.

E passerete il tempo a imparare come sopravvivere ad una apocalisse zombie, quando dovreste invece preoccuparvi di come difendere il vostro reddito.

Mentre i dinosauri non avevano alcuna speranza di far qualcosa contro un asteroide, la classe media potrebbe difendersi semplicemente smettendo di affidare a borse che sembrano casino’ tutti i loro risparmi. Dopo qualche anno di segno meno, per invogliare i risparmiatori ad investire, i governi sarebbero costretti a cambiare le leggi e tutelare un minimo i risparmiatori.

Ma costa molto meno comprare i maggiori gruppi giornalistici,  che sono tutti in perdita ma guarda caso rimangono in piedi – ehi, come mai questi investono in aziende decotte come i giornali? – e convincere le persone che in USA e’ iniziato un nuovo boom economico, che la Cina cresce del 13%, per poi passare il tempo a chiedersi come mai le nazioni che resistono a questi squali sono quelle che la musica della propaganda l’hanno gia’ ascoltata – se non inventata con Goebbels – e hanno sviluppato una sana, naturale diffidenza verso questi pifferai magici.

Come mi scrisse un amico slavo:

voi occidentali siete sottoposti ad una propaganda identica a quella sovietica, e ad un controllo identico a quello del KGB, solo che voi credete che la propaganda siano “notizie”, e credete davvero che il controllo “serva a proteggervi”. Anche a noi hanno detto che la propaganda fosse verita’, e che il controllo serviva a proteggerci, ma almeno noi sapevamo di venire imbrogliati. Noi lo avevamo capito.

Ed e’ per questo che in Spagna c’e’ ripresa, ci sono le riforme, e tutto quanto, mentre il 26% delle persone non ha lavoro: le tre famiglie italiane, o almeno una delle tre, hanno interessi in Spagna. Ed e’ per questo che nessuno parla del tracollo cinese che sta avvenendo ormai da un anno: le tre famiglie che possiedono tutti i giornali hanno interessi in Cina.

Siete voi, in queste condizioni, che non riuscite a difendere i vostri interessi. Certo, potete sperare di capirci qualcosa osservando qualche fiume di dati incomprensibili che girano su Internet, ma e’ come per un dinosauro guardare il cielo stellato: magari poteva vedere qualcosa di strano e luminoso in cielo , ma… “chissa’ che diavolo significa”

Uriel

(1) I polli sono una versione evoluta dei dinosauri. Immaginate solo quanto stupidi fossero i dinosauri, se i polli sono un dinosauro migliorato.
 
(2) Pochi valutano il fatto che se la crisi ha colpito la classe media, e’ perche’ era la classe media a fare uso maggiore (confrontato al reddito) di strumenti finanziari speculativi, piu’ di quella alta.

(3) Il gruppo RCS e’ diventato il gestore di contenuti pubblicitari per La Stampa, il che significa che sono due nomi della stessa “revenue”.

(4) Che si sgonfiarono anche nel 1997, dopo una simile speculazione, ma nessuno ha voglia di ricordarlo.

Slot machines, money transfer, Onlus: la casta tutela i suoi traffici

Casino10

di Marco Della Luna

La nota corporation del gioco d’azzardo e delle slot machines era stata scoperta, da un alto ufficiale della Guardia di Finanza, aver evaso somme enormi di tasse, e doveva allo Stato 98 miliardi. Il governo – questo governo di larghe intese e larghi inciuci – ha ridotto il pagamento a 600 milioni. L’alto ufficiale è stato rimosso. Sommiamo questa vicenda al fatto che giochi d’azzardo e slot machines accettano, anzi esigono, il contante: quindi sono un mezzo ideale per giganteschi riciclaggi e rilavaggi monetari di soldi di ogni – dico ogni – provenienza: nero, droga, armi, corruzione, prostituzione, buoni per ogni forza politica e sindacale democratica.

Ovvio che chi gestisce questi giochi fa comodo a tutta la casta e non solo ad essa; ovvio quindi che nella “legge di stabilità” non sia stato introdotta la semplicissima misura di imporre l’identificazione dei giocatori e l’uso del pos, proibendo l’uso del contante, nel gioco d’azzardo e con le slot machines: l’establishment che detiene il potere politico difende i suoi traffici e le sue fonti di reddito: ditelo ai nuovi, ai quarantenni, a Renzi e Letta, e vediamo se faranno inserire questa misura nel decreto Mille Proroghe, come han promesso di fare per rimediare ad altre due sconcezze piccole. Se non lo fanno, ditegli quel che si meritano, in parlamento, sui giornali, nelle piazze.

Altra industria tutelata perché utile al nero e al riciclaggio e alle tangenti è quella del money transfer: anche qui non vi è, e non è stato introdotto (perché fa comodo che le cose restino così) alcun reale sistema di identificazione dei pagatori e soprattutto dei percettori delle somme trasferite, mentre abbiamo società di money transfer che abilitano a versare sui loro conti numerosi extracomunitari con o senza reddito, che chiaramente hanno la funzione di legalizzare e inserire nel circuito finanziario contante di opaca provenienza.

Assieme al gioco d’azzardo e al money transfer, altra area protetta del business di regime, soprattutto alla sua componente catto-sinistra, è quella delle cooperative onlus, le quali praticamente non sono soggette a verifiche contabili (esistono controlli interni ai vari club delle cooperative, ma sono pressoché fittizi e non vanno a controllare i movimenti bancari incrociati), ricevono donazioni e sovvenzioni pubbliche e private, notoriamente girano sottobanco pingue parte di esse a chi gliele procura (evasione fiscale, tangenti), simulano costi inesistenti (falso in bilancio), spartiscono utili effettivi tra i loro titolari facciali e retrostanti (appropriazione indebita, evasione fiscale). Anche qui significativa è l’omissione di introdurre controlli reali incrociati sui movimenti bancari delle onlus e dei soggetti collegati, nonché sui costi effettivi delle onlus (accertare i costi è indispensabile per accertare i profitti, che sono dati dai ricavi meno i costi).

Questo governo ha proibito il contante nel pagamento persino delle pigioni, ha imposto il Pos a destra e manca, ma non è minimamente intervenuto su quanto sopra, non è intervenuto sul grosso dell’evasione, con grande danno per l’erario e per i cittadini, ma con grande beneficio per la criminalità organizzata e per il sistema di corruzione imperante. Eppure il 2014 sarà l’anno della ripresa, grazie a Lorsignori: ci lasceranno più soldi in tasca, ci sarà più lavoro per tutti… quindi, suvvia, è Natale, siate buoni, lasciate che il governo faccia i suoi regali a chi crede, perdonate e pagate la Tasi!

 

Fonte

L’ITALIA AL BIVIO (DOVE CI ATTENDE LO STRANIERO)

renzie

di Gianni Petrosillo

Diceva Carl Schmitt che i concetti stranieri sono peggio delle parole straniere. In verità, gli uni e le altre, a diversi livelli di penetrazione di determinati contesti umani, sono forme di colonizzazione, politica, economica, culturale, ecc. ecc., che segnalano la perdita di autonomia e d’identità di una collettività a vantaggio di modelli estranei esercitanti, precisamente, una pressione egemonica sul modello autoctono.

Certo, esistono fattori di compenetrazione reciproca tra gruppi e popoli che, da decenni, sono stati assimilati in un comune orizzonte di civiltà ma sono, soprattutto, gli Stati vassalli a facilitare l’ imbastardimento della lingua e del cervello al fine di ottenere un’approvazione extraterritoriale per un’ascesa verticale nei gangli del potere. A questo proposito non sentirete mai un Presidente americano chiamare una riforma sociale riguardante il suo Paese con definizioni esotiche. Lui è il padrone e non deve ottenere il consenso di nessuno.

Ce lo vedete Obama che parla in italiano di “riforma del lavoro” anziché, come correttamente è nel suo idioma, di job act?  Pensate ora a Matteo Renzi, accreditato quale mattatore delle prossime elezioni , ultima speranza illusoria di un Paese allo stremo, il quale si presenta davanti alle telecamere per perorare la sua visione del cambiamento in una lingua ancora sconosciuta a milioni di suoi connazionali.

Non teme di non essere capito perché non è agli italiani che sta parlando, forse ad un gruppo ristretto e ben selezionato di essi (militanti, comunità degli affari, circoli del rotary, ecc. ecc.). E non è, esclusivamente, il pronunciamento di una espressione anglosassone con accento toscano che gli preme di sventolare.

Egli ha in mente, per l’appunto, un concetto allogeno da radicare, un job act di matrice angloamericana, anche più intenso di quanto potrebbe essere concepito negli ambiti originari, per farsi rilevare dal satellite dei predominanti d’oltreoceano, si tratti di capataz politici o di cerchie finanziare internazionali.

Costui sta dicendo alle sentinelle in ascolto, dall’altra parte dell’Atlantico, o anche Oltremanica, che egli è dei loro, l’uomo che aspettavano, l’unico disponibile a far meglio e di più per i loro interessi (dunque, peggio e di meno per tutti gli italiani) dei predecessori.

Peraltro, questo famigerato job act nemmeno è stato delineato nei suoi punti programmatici, è appena un frame che contiene idee vecchie e misure irresolute, dalla riduzione del cuneo fiscale alla flessibilità dei mestieri. Ma tanto non serve essere precisi quando si è investiti da una superiore forza mondiale.

Renzi lo chiama job act, perché lui è Fonzie lo yankee e si sente autorizzato a prenderci per il cool, nel senso che può permettersi di carpire la nostra buona fede servendosi di un gergo “figo”. Il fracking col quale il sindaco di Firenze intendeva sbriciolare la vecchia classe dirigente si riduce a ciò, un bluff che non tarderà a rivelarsi tale. Si tratta meramente di una lotta tra correnti di partito che ha assunto dimensioni nazionali. Questo perché non esistendo più i partiti, bensì un unico ammasso indistinto di ghenghe insinuatesi nelle istituzioni, ciò che prima sarebbe restato confinato nelle sedi specifiche delle singole organizzazioni,  diventa immediatamente affare di Stato.

Nel frattempo l’Italia continua a sprofondare. Aumentano le tasse, il costo dei servizi, la disoccupazione, i fallimenti, le pretese dell’Europa ma costoro proseguono a concentrarsi su questioni di secondo e terzo grado che non muteranno di un millimetro la difficile situazione. A chi può interessare la riforma costituzionale o quella della legge elettorale se comincia a scarseggiare il pane e, ancor di più, la speranza di una risalita nazionale?

Anche i cosiddetti strenui oppositori delle attuali élite al potere si focalizzano su argomenti di grande impatto mediatico ma di poca sostanza innovativa. Lo spazio che costoro trovano sui mezzi di comunicazione dovrebbe condurli ad una riflessione perché si tratta di una furba concessione. Scaricare le responsabilità sulla finanza predona, sulla mancanza di sovranità monetaria e sui diktat dell’Europa equivale a farsi accecare dall’ideologia. Quelli citati sono effetti di ben altre circostanze e cause. L’Italia è, innanzitutto, vittima della sua labile sovranità politica, limitata e condizionata dagli Usa, i quali ci hanno eletto a laboratorio di esperimenti geopolitici e a roccaforte avanzata per il controllo di tre continenti: Europa, Africa ed Asia. Finché nessuna forza politica o leader carismatico avrà il coraggio e l’intelligenza di mettere in cima alla lista delle sue preoccupazioni queste valutazioni epocali sarà tutto tempo perso ed energie sprecate. Meditate o affondate, gente.

 

Fonte

Sarà un 2014 all’insegna delle riforme, ce lo chiedono i mercati

italia-attacco-della-228351

di Angelo Fontanella

Quello che si è appena aperto sarà sicuramente un anno importante per il mondo dei mercati (banche d’investimento) per depredare quel poco che resta dell’Italia e dell’eurozona. A ricordarcelo uno dei loro camerieri per eccellenza, tale Giorgio Napolitano proclamato re assoluto d’Italia per sottomettere totalmente il paese alle voglie cannibali dei banksteers. Nella solita litania di fine anno, re Giorgio ha ammonito che non si possono non fare quelle riforme necessarie al paese e che lui resterà al comando della colonia dei banchieri finchè la situazione lo richiederà e le forze glielo permetteranno. Riforme, quelle che nel gergo politichese significano: strumenti e passi avanti verso la svendita totale della nostra nazione, dei diritti dei lavoratori e delle vite del 90% degli italiani. Gli fa subito da sponda Renzi, che da ultraliberista qual’è ha assicurato al monarca, la massima disponibilità per fare le riforme. Non poteva mancare Mario Monti, che anche se sembra tornato dietro le quinte, non rinuncia a ricordarci la sua bilderbergina vitalità. L’ex international advisor di Goldman Sachs esce allo scoperto ed annuncia il suo sostegno al sindaco di Firenze ed al suo programma, nell’intervista rilasciata a repubblica: ” Renzi ha un programma apprezzabile. Bisogna vedere se riuscirà a realizzarlo, anche accettando l’impopolarità. Già ai tempi delle primarie con Bersani diceva cose molto convincenti e molto vicine a quelle che noi tentavamo di realizzare col mio governo”. Monti dice di volere un rimpasto di governo, visto che D’Alia e Mauro hanno lasciato Scelta Civica, dando vita all’ennesima scissione del centrino bancario. Rimpasto che fa gola anche a Renzi, il quale non potendo ambire al voto prima del 2015, visto che il governo è blindato dai mercati e da Napolitano, per non perdere l’effetto novità ed arrivare logoro al voto, cerca di contare di più piazzando i suoi sulle poltrone governative e facendo fuori gli attuali ministri un tempo bersaniani, oggi convertitisi al renzismo.
In questo clima di giubilo, di finte lacrime e beghe di palazzo, la finanza internazionale festeggia le nuove misure draconiane in arrivo (riforme) con tanto di depredazione finale di ciò che resta dello stato sociale, dei diritti dei lavoratori, dell’industria di stato, della scuola e della sanità pubblica. Già negli ultimi giorni del 2013 è arrivato il decreto governativo a firma di Saccomanni che rivaluta le quote di Bankitalia detenute dalle banche a 7,5 miliardi, oltre alla modifica dello statuto ed alla designazione di una nuova governance. La riforma aumenta la platea dei detentori delle quote di Bankitalia, diminuendone la concentrazione fino ad un massimo del 5%. La redistribuzione delle quote avverrà entro due anni, ed i dividendi annuali non potranno superare il 6%. Ciò significa che le quote che lo stato avrebbe potuto e dovuto riacquistare, tramite il decreto Tremonti del 28 dicembre 2005, andranno alle banche estere. Ecco cosa prevedeva il decreto, puntualmente disatteso e mai convertito in legge: “Con regolamento da adottare ai sensi dell’articolo 17 della legge 23, n. 400, è ridefinito l’assetto proprietario della Banca d’Italia, e sono disciplinate le modalità di trasferimento, entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia in possesso di soggetti diversi dallo Stato o da altri enti pubblici“.
Segno evidente della felicità della finanza internazionale è la discesa dello spread a 200 punti base, accolto con euforia dai media di regime nostrani e dal pd, nonchè da Letta che può così  continuare ad affermare che quest’anno sarà l’anno della ripresa. Si metta l’anima in pace Renzi, con uno spread così basso, sintomo che l’Italia ha fatto tutto ciò che le banche hanno ordinato, sarà impossibile scalzare Letta. Può darsi se ne riparli nel 2015, anno in cui entrerà in vigore il fiscal compact in un’Italia allo stremo e quindi la grande finanza avrà bisogno del finto nuovo da presentare come panacea di tutti i mali da essa prodotti. Si salvi chi può.

Fonte

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 71 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: