Intervista: Il cambiamento climatico è causato dal moto inerziale solare (SIM)


Intervista a Ivanka Charvátova Ing, CSc. presso l’Istituto Geofisico dell’accademia ceca delle Scienze (Praga).

La storia di una scoperta scientifica, politicamente scorretta.

Profilo :

Nata il 3-12-1941 a Jilemnice, Cecoslovacchia

Educazione: CVUT, Facoltà di Ingegneria Civile, oggetto: Astronomia e geofisica, dottorato: CSC. 1991

Attuale posizione: Istituto Geofisico dell’Accademia ceca delle scienze dal 1963

(link Istituto http://www.ig.cas.cz/cz/struktura/oddeleni/geoelektrika/pracovnici-oddeleni/)

(Traduzione dall’intervista ceca originale pubblicata nel maggio 2011 presso Osel.cz)

http://www.osel.cz/index.php?clanek=5708

Il tuo campo di studio presso l’Istituto Geofisico è studiare il moto inerziale solare (SIM). Ci puoi spiegare di che cosa si tratta?

Si tratta di un movimento del Sole attorno al baricentro (centro di gravità) del nostro sistema solare. Questo movimento è dovuto alla diversa posizione dei pianeti, in particolare dei giganti gassosi.

Già sir Isaac Newton nel suo Principia (1687) intuitivamente arrivava alla seguente conclusione:

“… dal momento che il centro di gravità (centro di massa del sistema solare) è continuamente a riposo, il Sole, secondo le posizioni diverse dei pianeti, deve continuamente spostarsi ogni giorno, ma non potrà mai allontanarsi molto da centro.”

Questo effetto non è trascurabile. Il Sole si sposta su un’area delle dimensioni di 4,3 raggi solari, cioè 3106 km o 0,02 UA. Come una coincidenza, la velocità media solare è di circa 50 km/h. Proprio come la velocità di un’automobile in un centro di guida. Il primo studio (SIM) è stato scritto P. S. Jose nell’anno 1965.

Voi siete un’autrice molto avanti in questo campo di studio. Di che cosa si tratta?

Per prima cosa ho studiato la periodicità SIM nel 1987 e sono venuta a rilevare la geometria di questo movimento. Ho scoperto che il moto solare può essere classificato in due tipi elementari. Movimento lungo, una traiettoria simile al trifoglio, governata da un movimento di Giove & Saturno ordinato. E un altro tipo di movimento che è caotico. Questo ci ha dato una base precisa e omogenea, su cui è stato possibile studiare le variabilità solari-terrestri e climatiche. Ogni 179 anni si torna ad un percorso regolare a trifoglio. E’ importante notare che i periodi di moto caotico coincidono nel lungo termine ai minimi d’attività solare, come il minimo di Wolf (1270-1350), minimo di Sporer (~ 1430-1520), il minimo di Maunder (~ 1620-1710) e il minimo di Dalton (~ 1790-1840). Durante i periodi trifoglio i fenomeni solari-terrestri sono stabili – i cicli delle macchie solari sono lunghi 10 anni, l’attività vulcanica è ferma e nel mezzo al periodo a trifoglio c’è una temperatura massima qui sulla Terra.

Più tardi ho scoperto anche un lungo ciclo di 2402 anni nel movimento solare. Dopo la scadenza di questo periodo il Sole entra sempre in un segmento, ciclo, nel quale per quasi 370 anni si muove continuamente lungo una traiettoria a trifoglio. Questo è quando le condizioni naturali sono stabili,e quando c’è un lungo periodo di massimo termico. L’ultima simmetria del trifoglio c’è stata intorno al 25 dC. Gli scienziati della NASA hanno chiamato questo ciclo di 2402 anni come “Ciclo Charvátova”. Il movimento prospettico solare può essere calcolato in anticipo (meccanica celeste), e questo ci ha dato nuova capacità solare predittiva. Finora le nostre previsioni sfruttano l’osservazione che la stessa traiettoria del moto solare tende a generare fenomeni simili. Io sono stata l’unica in tutto il mondo che ha ottenuto una previsione corretta del ciclo SC23 delle macchie solari.

Il meccanismo fisico tuttavia non è ancora noto.

                       Wolf                              Spörer                           Maunder                  Dalton             

Fig. 1 La traiettoria del centro del Sole divisa in due tipi di movimento di base: traiettoria a trifoglio secondo JS (Giove-Satturno) ordinamento (in alto) e disordinato (caotico) (in basso). Il Sole torna a una traiettoria trifoglio, che dura sempre per 50 anni, una volta ogni 179 anni. I segmenti caotici corrispondono a lunghi periodi di minimi attività solare (vedi sopra). I cerchi di colore giallo scuro nelle immagini in alto rappresentano il sole.

Che cosa l’ha portata a studiare il movimento solare?

Nel 1980 il direttore del nostro istituto accademico è stato Václav Bucha. In alcune conferenze all’estero Mr. Bucha ha incontrato il famoso geologo e climatologo americano Rhodes W. Fairbridge, che ha studiato il moto solare con JH Shirley nei JPL (Jet Propulsion Laboratory) della NASA, a Pasadena. Mr. Bucha ha fiutato l’importanza dell’argomento, così abbiamo deciso insieme di condurre delle ricerche in merito.

Il mondo che notizie ha della sua scoperta?

Anche prima della mia grande scoperta, il prof Rhodes W. Fairbridge mi ha contattato dopo che io ho pubblicato un articolo sulla periodicità SIM a Parigi. Questo lavoro era stato pubblicato con il mio precedente nome, Jakubcová. Fairbrige e J.H. Shirley avevano pubblicato un articolo di Fisica solare nello stesso tempo . Fairbridge in quel periodo mi scrisse una lettera molto amichevole e di lode nei miei confronti. A quel tempo, in Cecoslovacchia, c’era una dittatura comunista, per cui qualsiasi messaggio proveniente da l’ovest capitalista veniva ispezionato e censurato. Sicuramente ci si può immaginare quante storie fossero riportate in quella lettera. Non solo la busta riportava la scritta NASA, ma in cima c’era il nome del professore Fairbridge, che sapevo era stato qui a Praga nel 1968, durante la Primavera di Praga, ad una conferenza Geologia. E ricordava di aver visto i carri armati degli occupanti invadere la Cecoslovacchia. Fairbridge e J.H. Shirley erano così eccitati dal mio lavoro sul trifoglio che quando hanno curato l’Enciclopedia delle Scienze Planetarie nei primi anni del 1990 mi hanno invitato a scrivere l’articolo principale sul “moto solare” nell’enciclopedia. Sono stata l’unica autrice,di tutto il blocco orientale nell’enciclopedia. E io ero la più citata.

Vi siete mai incontrati di persona?

No, non ci siamo mai incontrati. Ma abbiamo mantenuto una corrispondenza molto vivace. Aveva l’abitudine di inviarmi gli articoli che non erano disponibili nel mio paese. Mi ha anche invitato a scrivere un’ articolo pubblicato in occasione dei suoi 80 anni (Journal of Coastal Research.)

Un altro ricercatore ben noto e che ha studiato il movimento solare è Theodor Landscheidt. Vi conoscete?

No e credo che non sia più vivo. Siamo d’accordo che nella prima metà del 21° secolo l’attività solare potrebbe essere inferiore e che la temperatura potrebbero scendere. Ma lui non mi ha citato ed io ho citato solo uno dei suoi studi. A quanto pare ci sono molti scienziati che spiegano il cambiamento climatico con altri fattori, non solo da CO2. Tuttavia, nella Repubblica Ceca, dove io vivo, quasi tutti sanno che c’è solo uno scettico sul clima. Il vostro presidente Václav Klaus. Oh mio dio, preferirei non commentare questo. Ho solo sfogliato il suo libro “Sly the sky dragon” in libreria. Ci sono molti scettici sui cambiamenti climatici nel mondo, che hanno le loro organizzazioni, in particolare presso le università americane o canadesi. Molti professori di loro mi hanno contattato. Ad esempio il Prof. O. Manuel, l’ex capo ricercatore del progetto Apollo. Hanno anche pubblicato un libro “Slying the sky dragon”, dove documentano gli scandali della ricerca sui cambiamenti climatici e quindi anche le incertezze nelle misure di temperatura degli ultimi 40 anni.

Il protocollo Onu sul clima (IPCC), che è così aspramente criticato dal presidente Klaus, ha avuto un sacco di scandali ultimamente. Avete sentito parlare Climategate?

Naturalmente. Il direttore del CRU (Climatic Research Unit) P.D. Jones ha dovuto dimettersi.

Che cosa dicono nel quarto rapporto di valutazione dell’IPCC (AR4 2007) sul moto solare?

Niente di niente. Sono allergici al SIM. Le loro ricerche non prendono in considerazione la totalità dei fenomeni solari-terrestri (solare, geomagnetico, attività vulcanica, ecc) e prendono in considerazione solo le temperature dal 1860. Tuttavia, in Europa abbiamo un certo numero di dati sulla temperatura strumentale risalente alla metà del 18 ° secolo. I gesuiti iniziarono le misurazioni. Con il mio collega abbiamo elaborato questi dati e abbiamo dimostrato la loro relazione con il movimento solare ed io ho pubblicato un’ articolo nella rivista “Climatic Change” alla Stanford University. A metà del 18° secolo la temperatura era così alta come lo è stata nel 1940 (eravamo nel bel mezzo di un trifoglio). Ma c’erano industrie che inquinavano l’atmosfera ? No! Non tengono in considerazione le ricostruzioni climatiche (temperature, dati proxy) derivati da anelli degli alberi 18O o gli isotopi 10Be nelle carote di ghiaccio, ecc.., anche se sono già disponibili nei profondi periodi nel passato e sono di buona qualità almeno per il periodo dell’Olocene.

Ma come fanno a spiegare perché ogni 180 anni vi è un lungo periodo temperatura massima? Come spiegano il massimo significativo di temperatura intorno al 1000 dC, quando è stata coinvolta anche la Groenlandia ? Come spiegano nel lungo termine i minimi?

Non lo fanno. Fingono non è successo.

Spiegare i cambiamenti climatici dovuti ad altri fattori, non solo dai gas serra, è quasi un eresia ai nostri tempi. Eri a conoscenza di questo quando scopristi il tuo trifoglio ?

Nel 1987 quando ho capito che ci sono trifogli nel moto solare (nota: ci sono simboli a trifoglio anche nelle cattedrali gotiche), ho avuto un brivido. Ho capito subito, che è collegato con quasi tutto e che nessuno avrebbe fatto il lavoro che adesso io faccio e che inoltre avrei dovuto affrontare inimicizie incredibile. Alzai le mani al cielo e quasi piangendo ho detto: “Perché proprio io !?” Oltre a questo, erano esattamente 300 anni dopo che Sir Isaac Newton, nei suoi Principia, aveva formulato le sue conclusioni intuitive sul moto solare.

Voi venite da una famiglia cristiana. Avete affrontato persecuzione sotto il regime comunista?

Il mio cognome da nubile è Kryšpínová. Il fratello di mio nonno era un famoso costruttore di locomotive a vapore ed era diventato direttore della società CKD. Purtroppo, abbiamo vissuto nella stessa casa come una famiglia di potenti burocrati comunisti. La madre di Vasil Mohorita è stata una influente segretaria del Partito comunista a Praga 7. Quando stavo finendo la scuola elementare, Vasil mi gridò che una parente del direttore della CKD non si sarebbe mai permessa di studiare in qualsiasi scuola secondaria ! I tempi sono cambiati, oggi mio zio Vojta è nei libri di testo della Facoltà Trasporti della Università Tecnica di Praga (CVUT) come costruttore di fama mondiale. Ha anche una via dedicata a lui, ha i suoi francobolli, ecc…

Come hai fatto a risolverlo?

Mio zio Vojta consigliò ai miei genitori di mandarmi dagli altri nonni a Jilemnice, ai piedi dei Monti dei Giganti. Mio nonno era un incisore che ha stampato vestiti/panni, quasi di classe dei lavoratori, così pensavamo che questo potesse essere accettabile per i comunisti. Ha funzionato e quindi ho avuto anche l’appoggio dal preside del liceo in anticipo. E’ stata una bella scuola. Aveva grandi maestri, tra cui alcuni scienziati che sono stati espulsi dalle università per motivi politici. Questa scuola è stata fondata già nel 1909 quando il mio paese era parte dell’Impero austriaco ed era una delle poche scuole secondarie in cui le lezioni si tenevano in lingua ceca. Molti artisti cechi hanno studiato lì come il cantautore Jiří Šlitr, attore Stanislav Zindulka, il fotografo Zdenko Fejfar o il direttore Karel Palous. E ‘incredibile, che ora qualche pazzo vuole chiudere questa grande scuola. Solo Hitler era così insolente per farlo. Ci sono state proteste e manifestazioni fino ad ora, ma invano.

Eppure il regime comunista permetteva di studiare in una università.

Sono andata al CVUT (Università Tecnica Ceca), la Facoltà di Ingegneria Civile, dal momento che mio padre era un ingegnere civile. I comunisti non censuravano i settori tecnici così tanto. Non mi piacevano molto le prime classi, costruzioni di strade, lavori da geometra etc…., ma nei gradi più elevati ci si poteva specializzare, in matematica superiore, (basi) computer, cartografia e altri. Ho scelto quindi l’astronomia. Nella costruzione del vecchio collegio tecnico a Karlovo Square, il magnifico Prof. Emil Buchar presiedeva ‘”l’istituto per l’astronomia e la geofisica elementare”. Ha sempre scelto solo un paio di studenti. Io ero la prima donna in mezzo a loro. Questo autunno è il 110° anniversario della sua nascita.

Se adesso lavori presso l’Istituto Geofisico dell’Accademia ceca delle scienze. Come sei arrivata qui?

La fine dei miei studi era vicina, quando improvvisamente un giorno, a tarda notte, il telefono squillò. Il Prof Buchar mi chiamò dicendomi che il giorno dopo sarei dovuta andare all’istituto geofisico alle 9 del mattino per un colloquio. Mi informò che mi aveva già registrato. Così sono andata lì, superai il colloquio. E da allora lavoro qui.

Non ti dispiace che dopo 20 anni il SIM non sono ancora nei libri di testo delle scuole, che i cambiamenti climatici sono ancora spiegati solo con la CO2, come se il clima fosse influenzato da altri fattori ?

Pubblicare il mio (il nostro) articolo è sempre stato un brutto sogno. Alcuni editor hanno respinto il nostro articolo senza revisione, dicendo che i loro lettori non ne sarebbero certamente interessati. Un altro editor mi ha detto che non avrebbe permesso di pubblicare il SIM nella loro rivista ! Ho anche ricevuto una “peer review” consistente in una sola frase: “Tutti gli articoli su moto solare dovrebbe essere vietati”. Nonostante tutte queste inimicizie, siamo riusciti ad avere articoli su SIM e le relazioni solari-terrestri su alcune riviste di fama mondiale. Riviste con un’ alto fattore di impatto (ad esempio New Astronomy, Harvard University, IF 2.2), Indagini in Geofisica (IF 3.1) e Cambiamento Climatico (Stanford University, SE 4.)

Ed i miei risultati sono all’interno di prestigiosi libri di testo di università americane – “Fundamentals of Phisics”.

Che accoglienza ha ricevuto la vostra ricerca sul moto solare, tra gli scienziati nel vostro paese?

I più illuminati, e sono molti, lo supportano e mi aiutano molto. Gli altri utilizzano questo argomento per il tiro al bersaglio. Mi è dispiaciuto sentire Dr. Grygar, astronomo ceco e membro della filiale ceca della CSI, confronta il SIM con l’astrologia. Mi chiedo quando si stancherà di farlo. E i nostri climatologi? Io rappresento il nostro istituto nel programma nazionale Ceco sul clima. Queste persone “ricercano” solo effetto serra vs temperature. Io li chiamo i “riscaldatori”. A volte mi sento come un guerriera solitaria che combatte contro tutti. Negano l’esistenza dell’influenza solare sul clima per non parlare dell’influenza di tutto il sistema solare. La maggior parte di loro si rifiutano di parlare con me, la maggior parte di loro addirittura non mi saluta, quando ci incontreremo. Anche adesso, quando molti giornali del mondo pubblicano articoli circa l’influenza del Sole sul clima. Probabilmente questo richiede più tempo. Molte scoperte hanno dovuto attendere, alcune molto lunghe. Non voglio sprecare il mio tempo a combattere contro i mulini a vento. Dio deciderà quando arriverà il momento.

E per quanto riguarda i media ceca? Qual è il loro atteggiamento nei confronti del movimento solare? C’è stato qualche documentari in TV su questo?

Circa due anni fa, alcune persone dal canale televisivo CT2 sono venute da me e abbiamo girato un’intervista mezz’ora per qualche periodico settimanale TV. Ero scettica. Volete veramente trasmettere? Certo, è già nella Guida TV. E poi, circa 2 ore prima dell’inizio della trasmissione, una persona potente li ha chiamati e ha vietato la trasmissione.

Il mio unico mezzo di comunicazione “presentazione” è stato quando sono stata invitata ad un concorso televisivo d’intrattenimento sul canale TV PRIMA (Il programma “Guess who i am”). E ‘stato divertente e ho colto l’occasione per sgattaiolare una breve descrizione del ciclo trifoglio e parlare del moto solare.

Ma il vostro lavoro è conosciuto e citato all’estero.

Lo è. Sono molto citata in entrambe le Americhe,ed in Canada. Sono citata dai tedeschi, italiani, australiani, scandinavi e recentemente, anche dai cinesi. Sono citata anche in altri campi di studio, per esempio nelle riviste di fisica Nucleare, Neutron repulsion Journal … Nel 2009 come organo del congresso della rete europea “Geophysical Union”, c’era un grande giuria sul Sole e clima. Io sono stata invitata a parlare lì ed inoltre sono stata invitata a parlare alla riunione dell’Unione Geofisica Americana in Brasile nel 2010.

Ho sentito che sei citata anche dagli scienziati che studiano gli esopianeti? Come vi relazionate ?

Sì, io sono citata dai tedeschi e dagli astronomi presso l’Università di Heidelberg. Ho suggerito che ci potremmo aspettare dei movimento baricentrici nelle stelle, che manifestano irraggiamento variabile. Il che significa che queste stelle hanno pianeti probabilmente. Ho scritto questo per il CTS (Centro di studi teorici) nell’anno 1995, quando non si conoscevano ancora gli esopianeti. Adesso ne conosciamo ben 400 di loro.

Fig.2 No, questi non sono disegni di gioielli. Si tratta di quattro esempi di percorso baricentrico di stelle con pianeti extrasolari (da Perryman e Schulze-Hartung, Astronomy & Astrophysics 525, A65, 2011).

C’è qualche messaggio che si desidera inviare ai lettori?

Quando si lotta per una buona causa, non bisogna mai mollare.

Vengo da una famiglia di appassionati seguaci delle tradizioni scout. Mio padre era uno dei membri fondatori del gruppo 5 di Scout d’acqua nel mio paese. Come un boy scout ha avuto l’onore di accogliere il nostro primo presidente, il fondatore della prima Repubblica Cecoslovacca indipendente, quando T.G. Masaryk stava ritornando dall’esilio. Grazie alla sua grande elasticità mio padre è riuscito a fare molte cose a dispetto dei comunisti. Ho quindi anche un esempio personale. Per conservarsi sani durante l’era comunista, ho tradotto in privato la grande poeta russo Anna Achmatova. Le mie traduzioni è stata possibile pubblicarla solo dopo la fine del regime comunista, nel 100 ° anniversario della sua nascita (Modrý Vecer, ODEON, 1990, tradotto da Ivanka Jakubcová). La signora Anna ha avuto una vita difficile. Nell’epoca stalinista è stata perseguitata e non ha potuto pubblicare le sue poesie per decenni, suo figlio è stato imprigionato nel Gulag per quasi 20 anni. Ma guarda ora la sua poesia viene letta in tutto il mondo.

Intervistata da:

Mons. Vítězslav Kremlík, il fondatore del sito http://www.klimaskeptik.cz Clima Ceca Skeptic

Mi scuso per la non perfetta traduzione dell’intervista e ringrazio l’utente Fabiodue per l’aiuto nella traduzione di alcuni passi. Spero tuttavia di avervi trasmesso, nell’insieme, il Charvátova-pensiero. Una ricercatrice che nell’istante nel quale acquisisce, prende coscienza di questa straordinaria scoperta, se ne esce a metà intervista con un…

“Ho capito subito, che è collegato con quasi tutto !”

Lista di pubblicazioni di Ivanka Charvatova :

Bucha, V., Jakubcová, I. and Pick, M. 1985 Resonance frequencies in the Sun’s motion, Studia Geophys. et Geod., 29, 107-111.

Jakubcová, I. and Pick, M., 1986a The planetary system and solar-terrestrial phenomena, Studia Geophys. et Geod., 30, 224-235.

Jakubcová, I. and Pick, M., 1986b Is there any relation between the Sun´s motion and global seismic activity? Studia Geophys. et Geod., 30, 148-152.

Jakubcová, I. and Pick, M.: 1987 Correlation between solar motion, earthquakes and other geophysical phenomena, Annales Geophysicae, B, 135-142.

Charvátová-Jakubcová, I., Křivský, L. and Střeštík, J., 1988 The periodicity of aurorae in the years 1001-1900, Studia Geophys. et Geod., 32, 70-77.

Charvátová, I., 1988 The solar motion and the variability of solar activity, Adv. Space Res., 8, 7, 147-150.

Charvátová, I. 1989 On the relation between solar motion and the long term variability of solar activity, Studia Geophys. et Geod. 33, 230-241.

Charvátová, I., 1990a The relations between solar motion and solar variability, Bull. Astr. Inst. Czech., 41, 56-59.

Charvátová, I., 1990b On the relation between solar motion and solar activity in the years 1730-1780 and 1910-60, Bull. Astr. Inst. Czech., 41, 200-204.

Charvátová, I., 1995a Solar-terrestrial and climatic variability during the last several millennia in relation to solar inertial motion, J. Coastal Res., 17, 343-354.

Charvátová, I., 1995b Solar-terrestrial variability in relation to solar inertial motion, Center for Theoretical Study, CTS-95-04, March 1995.

Charvátová, I., 1995c Solar-terrestrial variability in relation to solar inertial motion, Center for Theoretical Study, CTS-95-08, 2nd Edition, November 1995.

Charvátová, I., 1997a Solar-terrestrial and climatic phenomena in relation to solar inertial motion, Surveys in Geophys., 18, 131-146.

Charvátová, I., 1997b Solar motion (main article), in: Encyclopedia of Planetary Sciences, (Eds. J.H. Shirley and R.W. Fairbridge), Chapman & Hall, New York, 748-751.

Charvátová, I., 2006 Solar motion (main article), in: Encyclopedia of Planetary Sciences, (Eds. J.H. Shirley and R.W. Fairbridge), Springer, Berlin, 748-751.

Charvátová, I., 2000 Can origin of the 2400-year cycle of solar activity be caused by solar inertial motion?, Annales Geophysicae, 18, 399-405.

Charvátová, I., 2000 The cycle of 2402 years in solar motion and its response in proxy records, Geolines, 11, 12-14.

Charvátová, I., 2007 The prominent 1.6-year periodicity in solar motion due to the inner planets, Annales Geophysicae, 25, 1-6.

Charvátová, I., 2009 Long-trm predictive assessments of solar and geomagnetic activities made on the basis of the close similarity between the solar inertial motions in the intervals 1840-1905 and 1980-2045, New Astronomy 14, 25-30, doi: 10.1016/j.newast.2008.04.005.

Charvátová, I. and Střeštík, J., 1991 Solar variability as a manifestation of the Sun’s motion, J. Atmos.Terr. Phys., 53, 1019-1025.

Charvátová, I. and Střeštík, J., 1995 Long-term changes of the surface air temperature in relation to solar inertial motion, Climatic Change, 29, 333-352.

Charvátová, I. and Střeštík, J., 2004 Periodicities between 6 and 16 years in surface air temperature in possible relation to solar inertial motion, J. Atmos. Solar-Terr. Phys., 66, 219-227

Charvátová, I. and Střeštík, J., 2007 Relations between the solar inertial motion, solar activity and geomagnetic index aa since the year 1844, Adv. Space Res., 40, 7, 1026-1031, doi: 10.1016/j.asr.2007.05.086.

Paluš, M., Kurths, J., Schwarz, U., Novotná, D. and Charvátová, I., 2000 Is the solar activity cycle synchronized with the solar inertial motion?, Int. J. Bifurcation and Chaos, 10, 2519-2526.

Paluš, M., Kurths, J., Schwarz, U., Seehafer, N., Novotná, D. and Charvátová, I., 2007 The solar activity cycle is weakly synchronized with the solar inertial motion, Physics Letters A, 365, 421-428, doi: 10.1016/j.physleta.2007.01.039.

Charvátová, I., Klokočník, J., Kolmaš, J. and Kostelecký, J., 2011 Chinese tombs oriented by a compass: evidence from paleomagnetic changes versus the age of tombs, Studia Geophys. et Geod. 55, 159-174.

Fonte:

http://www.klimaskeptik.cz/news/interview-with-dr-ivanka-charvatova-csc-from-gfu/

New Ice Age

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 71 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: